Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
  • Architettura
    Biologia
    Diritto
    Economia
    Educazione fisica
    Filosofia
    Generale
    Geografia
    Italiano
    Letteratura
    Marketing
    Medicina
    Scienze
    Storia
    Tecnica




Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Cenni storici

educazione fisica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

IL DOPING - FARMACI E SPORT: cenni storici sull'abuso
La Danza - Percorsi storici, protagonisti, stili, nozioni.
LA SALUTE, LA SALUTE DINAMICA
L'ATLETICA LEGGERA - CORSE, 100 metri piani
Curling - Superficie di gioco
Sindrome ipocinetica
GINNASTICA ARTISTICA - VOLTEGGIO
Cenni storici

Cenni storici





L'arco è sicuramente ai primi posti nella classifica delle invenzioni  dell' uomo.  Pensato ed elaborato in tempi diversi e indipendenti, sconosciuto agli aborigeni australiani e polinesiani nonchè in tutta la  zona della Micronesia, è invece noto in tutto il resto del globo. Il primo arco appare in una rappresentazione graffitica di trentamila anni fa e, ovunque nel mondo, se ne ritrovano vestigia sotto forma di disegni e punte di freccia. Si può affermare che l'uomo sin dal Paleolitico conosceva, grazie a questa arma, il sistema di colpire la preda a distanz 818c27i a di sicurezza.

L'Occidente basa la sua cultura in epoche non eccessivamente remote se paragonate ad altre zone e civiltà del passato. Infatti, quando l'Europa era ancora abitata da popolazioni selvagge, la Cina si trovava già a livelli altissimi di specializzazione. L'arcieria era parte delle arti da guerra cinesi e "compagnie" di arcieri erano integrate nell'esercito. Quindi, mentre l'Europa segnava il passo, in Oriente ed in Africa si raggiungevano livelli di abilità e di equipaggiamento che solo da pochi decenni noi abbiamo raggiunto.




Nei tempi biblici esistevano già archi metallici o composti da materiali diversi ed è grazie ad essi che le cronache egizie parlano di imprese incredibili, quali una spedizione di caccia all'elefante che riportò un bottino di 120 animali. Quanto gli antichi Egizi amassero i loro archi viene dimostrato dal Faraone Tutankamon il quale ordinò che i suoi ventisette archi l'accompagnassero nella tomba.

Non dimentichiamo poi la grande abilità degli arcieri mongoli e giapponesi che erano in grado di centrare il bersaglio scoccando frecce dalla groppa di un cavallo al galoppo. In un mondo che non conosceva gli odierni mezzi di locomozione, spostarsi a cavallo era indispensabile. La simbiosi tra arciere e cavallerizzo era d'obbligo: basti ricordare le orde selvagge di Sciti, Babilonesi, Assiri, Persiani e Parti, armate di archi corti e potenti.

Sino alla fine del secolo scorso, un'altra popolazione d'origine mongola, i Pellirosse, andava a caccia con metodi molto simili a quelli dei loro lontani cugini riuscendo ad abbattere bufali e bisonti. Si racconta di cacciatori in grado di scagliare una freccia con tanta forza da farla penetrare per tutta la sua lunghezza nel corpo dell'animale.

In Europa la storia dell'arcieria è di marchio inglese. In Inghilterra l'arco venne  probabilmente introdotto dai danesi e, inizialmente, si diffuse nel Galles. Le cronache del tempo narrano  di schiaccianti vittorie dei Gallesi sui Sassoni, proprio in virtù dell'arco da essi usato. L'arco gallese era corto e pesante, ma la sua potenza formidabile: le frecce potevano trapassare una porta di quercia dello spessore di 6 cm.

Dopo la conquista normanna l'arco gallese venne adottato in tutta l'isola anche se modificato nella forma (meno tozza ) e nella lunghezza (2,10 m): da qui l'appellativo di 'long-bow' o arco lungo. Il long-bow era usato comunemente dalla classe povera in quanto era meno costoso attrezzarsi con un arco ed una faretra piuttosto che con cavalli, armature e bardature. Fu appunto questa parte di popolazione (denominata "liberi uomini d'Inghilterra"), che componeva le Compagnie di arcieri, a sconfiggere la cavalleria francese nelle battaglie di Crècy (1346) e Poitiers (1356).

Con l'avvento delle armi da fuoco (archibugi e bombarde) iniziò un graduale declino nell'uso dell'arco: arco e frecce uscirono dalla scena bellica verso la fine del diciasettesimo secolo cedendo definitivamente il passo alle armi da fuoco.

L'attrezzatura

arco




frecce

paradita per la mano che tenderà la corda

parabraccio per il braccio che sosterrà l'arco

faretra

binocolo

borsa per l'arco

Gli archi in commercio si differenziano tra loro per il peso (che viene misurato in libbre) e per l'altezza (che viene espressa in pollici). Essi, inoltre, si diversificano per i materiali con cui sono costruiti: quelli più comunemente utilizzati nelle gare sono composti nella parte centrale (riser) da leghe di alluminio o ergal, mentre i flettenti sono fabbricati in composito di carbonio.

La normativa di gara attualmente vigente permette il tiro agonistico con tre diverse tipologie di arco: arco nudo, stile libero o arco olimpico, compound.

Per arco nudo si intende un arco privo di accessori. Sono consentiti esclusivamente un poggia freccia (rest) e un bottone elastico (ammortizzatore di freccia). Questo è sicuramente il modo di tirare che più si avvicina alle originarie tecniche di tiro.

L'arco olimpico (o stile libero) è identico al precedente. Ad esso la regolamentazione di gara consente di installare, oltre al rest ed all'ammortizzatore di freccia, un mirino e degli stabilizzatori che permettono di ottenere un tiro più preciso.

Il compound, arco di nuova generazione, si distingue a colpo d'occhio tra i tre. E' più corto degli altri ed alle sue estremità sono installate delle carrucole (cam) che hanno la funzione di diminuire lo sforzo di trazione fatto dall'arciere. Possono essere installati uno stabilizzatore ed un mirino dotato di una lente di ingrandimento. Il compound risulta essere un arco più potente dei precedenti e molto più preciso.

Le frecce maggiormente utilizzate sono in alluminio, in carbonio, in materiale composito (alluminio e carbonio). Per essere balisticamente ottimizzate devono essere 'messe a punto' (cioè equilibrate) perfettamente: ciò è possibile grazie a punte ed inserti, intercambiabili, di pesi differenti (il peso di punte e inserti viene espresso in "grani").








Privacy

Articolo informazione


Hits: 2200
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019