Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

APPALTO - BENI DEMANIALI

architettura


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

ARCHITETTURA ROMANA - PERIODO REPUBBLICANO, INFLUENZE, STORIA, MATERIALI
TESINA EDIFICIO MUSEALE - ANALISI CRITICA E CONSIDERAZIONI GENERALI
IL RESTAURO ED IL GOTHIC REVIVAL
STORIA DELL'ARCHITETTURA - L'architettura protobizantina
GRECIA CLASSICA - Quadro storico, Innovazioni
Palazzo Te - Il bugnato, Le camere del palazzo

©:

L'APPALTO È UN CONTRATTO CON IL QUALE UNA PARTE (appaltatore) ASSUME, SU INCARICO DALL'ALTRA PARTE (committente) CON ORGANIZZAZIONE DI MEZZI NECESSARI E CON GESTIONE A PROPRIO RISCHIO, IL COMPIMENTO DI UN'OPERA O DI UN SERVIZIO VERSO UN CORRISPETTIVO IN DENARO.

ESECUZIONE DELL'OPERA: l'opera o il servizio deve essere eseguito direttamente dall'impresa appaltatrice, xchè il contratto si fonda sulla fiducia che questa riscuote presso il committente. Xciò non è ammesso il subappalto, se non dietro autorizzazione dell'appaltatore.

PREZZO DELL'APPALTO: il corrispettivo dovuto dal committente all'appaltatore è, di regola, d 212b11c eterminato dalle parti; in difetto si calcola con riferimento ad eventuali tariffe o usi; in mancanza, lo fissa il giudice.

ACCETTAZIONE DELL'OPERA: compiuta l'opera, il committente, prima di accettarla, ha diritto di verificarla con il collaudo. Se l'opera presenta difformità o vizi tali da renderla del tutto inadatta alla sua destinazione, il committente può chiedere la risoluzione del contratto.



Se i difetti sono meno gravi, può chiedere che l'appaltatore li elimini a sue spese, oppure che il prezzo sia diminuito. Inoltre se vi è colpa dell'appaltatore, può chiedere il risarcimento dei danni subiti.

SOGGETTI: . Il committente è colui che affida il lavoro e si obbliga a pagare il corrispettivo. . l'appaltatore è colui che si obbliga a eseguire l'opera o a prestare il servizio.

OGGETTO: consiste in un fare, può essere un'opera o un servizio.

CARATTERI: . è tipico di un'impresa, . l'organizzazione compete solo all'appaltatore, . il rischio dell'esecuzione è in carico all'appaltatore.

CORRISPETTIVO: . globale (forfait), . a misura.

FORNITURA MATERIALI: è fornita dall'appaltatore salvo patti diversi.

VARIAZIONI: . concordate: solo previa autorizzazione scritta del committente, . necessarie: se indispensabili per eseguire l'opera a perfetta regola d'arte, in mancanza di accordo sono determinate dal giudice, . ordinate: dal committente purché non superino il sesto del prezzo.

VERIFICHE: in caso d'opera il committente può a sue spese procedere a verifiche.

DIFETTI DELLA MATERIA: se fornita dal committente devono essere dall'appaltatore denunciati immediatamente.

ONEROSITÀ SOPRAVVENUTA: se per circostanze imprevedibili aumenta o diminuisce il costo dei materiali o della mano d'opera per più di 1/10 si ha una revisione del prezzo per  la differenza che eccede.

PAGAMENTO DEL PREZZO: il diritto al corrispettivo matura a favore dell'appaltatore all'accettazione dell'opera salvo patto diverso.

DIFFORMITÀ E VIZI: l'appaltatore deve la garanzia per le opere eseguite dal committente: a) la denunzia deve avvenire entro 60gg dalla scoperta a pena di decadenza, b) l'azione si prescrive in 2anni dalla consegna.

CONTENUTO GARANZIA: che le difformità e i vizi siano eliminati a spese dell'appaltatore o il prezzo diminuito. Se sussiste colpa l'appaltatore è tenuto al risarcimento del danno.

ROVINA E DIFETTI DI COSE IMMOBILI: se si tratta di immobili e l'opera rovina per: a)vizio del suolo; b)difetto di costruzione; c)gravi difetti. La garanzia dovuta al costruttore è di 10anni dal compimento; la garanzia è dovuta al committente e ai suoi aventi causa. La denunzia deve avvenire entro 1anno dalla scoperta. L'azione si prescrive in 1anno dalla denunzia.

