Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Edilizia Industriale e Artigianale

architettura


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

ARCHITETTURA GRECA - ORIGINE DEL TEMPIO, ETA' ARCAICA, ORDINE DORICO, ETA' CLASSICA
Il formarsi degli stati di massa e la nascita del regime fascista in Italia - Il contesto storico, Gli stati di massa
LE NUOVE RADICI ANTICHE G. Nardi - La cultura tecnologica delle costruzioni
Romanico Lombardo - Architettura emiliana
Le variazioni dell'identità- IL TIPO IN ARCHITETTURA - UN ENUNCIATO LOGICO SULLA FORMA
Franco Albini lezione 02-13 04 05 a
Le valli ladine delle Dolomiti racchiudono in sé un patrimonio culturale unico ed inestimabile.
Tempo di riverberazione ottimale
L'Età Gotica
LA PRIMA ETA' DELL'ARCHITETTURA MODERNA - ART NOUVEAU

Edilizia Industriale e Artigianale

Chi vuole ridurre tutto all'idea del semplice capannone, sappia che è stato superato da un pezzo il secolare principio della indissobilità tra l'industria e bassa qualità progettuale. Questo retaggio, pur duro a morire, è ancora percepibile nelle aree industriali residue degli anni Cinquanta e Sessanta, in cui la trascuratezza, l'assenza di manutenzione, l'ingombro di rottami arrugginiti sparsi ovunque, offrono una sensazione deprimente che sembra quasi voluta e cercata apposta.

L'edilizia industriale di oggi è tutt'altra cosa e il cambiamento deve considerarsi frutto di manutenzione imprenditoriale: 424h79e

  • In un ambiente qualitativamente apprezzabile si lavora meglio e più volentieri, quindi si produce di più;
  • Investire in qualità equivale a investire in pubblicità: infatti l'immagine dell'azienda è un biglietto di presentazione importantissimo, soprattutto nell'ambiente di superficialità in cui ci stiamo abituando a vivere.
  • Qualità progettuale significa razionalità distributiva, che a sua volta garantisce funzionalità all'intero complesso: un'azienda funzionale ottimizza le proprie risorse, riduce i tempi morti e, in conclusione, risparmia tempo.



L'applicazione di questi principi è ormai riconoscibile in tutti gli insediamenti industriali e artigianali dell'ultima generazione: la qualità si avverte già a livello urbanistico attraverso le corrette scelte viabilistiche, gli ampi spazi di parcheggio, la giusta presenza di verde e di arredo urbano, nonché dei servizi e delle attrezzature richieste della destinazione di zona (area di servizio con distribuzione di carburante e officina, ristorante e motel, servizi bancari e amministrativi ecc.).

La modalità più seguita per rendere disponibili le aree è quella del piano urbanistico particolareggiato (sia PIP che di iniziativa privata), la quale consente di operare attraverso procedure che garantiscono il controllo pubblico delle scelte e il corretto sviluppo delle fasi della pianificazione urbanistica.

L'edificio industriale è il risultato dell'aggregazione di spazi funzionali che possono essere diversissimi e che di solito si raggruppano secondo lo schema:

Energia

Produzione

Amministrazione

Servizi

Forza Motrice Elettrica

Aria Compressa

Vapore

Riscaldamento

Condizionamento

Magazzini per Ricambi e Semilavorati

Lavorazioni

Magazzini per Prodotti Finiti

Confezionamento e Spedizione

Servizi per il Personale

Direzione

Amministrazione

Clienti

Fornitori

Addetti




Servizi per il Personale

Sorveglianza e Custodia

Infermeria

Mensa Aziendale

Manutenzioni

Antincendio

Emergenza

Gli ambienti destinati alla produzione e distribuzione dell'energia possono limitarsi alle sole centrali termiche o alle cabine elettriche, ma spesso vi è l'esigenza di produrre vapore, aria compressa ecc., per cui occorrono veri e propri edifici con precise caratteristiche.

Gli spazi destinati alla produzione devono possedere grande flessibilità, per cui vanno escluse tutte le soluzioni strutturali che comportino vincoli distributivi: l'ideale è l'involucro completamente libero, da attrezzare in funzione delle esigenze sempre mutevoli. È bene prevedere una superficie maggiore di quella strettamente necessaria (non meno di un 30% in più): il committente va convinto che è indispensabile avere disponibilità di spazio per quelle che sono da considerarsi trasformazioni fisiologiche, tutte rapide divoratrici di spazio e che, se non trovano giusto sfogo, compromettono rapidamente la funzionalità degli ambienti, oppure impongono ampliamenti d'emergenza non pianificati (e perciò non funzionali).

Gli ambienti destinati all'amministrazione sono frequentati da clienti e fornitori, per cui devono essere assolvere anche compiti di rappresentanza e impongono scelte qualitative adeguate (pavimenti, rivestimenti, arredi). Quando vengono ricavati nello stesso edificio che ospita la produzione, occorre dedicare molta attenzione ai problemi dell'isolamento acustico; inoltre vanno sempre garantiti gli accessi riservati, i servizi igienici esclusivi ecc.

I locali destinati ai servizi aziendali sono di solito distribuiti sull'intera area di progetto, allo scopo di limitare i percorsi e consentire l'efficace svolgimento delle funzioni previste. Tra queste può esservi l'esigenza di un alloggio per il proprietario o per il custode: in tal caso deve essere verificata la possibilità di un efficace controllo su tutta l'area e contemporaneamente deve essere garantita una completa autonomia della normale attività aziendale (ingresso indipendente, parcheggio privato ecc.).

L'area di pertinenza (il lotto) deve essere oggetto di uno studio approfondito con l'obiettivo di ottimizzare l'utilizzo degli ingressi, dei percorsi differenziati (clienti, impiegati, addetti, merci), dei parcheggi, delle zone di carico e scarico, dei depositi all'aperto, senza dimenticare le zone da destinare ad arredo e giardino.

L'edilizia industriale si presta particolarmente all'impiego del prefabbricato proprio per l'esigenza di ampi volumi liberi; ecco perché le travi a "grande luce", i pannelli di copertura, i pannelli di tamponamento ecc. i materiali strutturali possono essere indifferentemente l'acciaio, il c.a., il c.a.p. e anche il legno lamellare.

Molta attenzione deve essere dedicata alle pavimentazioni, a causa dei consistenti carichi sempre presenti (e concentrati) nonché dell'elevato grado di usura tipico dell'impiego. Il tipo più tradizionale di pavimentazione consiste in una massicciata di alcuni decimetri di buon lapideo costipato e rullato, sulla quale si esegue un getto di calcestruzzo di classe elevata adeguatamente armato con barre e reti elettrosladate. Prima del completo indurimento, sulla superficie viene stesa e livellata una speciale biacca contente sabbie quarzifere eventualmente pigmentate. Per evitare la causalità delle lesioni da cedimento o da deformazione termica, la pavimentazione viene incisa con seghe diamantate in modo da avere linee di frattura prestabilita (solitamente di 2 x 3 m). esistono imprese specializzate nell'esecuzione di pavimentazioni industriali che sono in grado di risolvere problemi complessi offrendo garanzia con relativa certificazione.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1408
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019