Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

NOMENCLATURA DEI COMPOSTI - Verificare la formazione di composti binari e ternari mediante le reazioni di formazione

chimica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

MISURAZIONE DEL VOLUME MOLARE DELLA CO2 - SCOPO DELL'ESPERIENZA, OPERAZIONI DI MONTAGGIO
INFLUENZA DELLA VARIAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE DEI REAGENTI E DELLA TEMPERATURA SULLA VELOCITA' DI UNA REAZIONE
LA PRESSIONE - osservazione di alcuni fenomeni provocati dalla pressione e calcolo della stessa
Separazione di un acido di una base e di un composto neutro
MISCELE OMOGENEE
LA LEGGE DI PROUST - verifica della legge di Proust
Propack VCI (Inibitore Volatile di Corrosione)
COSTITUENTI DELLA MATERIA
Compito di Chimica - Caratteristiche generali - Deformazione elastica e modulo elastico

RELAZIONE #2 DI CHIMICA

NOMENCLATURA DEI COMPOSTI

2) Scopo: Verificare la formazione di composti binari e ternari mediante le reazioni di formazione:

o               Metallo + Ossigeno gassoso Ossido

o               Ossido + Acqua Idrossido




o               Metallo + Acqua Idrossido + Idrogeno gassoso

o               Non metallo + Ossigeno gassoso Anidride

o               Anidride + Acqua Ossiacido

o               Metallo + Idracido Sale + Idrogeno gassoso

o               Ossido + Ossiacido Sale + Acqua

o               Idrossido + Ossiacido Sale + Acqua

o               Idrossido + Anidride Sale + Acqua

3) Premesse Teoriche:

Nomenclatura dei composti: Si divide in nomenclatura tradizionale e IUPAC. In laboratorio si usa soprattutto quella tradizionale, anche se la IUPAC quella riconosciuta a livello internazionale. Sia per la tradizionale che per la IUPAC, quando sono presenti pi N.O., si usano le desinenze -oso (N.O. minore) e -ico (N.O. maggiore), con a volte i prefissi ipo- e per- (4 N.O.). Per i Sali, -oso diventa -ito, e -ico diventa -ato. Quando, negli acidi, si addizionano pi molecole d'acqua, subentrano i prefissi meta-, piro-, orto-, tri- e tetra-. Per la IUPAC,i prefissi bi, tri, tetra, penta, esa, eccetera, indicano il numero di atomi di quell'elemento, mentre il numero romano indica il N.O. del metallo (nei Sali e negli Acidi)

I). Ossidi: Sono composti binari formati da Metallo e Ossigeno (es. MgO). La nomenclatura comincia con ossido, seguito dal nome del Metallo. Per la IUPAC, sono tutti ossidi di, seguito dal nome del metallo.

II). Idrossidi: Sono composti ternari formati da Metallo legato a tanti gruppi Ossidrilici (OH) quanto il suo N.O. (es. Mg(OH)2). Sono tutti idrossido di, seguito dal nome del Metallo. Nella IUPAC, si specificano il numero di atomi d'Ossigeno e tra parentesi il N.O. del Metallo.

III): Anidridi: Sono composti binari formati da Ossigeno e Non Metallo (es. CO2). Si usa il nome anidride seguito dal nome del Non Metallo. L'indice dell'ossigeno assume i valori di N.O del Non Metallo. Per la IUPAC, sono tutti ossidi di, seguito dal nome del metallo.

IV): Ossiacidi e Idracidi: Gli Ossiacidi sono composti ternari formati da Non Metallo, Ossigeno e Idrogeno. Si ottengono per reazione delle Anidridi con Acqua. Il nome deriva dall'Anidride corrispondente. Nella IUPAC, si specificano il numero di atomi d'Ossigeno e tra parentesi il N.O. del Metallo in numeri romani. Gli Idracidi sono composti binari formati da Idrogeno e Non Metallo. Sono tutti acidi, e hanno desinenza -idrico. Nella IUPAC, assumono desinenza -uro, applicata al nome dell'elemento che nella formula si trova a destra.

V). Sali Ternari e Binari: I Sali Ternari sono composti ternari derivanti dagli ossiacidi, nei quali l'Idrogeno sostituito con atomi di Metallo. Il nome deriva dall'ossiacido corrispondente. Nella IUPAC, si specificano il numero di atomi d'Ossigeno e tra parentesi il N.O. del Metallo in numeri romani. I Sali Binari sono composti binari formati da Metallo e Non Metallo. Hanno tutti desinenza in -uro applicata al Non Metallo. Nella IUPAC, assumono desinenza -uro, applicata al nome dell'elemento che nella formula si trova a destra.

