Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Carpe diem: testi a confronto

latino




Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a WhatsApp - corso di

Carpe diem: testi a confronto

"Cantare il piacere, e insieme la sua fugacità, è uno dei motivi eterni della poesia mondiale: da Mimnermo ad Alceo, a Catullo, a Omar Khayyam, al Poliziano e al Magnifico Lorenzo; ma la grandezza del poeta non è mai nel tema poetico, per quanta risonanza esso possa avere nel cuore degli uomini: è nel tono poetico, nell'atmosfera poetica inconfondibile che è creazione originalissima di ciascun poeta." (da "Pan", G.Perrotta)


Il confronto tra il carpe diem oraziano e quello di altri autori greci, latini o di età successiva ha la funzione di farci comprendere quale sia il reale messaggio del Venosino e, quali sfaccettature può assumere il tema della fugacità della vita e del bisogno di cogliere il piacere momentaneo.


Nella Grecia arcaica del VII secolo a.C., Mimnerno di Colofone, lamentava la fugacità della giovinezza rifacendosi ad una similitudine omerica del sesto libro dell'Iliade:

"Siamo come le foglie nate alla stagione florida

-crescono così rapide nel sole-:

godiamo per un gramo tempo i fiori dell'età,





dagli dèi non sapendo il bene, il male" ( fr.2, vv.1-4; trad. F.M. Pontani)

Mimnermo, lontano da filo 959g64j sofie epicuree, ricercava la felicità in un piacere quasi superficiale, destinato a durare un solo attimo e che reca gioia solo nel momento in cui si prova e non nel suo ricordo.


Nello stesso periodo, Alceo di Mitilene cantava la necessità di godere dei beni dei presente, delle gioie del vino e del simposio:

"Beviamo: a che attendere le fiaccole?

Dura un dito il giorno!" (fr. 346, v.1- trad.A. Porro)

Il poeta greco si rifaceva al piacere momentaneo, ma, la sua ricerca era semplice, priva di schemi mentre, Orazio arricchiva il suo carpe diem di valori simbolici, dandogli lo spessore di una meditazione esistenziale. Nel Venosino spirava "l'aurea mediocritas", in Alceo il fulgore delle armi e l'impeto della corsa all'appagamento dei sensi.


L'invito a godere delle gioie dell'amore ed il senso della fragilità della vita è presente anche in Asclepiade di Samo (Ant.Palatina V,85) che scrisse:

"A me ti neghi: perché mai se, una volta nell'Ade,

nessuno troverai, fanciulla, che t'ami?

Ai vivi sono riservate le gioie d'amor: ché nell'Acheronte

polvere ed ossa, o fanciulla, resteràn di noi". (trad. L.Tortora).

In questa poesia, il piacere si connota nei termini di ricerca di appagamento come in Mimnermo, ma, non vi sono limiti d'età.


Oltre che in Grecia, il tema del "carpe diem" ricorre tra i poeti neoterici. Uno di loro, Catullo, rivolgendosi alla donna amata, Lesbia, la invita a godere dei piaceri del presente affermando che la luce è breve, mentre, "nox perpetua est":

"Viviamo, mia Lesbia, ed amiamo,

i brontolii dei vecchi troppo rigidi

valutiamoli tutti un solo centesimo.

I giorni possano tramontare e ritornare:

noi quanto la breve vita tramonta,

siamo costretti dormire una sola interminabile notte.

Dammi mille, poi cento,

di seguito altri mille, e poi ancora cento,

quindi ancora altri mille e ancora cento.

Poi, quando ne avremo sommate molte migliaia,

li mescoleremo tutti,

perché nessuno possa stringere in malie

un numero di baci così grande."

 


"Vivamus, mea Lesbia, atque amemus,

rumoresque senum severiorum

omnes unius aestimemus assis.

Soles occidere et redire possunt:

nobis cum semel occidit brevis lux,

nox est perpetua una dormienda.

Da mi basia mille, deinde centum,

dein mille altera, dein secunda centum,

deinde usque altera mille, deinde centum.

Dein, cum milia multa fecerimus

conturbabimus illa, ne sciamus,

aut ne quis malus invidere possit,

cum tantum sciat esse basiorum."


Il carpe diem di Catullo si serviva del ciclico ripetersi degli eventi a fronte della linearità del destino umano, infatti, l'autore pregava la sua amata Lesbia di donargli più piacere possibile, perché il tempo della vita che rimane loro, anche se sembra lungo, si accorcia ad ogni attimo che passa. Il trasporto che caratterizzava Catullo non era sicuramente quello di Orazio, che amò l'arte e la poesia più di uomini e donne e che fu guidato dall'"est modus in rebus".  Il non pensare al domani era anche un modo di rimuovere il pensiero della morte, inscindibile da quello del tempo che fugge.


Oltre i limiti dell'età classica, il tema del carpe diem viene ripreso nell'umanesimo e nel rinascimento ed è teso a sottolineare il senso del limite che pervade e in qualche modo offusca la visione antropologica dell'homo faber fortunae suae. È da sottolineare che, mentre in Orazio la lirica nasce dalla riflessione e dalla triste rassegnazione, in età umanistica, la musa ispiratrice della maggior parte dei poeti è la voluttà.

