Caricare documenti e articoli online 
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

1^ LEGGE DI OHM - OBIETTIVO DELLA PROVA

fisica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di

1^ LEGGE DI OHM


1) OBIETTIVO DELLA PROVA:

Verificare la prima legge di Ohm:

a temperatura costante per la maggior parte dei conduttori metallici il rapporto tra la differenza (V) di potenziale l'intensità di corrente (I) è costante al variare della differenza di potenziale.




2) STRUMENTI UTILIZZATI:






Circuito (Amperometro, Voltometro, resistenza)

Computer



CIRCUITO


Il circuito da noi utilizzato era costituito da un amperometro, disposto in serie; un voltmetro, disposto in parallelo e una resiste 313e43d nza.


Una caratteristica fondamentale dell'amperometro che abbiamo utilizzato è la piccola resistenza e quindi si deduce dalla formula

che anche la differenza di potenziale (V) è piccola e così non modifica le condizioni del circuito.


Il voltmetro da noi utilizzato doveva invece, al contrario dell'amperometro avere una resistenza alta.











- +


COMPUTER


Con il computer e il foglio elettronico abbiamo inserito i dati sperimentali, calcolato i dati matematici tra cui la retta dei minimi quadrati.

Abbiamo poi eseguito il grafico:


q       Differenza di potenziale (V) / Intensità di corrente (a)


3) CONTENUTI DELLA PROVA:

Vedi grafico e tabella allegati.


4) MODALITA' DI ESECUZIONE DELLA PROVA:


In laboratorio abbiamo effettuato la prova facendo 10 misure sulla differenza di potenziale e sulla intensità di corrente, le misure sono state fatte in un breve arco di tempo per evitare il surriscaldamento della resistenza, la quale, per via della legge di Joule, scaldandosi, fa diminuire il suo valore e quindi non avrebbe fatto si che i valori della resistenza siano pressappoco uguali.


I valori ottenuti sono i seguenti:


V (v)

I (a)

R ()






































Con questi dati abbiamo eseguito il grafico (allegato).

In questi grafici abbiamo calcolato la retta dei minimi quadrati che ci ha permesso di approssimare con una retta i punti del grafico; la colonna V* (nel grafico) rappresenta i valori matematici di questa retta nell'asse delle ordinate (y), per calcolarli abbiamo dovuto prima trovare:

Q1 (intercetta)

K1 (pendenza) pendenza della retta

L'intercetta è un segmento staccato sull'asse delle ordinate (y) che determina il punto di partenza delle rette.

K1 e Q1 sono state trovate mediante l'algoritmo di calcolo di Excel:

INDICE(REGR.LIN(y_nota;x_nota);1) K1

INDICE(REGR.LIN(y_nota;x_nota);2) Q1

La colonna dei valori V* è stata calcolata con la seguente formula:

P1 = K * x + Q


V*(v)












5) OSSERVAZIONI:


Il grafico V - I  ha avuto un andamento rettilineo.

Quindi possiamo affermare che il loro rapporto è costante.

La prima legge di ohm è verificata.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 2074
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2020