VI). Idruri: Sono composti binari formati da Idrogeno e Metallo. Iniziano tutti con idruro, seguito dal nome del Metallo corrispondente. Nella IUPAC, assumono desinenza -uro, applicata al nome dell'elemento che nella formula si trova a destra.

Numero d'ossidazione: Detto anche Stato d'ossidazione, consente il calcolo degli elettroni trasferiti durante una reazione chimica. Rappresenta la carica netta che ogni atomo di una molecola o di uno ione poliatomico avrebbe se gli elettroni di legame fossero assegnati all'atomo pi elettronegativo. I metalli del 1, 2, 3 gruppo hanno sempre N.O +1, +2, +3. L'idrogeno ha sempre N.O. +1, tranne negli Idruri dove ha N.O. -1. L'ossigeno ha sempre N.O. -2, tranne nei Perossidi (N.O. -1). Tutti gli atomi allo stato elementare hanno N. O. 0. In uno ione poliatomico, la somma algebrica dei N.O. corrisponde alla carica dello ione stesso, mentre in una molecola dev'essere uguale a 0.

Reazioni di sintesi: Sono reazioni tra due composti, dai quali si forma un solo prodotto. Da esse derivano gli Ossidi, le Anidridi, gli Idrossidi, gli Acidi, gli Idracidi, gli Idruri.

Reazioni di scambio semplice: Sono reazioni tra due composti, dai quali si formano due prodotti, uno dei quali o Acqua o Idrogeno gassoso. Da esse derivano gli Idrossidi, gli Acidi, i Sali Ternari, i Sali Binari

Equazioni chimiche: L'equazione chimica un'equazione che esprime sulla carta quello che avviene in una reazione chimica. Le sostanze coinvolte nella reazione chimica vengono indicate nell'equazione con le formule chimiche. A sinistra della freccia troviamo le sostanze che reagiscono, a destra quelle che si formano. I coefficienti davanti alle formule chimiche indicano il numero di moli di quella sostanza che reagiscono nella reazione. Un'equazione chimica avente lo stesso numero di atomi di un tipo da ambo le parti della freccia bilanciata.

4) Strumenti & Reagenti

Reagenti: Magnesio metallico (Mg); Acqua distillata (H2O); Fenolftaleina; Calcio metallico (Ca); Zolfo metallico (S); Zinco metallico (Zn); Acido cloridrico (HCl); Ossido di Calcio (CaO); Acido Nitrico (HNO3); Idrossido di Bario (BaOH); Acido Solforico (H2SO4);



Strumenti: Accendino o Fiammiferi; Vetrini da orologio X5; Cartina Tornasole; Provette X6 (con Porta provette); Pinze; Fornello elettrico; Crogiolo; Cannuccia; Spatola

5)Metodologia Operativa

I). Formazione di Ossidi: Prendere una lamina di Magnesio metallico, assicurandosi che non sia bagnata, e, tramite l'accendino o i fiammiferi bruciarla, tenendola su un vetrino da orologio, fino a causarne la combustione. Osservare e scrivere la reazione di formazione dell'Ossido.

II). Formazione d'Idrossidi: Mettere in provetta l'Ossido di Magnesio prodotto con la precedente reazione ed aggiungere circa 2ml di Acqua distillata. Agitare per far avvenire la reazione, quindi aggiungere Fenolftaleina. Osservare e scrivere la reazione di formazione dell'idrossido. Ora prendere dei granuli di Calcio metallico e metterli in una provetta contenente circa 2ml d'Acqua distillata. Agitare per far avvenire la reazione, quindi aggiungere Fenolftaleina. Osservare e scrivere la reazione di formazione dell'Idrossido.

III)Formazione di Anidridi: Prendere alcuni granelli di Zolfo solido e metterli nel crogiolo. Posizionare il crogiolo sul fornelletto elettrico e porre il tutto sotto cappa. Far bruciare lo Zolfo, osservare e scrivere la reazione di formazione dell'Anidride.

IV). Formazione di Acidi: Posizionare sopra il crogiolo contenente lo Zolfo della precedente reazione un vetrino da orologio con attaccata la cartina tornasole bagnata con acqua. Attendere che lo Zolfo cominci a bruciare, quindi osservare e scrivere la reazione di formazione dell'Acido.

