Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
 
Architettura
Biologia
Diritto
Economia
Educazione fisica
Filosofia
Generale
Geografia
Italiano
Letteratura
Marketing
Medicina
Scienze Chimica Fisica Geometria Informatica Matematica Ricerche Scienze della materia Scienze della terra
Storia
Tecnica
 
 
 
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

URTI ELASTICI E ANELASTICI

fisica

Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di

ALTRI DOCUMENTI

Thomas Alva Edison
TESINA DI FISICA - CHE COSA E' UN MODELLO SCIENTIFICO?
Conservazione : Legge di conservazione
scoprire il senso in cui si propagano le onde in un fluido
La seconda legge della dinamica
Verifica urti elastici e anelatici
Verifica sperimentale della legge di Stevin
RELAZIONE - Indagine sul riscaldamento di una massa d'acqua
Uso della bilancia di precisione
Reazione di equilibrio

 

TITOLO

URTI ELASTICI E ANELASTICI

OBIETTIVI:

Verificare la conservazione di energia cinetica e quantità di moto negli urti elastici e viceversa negli urti anaelastici

MATERIALI:

1.      Slitta a cuscino d'aria

2.      Carrelli con bandierine

3.      Fotocellule

4.      Elastici

5.      Massa

6.      Dispositivo d'aggancio

7.      Cronometro

8.      Bilancia elettronica

DISEGNO:

PROCEDURA:

1.      Massare i carrelli e tutti i componenti della slitta

2.      Montare l'attrezzatura mettendo gli elastici al termine di ogni carrello

3.      Effettuare rilevazione di ∆t in più esperienze nella quali i carrelli sono di massa approssimatamente uguale, maggiore o minore, annotarli e ricavare la quantità di moto

4.      Ripetere cambiando le velocità iniziali e finali di entrambi i carrelli

5.      Montare il dispositivo di aggancio e ripetere l'esperienza

CONCLUSIONI:

Come detto nei dati attraverso quest'esperienza abbiamo verificato la conservazione della quantità di moto negli urti elastici e la sua dispersione in quelli anelastici.

Alcuni possibili errori possono essere dovuti alla qualità del moto che partendo una spinta umana può essere accelerato e non uniforme per i primi tratti di percorso dei carrelli, oppure alla pendenza che probabilmente la slitta assume, inoltre  possono esserci stati errori di taratura dei materiali e di lettura o rielaborazione dei dati.

ELABORAZIONE DATI:

Si considera solo la componente orizzontale:      Ep=0      perché la gravità non ha influenza su un campo come il piano orizzontale

La quantità di moto p è il prodotto p=mV ( massa per velocità).

L'energia e la forza sono proporzionali alla quantità di moto:

Ec=1/2mV2 =(mV)2/(2m)=p2/(2m) 

p2=2mEc

F=m(Vf-Vi)/t                  F=∆p/t

 Questa esperienza si verica la legge che dice:  Vi+m2Vi=m1Vf+m2Vf  negli urti di tipo elastico e si smentisce in quelli di tipo anelastico

Articolo informazione


Hits: 1053
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.