RECESSO: il committente può recedere dal contratto pagando: a)le spese sostenute dall'appaltatore; b)i lavori eseguiti; c)il mancato guadagno.

MORTE APPALTATORE: il contratto continua con gli eredi che hanno la capacità di continuare l'opera.




BENI DEMANIALI:

Art.822cc. i beni demaniali sono quei beni che appartengono al demanio dello Stato. I beni del demanio si classificano in: demanio necessario e demanio eventuale.

Il I° comma dell'art.822cc., elenca i beni che appartengono al c.d. demanio necessario, i quali beni non possono appartenere ad altri se non al demanio dello Stato. Sono:

. il LIDO DEL MARE: la riva del mare in relazione alle ordinarie mareggiate (battigia).

.  SPIAGGIA: la striscia di sabbia o ghiaia compresa tra il mare e la terra ferma.

.  RADE: insenature naturali.

.  PORTI: ricoveri, naturali o artificiali, per natanti.

. TORRENTI, FIUMI E LAGHI: il bacino d'acqua che occupano durante la piena ordinaria.

.  ACQUE PUBBLICHE: acque sorgenti, fluenti o doganali, in qualsiasi modo estratte dal sottosuolo.

.  LE OPERE DESTINATE ALLA DIFESA NATURALE: tutte le opere militari, (naturali o artificiali) destinate alla difesa.

Il II° comma dell'art.822cc., elenca i beni che appartengono al demanio eventuale, i quali beni fanno parte del demanio solo se appartengono allo Stato. Sono:

.  LE STRADE: solo quelle statali (mentre quelle provinciali, comunali o private, così come tutti gli altri beni di seguito elencati, non sono demaniali).

.  LE AUTOSTRADE.

.  LE STRADE FERRATE: ferrovie.

.  GLI AERODROMI: aeroporti.

.  GLI ACQEDOTTI.

.  GLI IMMOBILI RICONOSCIUTI DI INTERESSE STORICO, ARCHEOLOGICO E ARTISTICO A NORMA DELLE LEGGI IN MATERIA.

.  LE RACCOLTE DEI MUSEI.

.  LE PINACOTECHE.

.  GLI ARCHIVI.

.  LE BIBLIOTECHE.

.  GLI ALTRI BENI CHE SONO DALLE LEGGI IN MATERIA ASSOGGETTATI AL REGIME DEI BENI DEMANIALI.

I beni demaniali hanno il compito esclusivo quello di soddisfare l'interesse pubblico, ed è evidente che possono farlo solo se permane la loro appartenenza allo Stato. È per questo motivo che sono:

INALIENABILI: non possono essere ceduti a terzi ma devono sempre appartenere al demanio. INUSUCAPILI: non possono essere usucapiti neppure in forza del possesso da parte di terzi. IMPIGNORABILI: non possono essere assoggettati a pignoramento e cmq a qualsiasi esecuzione coattiva. INSEQUESTRABILI: non possono essere sottoposti a sequestro né giudiziario né conservativo. INESPORIABILI: non possono essere espropriati neppure per pubblica utilità. IMPOSSIBILITÀ DELLA COMUNIONE: non possono essere assoggettati a comunione forzata (art.875 e 879cc.). NON TOLLERANO DIRITTI REALI: non è possibili costruire su di loro e a favore di terzi, né diritti reali di godimento, né di garanzia.

La funzione dei beni demaniali può essere:

DIRETTA: quando è la stessa P.A. a fare uso del bene da soddisfare l'interesse pubblico primario (i beni della difesa nazionale).

INDIRETTI: quando l'interesse pubblico primario viene realizzato attraverso l'uso che ne fanno i privati. E questo uso può essere: ORDINARIO (è lo sfruttamento del bene in modo conforme alla sua destinazione direttamente da parte dei cittadini), ORDINARIO (è lo sfruttamento del bene pubblico in modo conforme alla destinazione ceduto in concessione a chi corrisponde un canone), ECCEZIONALE (è lo sfruttamento del bene in modo non conforme alla sua destinazione).

La CONNCESSIONE è un provvedimento amministrativo di natura obbligatoria . Può essere: COSITUTIVA (quando in capo a un privato vengono costituiti diritti che non preesistevano in capo alla P.A. che rilascia la concessione), TRANSLATIVA (quando la P.A. trasferisce a un privato il diritto di godere un bene di sua proprietà.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1678
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019