V). Formazione di Sali: Partendo dal Metallo e dall'Idracido, porre delle barrette di zinco metallico in provetta e aggiungere dell'Acido Cloridrico. Attendere che i due composti reagiscano, quindi osservare e scrivere la reazione di formazione del Sale. Partendo dall'Ossido e dall'Ossiacido, porre una punta di spatola di Ossido di Calcio in una provetta ed aggiungere circa 3ml di Acido Nitrico. Attendere che i due composti reagiscano, quindi osservare e scrivere la reazione di formazione del Sale. Partendo dall'Idrossido e dall'Ossiacido, porre nella provetta dell'Idrossido di Bario, ed aggiungere dell'Acido Solforico. Attendere che i due composti reagiscano, quindi osservare e scrivere la reazione di formazione del Sale. Partendo dall'Idrossido e dall'Anidride, porre in provetta dell'Idrossido di Bario (circa 5ml), e soffiarci dentro con una cannuccia o una pipetta per produrre Anidride Carbonica. Attendere che i due composti reagiscano, quindi osservare e scrivere la reazione di formazione del Sale.

6). Raccolta Dati ed Elaborazione Dati

Raccolta Dati: Cosa stato osservato

I). Formazione di Ossidi: 2Mg + O2 2MgO (Ossido di Magnesio)

Il Magnesio metallico (N.O. +2) appare come una lamina metallica nerastra. Ponendo tale lamina sulla fiamma, dopo qualche secondo si sprigiona un'intensa luce bianca, fastidiosa, che svanisce dopo pochi secondi con un bagliore e liberando del fumo. Si forma Ossido di Magnesio (MgO), che appare come una polverina bianca. Perch tale reazione avvenga, la lamina di Magnesio dev'essere totalmente asciutta, e bruciare in pochi secondi. Infatti, i primi due tentativi di produrre l'ossido no n sono andati a buon fine, poich la lamina e la pinzetta erano umide.

II). Formazione di Idrossidi: MgO + H2O Mg(OH)2 (Idrossido di Magnesio o Biidrossido di Magnesio)

Dopo che si formato l'Ossido di Magnesio nella precedente reazione, tale polverina bianca stata messa in una provetta, in cui stata versata dell'Acqua. Dopo aver mescolato per qualche minuto ed aver constatato che il MgO non una sostanza polare, nella provetta stato versato un indicatore di PH, la Fenolftaleina. Subito il miscuglio diventato da trasparente a fucsia intenso, segno che il Mg(OH)2 una sostanza basica (controllando, l'Idrossido di Magnesio risulta avere PH pari a 11)

II). Formazione d'Idrossidi (2): Ca + H2O Ca(OH)2 (Idrossido di Calcio o Biidrossido di Calcio)

Il Calcio metallico (N.O. +2), appare come un insieme di piccoli granuli bianchi. Tali granuli sono stati messi in un'altra provetta, in cui stata versata dell'Acqua. Dopo aver mescolato per qualche minuto ed aver constatato che il Ca non una sostanza polare, nella provetta stato versato un indicatore di PH, la Fenolftaleina. Subito il miscuglio diventato da trasparente a porpora, segno che il Ca(OH)2 una sostanza basica (controllando, l'Idrossido di Calcio risulta avere PH pari a 12).

III). Formazione di Anidridi: S + O2 SO2 (Anidride Solforosa o Biossido di Zolfo) ; 2S + 3O2 2SO3 (Anidride Solforica o Triossido di Zolfo)

Lo Zolfo appare come un insieme di piccoli granuli giallini. Tali granuli sono stati messi in un crogiolo di ceramica, che stato poi posizionato su un fornelletto elettrico. Tale reazione stata fatta avvenire sotto cappa, per evitare il disperdersi dell'Anidride, gassosa. Dopo qualche minuto, dal crogiolo ha cominciato a sprigionarsi un fumo biancastro acre, l'Anidride Solforica o Solforosa. Non si pu infatti determinare, con i mezzi a disposizione, il numero d'ossidazione dello Zolfo

IV). Formazione di Acidi: SO2 + H2O H2SO3 (Acido Solforoso o Acido triossolforoso IV) ; SO3 + H2O H2SO4 (Acido Solforico o Acido tetrossolforico VI)

Subito dopo aver prodotto Anidride Solforosa o Solforica nella precedente reazione, sopra il crogiolo stato messo un vetrino bagnato d'acqua, con attaccato nella parte concava una cartina tornasole. Il fumo biancastro ha colpito il vetrino e la cartina, e dopo qualche minuto, lentamente la cartina tornasole diventata, da verde (a causa della presenza di Acqua), rossa intensa, segno che si formato una sostanza Acida, ovvero l'Acido Solforoso o Solforico, che presenta PH pari a 3. Non si pu infatti determinare, con i mezzi a disposizione, il numero d'ossidazione dello Zolfo

