Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Palazzo Te - Il bugnato, Le camere del palazzo

architettura


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

Organismo edilizio - STRUTTURA PORTANTE
ALVAR AALTO ( 1898-1976)
ARCHITETTURA PALEOCRISTIANA RAVENNATE
STORIA DELL'ARCHITETTURA - L'architettura protobizantina
FINE BAROCCO - FILIPPO JUVARRA, BERNARDO VITTORE, VANVITELLI
RESIDENZE IMPERIALI (Domus Aurea di Nerone, Domus Augustiana sul Palatino, Villa Adriana, ecc.)
La koine` allenistica : L`architettura ellenistica, Le citta` ellenistiche
Palazzo Te - Il bugnato, Le camere del palazzo

Palazzo Te

Palazzo Tè è un palazzo del rinascimento progettato da Giulio romano che fu costruito  tra il 1525 e il 1535, per volere di federico II Gonzaga, si pensa che il palazzo venne chiamato così dal nome del luogo, all'inizio della bonificazione dell'area infatti furono fatte due strade ornate di pioppi che formavano la lettera T.

Il palazzo non era una sede residenziale, ma un posto per il tempo libero, le feste e le ceri 313j99d monie.

In questo palazzo si può notare come Giulio Romano non lasci uguale spazio tra le varie aperture, in alcuni casi Giulio tende a nascondere le irregolarità, mentre in altri casi si può notare come mette alla luce i conflitti.

Questo atteggiamento si può notare in corrispondenza della sala dei cavalli, dove lo scarto dimensionale sempre quasi provocatorio.



Palazzo Tè offre un'immagine sfaccettata dell'ordine dorico, come dimostrano i trifogli cadenti, presenti nei due lati del cortile, che possono essere intesi come monumenti allo stato di rudere con alcuni conci penzolanti.

Il bugnato

La caratteristica che distingue Palazzo Tè il modo in cui sono stati accostati i materiali, in questo caso Giulio usa molto spesso il bugnato per articolare le pareti, accostandolo  e intersecandolo anche agli ordini  classici, così facendo si nota la differenza tra i due stili.

Nelle facciate esterne ovest e nord, la fascia marcapiano separa il bugnato grezzo del registro inferiore da quello liscio del superiore.

Per quanto riguarda le aperture il bugnato prende il posto degli altri elementi architettonici nell'incorniciare le aperture.

Gli archi dei portali sono inquadrati da raggiere di conci in progressivo risalto che si sovrappongono alla cornice.

Lo zoccolo rustico sotto i davanzali delle finestre si prolunga sui piedistalli delle lesene, facendo vedere così un'intersezione fra il bugnato e l'ordine architettonico.

Le pareti del cortile sono in gran parte rivestite con bugne lisce di diverse dimensioni, e vengono poste assai distanziate l'una dalle altre.  Il rivestimento a intonaco imita grandi conci di pietra ben squadrati e levigati, accostati a bugne rustiche, questi due elementi si intersecavano anche sulla stessa parete.

Inoltre il rustico oltre ad incorniciare i portali si può vedere nelle triplici arcate delle logge..

Nelle quattro colonne d'ingresso c'è un accoppiamento tra fusti grezzi e capitelli accuratamente levigati.

I prospetti esterni di Palazzo Tè fanno vedere la differenza del rivestimento bugnato e dell'ordine dorico.

L'architettura di Giulio si può notare all'ingresso dove c'è un'alternanza di architravi e arcate, soffitti piani e volte a tutto sesto.

Le camere del palazzo,  che sono accomunate dal contorno quadrangolare si differenziano per le dimensioni, i dipinti e le decorazioni, sembra infatti che Giulio voglia marcare le singolarità di ogni stanza e di sorprendere il visitatore nel passaggio da una stanza all'altra

Praticamente il bugnato è la caratteristica che distingue il Tè dalle altre ville rinascimentali

Gli ambienti nobili si trovano al pianterreno, mentre al primo piano erano ubicati locali di servizio.




Il palazzo è ispirato a modelli classici e si sviluppa attorno ad una corte quadrata

Le facciate esterne e quelle del cortile sono costituite da un unico ordine, i semipilastri all'esterno, e le semicolonne all'interno si estendono per tutte e due i piani e sono in stile dorico, con fregio a triglifi e metope

Il complesso si apre, tramite una loggia solenne, su un vasto giardino, il quale è attraversato da due assi di simmetria incrociati che accoppiano le facciate

All'ingresso si nota come il portale napoleonico sia messo in risalto da due coppie di lesene, le cui lesene sono riproposte alle estremità del palazzo, ulteriormente rafforzate da pilastri.

Nella facciata nord la triplice arcata accentua la grandezza dell'asse centrale, il quale non appare inquadrato nei sostegni sostegni verticali

Il giardino è concluso da un'esedra semicircolare, della metà del Seicento, a sinistra della quale è ubicato il prezioso appartamento del giardino segreto

Le camere del palazzo

Il palazzo è inoltre formato da varie stanze camere, ognuna delle quali offre un significato diverso, ta queste possiamo ricordare la camera di:

Ovidio,

Delle imprese

Di psiche

Dei venti

Degli imperatori

Dei giganti

Delle vittorie

Sala dei cavalli      







Privacy

Articolo informazione


Hits: 4879
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019