Tra i versi più noti vi sono quelli di Lorenzo il Magnifico che, ne "Il trionfo di Bacco e Arianna", scrive:

"Quant'è bella giovinezza,

che si fugge tuttavia!

Chi vuol esser lieto, sia:

di doman non c'è certezza.

~

Amiam ché non ha tregua

con gli anni umana vita e si dilegua.

Amiam: ché 'l Sol si muore e poi rinasce:

a noi sua breve luce

s'asconde, e 'l sonno eterna notte adduce. " (canzone di bacco versi, 1-10)

Si noti come Il Magnifico, in questi versi, sembra aver ripreso l'Ode 1,11 del Venosino, tanto che: "che si fugge tuttavia" è la traduzione di "fugerit invida aetas"  e "del doman non c'è certezza" è quella di "quam minum credula postero".


































Orazio, seguace di Epicuro o di Aristippo?


Il Carpe diem oraziano, potrebbe indurre a credere che Orazio fosse un epicureo, ma, come molti critici sostengono, il Venosino, in realtà, aveva fede ad Aristippo di Cirene, discepolo di Socrate, un precursore di Epicuro, e questo si nota dal fatto che il piacere per Orazio, così come per Aristippo, è momentaneo, monocrono, mentre Epicuro anela a giungere la divina atarassia.

Di conseguenza la felicità di Epicuro è contemplazione delle gioie passate e attesa delle gioie future, mentre, il piacere di Aristippo e di Orazio, risiede nel fugace.

Ammesse queste differenze, è tuttavia innegabile che il poeta delle odi si sia proposto di mettere in pratica i precetti di Epicuro, il quale suggeriva di cogliere i frutti della vita (è proprio questo il significato metaforico del carpe diem), ma, senza che venisse turbato l'equilibrio interiore dall'assalto dei sensi e delle conturbanti passioni. Contrariamente a quello che si può credere non era certamente agevole per nessuno, meno che mai per uno come Orazio poco disposto per natura a rinunziare a quei piaceri che venivano messi all'indice da Epicuro, mettere in pratica tali precetti. In effetti, gli epicurei non ricercavano il piacere assoluto e indifferenziato, ma costituivano al contrario quasi una congregazione monastica, e gli epicurei sceglievano di vivere appartati (questo è il senso del cosiddetto late biosas) col proposito di godere di quei pochi piaceri, che la loro ragione suggeriva loro di scegliere.

Fatte queste premesse, la morale oraziana, pur concentrandosi sul piacere istantaneo, è "una morale contraddittoria", in quanto non può prescindere dalla ricerca di un equilibrio interiore, che richiede un profondo senso della misura che solo la ragione può fornire, ma non è detto che essa riesca sicuramente nel suo compito di fornire al poeta una serenità imperturbabile.

La metriòtes e l'autàrcheia, non sono mai per Orazio un possesso saldo e definitivo e l'armonia intima è tensione dinamica, un equilibrio continuamente insidiato e da riconquistare, che non è, tuttavia, indenne da fenomeni di ansiosa inquietudine.

Questo spiega perché, in età matura, Orazio, pur senza rigettare i precetti degli epicurei, si appellasse anche ad un'altra filosofia, quella di Aristippo che, predicando la regola del modus, e suggerendo di vivere "in staccato", faceva pensare ad un più agevole modello di vita morale.

Così come si può notare nelle pedagogia morale delle Satire, Orazio apprezzava la massima del cirenaico:  "Un uomo giusto e misurato, che trovandosi in mezzo a molti malvagi non si lasci fuorviare".
Nella Ep., I, 1, 18 Orazio, afferma: "Ora torno ai precetti d'Aristippo, e mi sforzo di sottomettere le cose a me, non me alle cose", dimostrando in tal modo di voler seguire la prima delle regole di vita dettate dal filosofo di Cirene, il quale esortava a dominare attivamente e non essere dominati dagli impulsi.

La regola per eccellenza che conquistò Orazio fu quella che prescriveva l'indipendenza personale, poiché contribuiva a fornirgli i mezzi del comportamento da tenere nei riguardi dei potenti e della sua astensione intellettuale nei riguardi del potere.[i]



Bibliografia

Cfr. Luciano Tortora, Fragmenta latinitatis, pagine 388-390, Loffredo Editore, Napoli, 2004

Cfr. Paolo di Sacco, Scritture latine, Orazio e la morale occidentale, pagine 68-74, Edizioni scolastiche Bruno Mondadori, Varese, 2003

Cfr. Paolo di Sacco, Mauro Serìo, Scritture latine, Dall'età augustea al tardo impero, pagine 112-113, 140, Edizioni scolastiche Bruno Mondadori, Torino, 2003




Sitografia

www.wikipedia.it

www.liceoberchet.it

www.biblio-net.com







[i] Realizzato da Francesca Arcidiacono







Privacy

Articolo informazione


Hits: 25588
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2020