V). Formazione di Sali: Zn + 2HCl ZnCl2 + H2 (Cloruro di Zinco o Bicloruro di Zinco)



Lo Zinco metallico appare come una lamina metallica color argento. 3 lamine di Zinco metallico sono state messe in una provetta, quindi si aggiunto dell'Acido Cloridrico HCl (circa 3ml). Subito il miscuglio ha cominciato a ribollire ed uscito del fumo incolore (l'Idrogeno gassoso). Rimane un liquido giallino, che presenta sul fondo dei granuli biancastri, il Cloruro di Zinco, che un sale Binario

V) Formazione di Sali (2):CaO + 2HNO3 Ca(NO3)2 + H2O (Nitrato di Calcio o Triossonitrato di Calcio II)

L'Ossido di Calcio appare come un insieme di grossi granuli biancastri. Questi granuli sono stati messi in una provetta, in cui sono stati inseriti circa 3ml di Acido Nitrico HNO3. E' stato ottenuto un miscuglio effervescente, in cui l'Ossido di Calcio s' subito sciolto nell'Acido. La soluzione quindi diventata biancastra e opaca, a causa della presenza appunto del Nitrato di Calcio, disciolto nell'Acqua.

V). Formazione di Sali (3): Ba(OH)2 + H2SO4 Ba(SO4) + 2H2O (Solfato di Bario o Tetrossolfato di Bario II)

L'Idrossido di Bario appare come un liquido trasparente. In provetta, sono stati inseriti circa 3ml di Idrossido di Bario, mischiati con 3ml circa di Acido Solforico H2SO4 liquido. Come nella precedente reazione, stata ottenuta una soluzione che ha subito manifestato l'effervescenza. Idrossido e Acido hanno reagito, formando Solfato di Bario e Acqua, che appaiono come una sostanza liquida e biancastra.

V). Formazione di Sali (4): Ba(OH)2 + CO2 Ba(CO3) + H2O (Carbonato di Bario o Triossocarbonato di Bario II)

In una provetta, stato messo dell'Idrossido di Bario. Quindi nel composto stata inserita una cannuccia, nella quale si incominciato a soffiare per produrre Anidride Carbonica. Il composto ha cominciato a ribollire, producendo delle bolle, e la soluzione diventata torbida e biancastra, e il sale formatosi, il Carbonato di Bario, precipitato, posandosi sul fondo della provetta.

Elaborazione Dati: Reazioni avvenute

Reazione dell'Ossido: 2Mg + O2 2MgO

Reazione dell'Idrossido: MgO + H2O Mg(OH)2

Reazione dell'Idrossido: Ca + H2O Ca(OH)2

Reazione dell'Anidride: S + O2 SO2 ; 2S + 3O2 2SO3

Reazione dell'Acido: SO2 + H2O H2SO3 ; SO3 + H2O H2SO4

Reazione del Sale: Zn + 2HCl ZnCl2 + H2

Reazione del Sale: CaO + 2HNO3 Ca(NO3)2 + H2O

Reazione del Sale: Ba(OH)2 + H2SO4 Ba(SO4) + 2H2O

Reazione del Sale: Ba(OH)2 + CO2 Ba(CO3) + H2O

8) Osservazioni:

Dalle reazioni fatte avvenire, si sono viste le equazioni di formazione di quasi tutte le categorie di composti. Da queste reazioni si pu dedurre come le sostanze si formano: gli Ossidi si formano facendo reagire degli atomi di Metallo con l'Ossigeno gassoso (Ossido di Magnesio); gli Idrossidi si possono formare o facendo reagire un Ossido con l'Acqua (Idrossido di Magnesio o Biidrossido di Magnesio), oppure facendo reagire il Metallo con l'Acqua (Idrossido di Calcio o Biidrossido di Calcio); le Anidridi si possono formare facendo reagire il Non Metallo con l'Ossigeno gassoso (Anidride Solforosa o Solforica; Biossido o Triossido di Zolfo); gli Acidi si possono formare facendo reagire l'Anidride con dell'Acqua (Acido Solforoso o Solforico; Acido triossolforico IV o tetrossolforico VI); i Sali si possono formare o facendo reagire il Metallo con un Idracido (Sale Binario, Cloruro di Zinco o Bicloruro di Zinco), o facendo reagire l'Ossido con l'Acido (Nitrato di Calcio o Triossonitrato di Calcio II), o facendo reagire l'Idrossido con l'Acido (Solfato di Bario o Tetrossolfato di Bario II), o facendo reagire l'Idrossido con l'Anidride (Carbonato di Bario o Triossocarbonato di Bario).







Privacy

Articolo informazione


Hits: 2931
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019