Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Un ateniese non adora un re

latino


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

FILIPPO DIVENTA RE DEI MACEDONI
Proemio di 'Vite dei Massimi Condottieri' di Nepote - De Bello Gallico 1,3
L'Andria - TRAMA
MARCO FABIO QUINTILIANO
I DRUIDI
Allora epaminonda pensando che sarebbe stato necessario
La vita non è breve (De brevitate vitae 1 - Seneca)
Un leone riconoscente
Seneca (4/2 ca a.C. - 65 d.C.) - Vita, oPERE
PROPOSIZIONI TEMPORALI

Un ateniese non adora un re

Tissaphernes regen Artaxersen prodiderat; quod quisque ministrorum, non rex animadvertebat. Tum Pharanabazus, satraper Ioniea et Lydiae IDEMQUE regis gener et propinquus, Cononem ad rege 848j97i m misit qui Tissaphernem accusaret. Ille, primum, Persarum more, ad QUENDAM, qui secundum gradum imperii tenebat, accessit. Huic ille : "Nulla - inquit - mora est, sed tu utrumlibet elige: EA QUAE cogitas aut verbis apud regem expone aut per littera age. Unum hoc repute: SI QUIS in regis conspectum deducrus est, ad pedes eius se prosternere debet; quod si tibi grave est, ad regem scribe exponens quomodo res se habeat". Tum Conon respondit: " Suum QUISQUE populus honorem tribuat; ego civitatis meae consuetudinem servabo; barbarorum enim uniusciusque generis mos civem Atheniensem perturbat". Itaque ille quae cogitabat regi litteris nuntiavit.

Tissaferne aveva nominato Artaserse, il re non biasimava ciò a ciascuno dei ministri. Allora Farnabazo satrapo della Ionia e della Libia, e anche genero e parente del re, mandò al re Conone che accusò Tissaferne. Quello si avvicinò da prima, per abitudini dei Persiani, a qualcuno che aveva il seguente grado di potere. Quello disse a questo: " nessuna cosa  è stolta, ma tu scegli qualcuno dei due, esponi al re le cose che pensi facendolo con parole o con lettere . considera solo questo: se qualcuno è stato dimesso al cospetto del re, deve prostrarsi ai suoi piedi; se ciò ti è insopportabile scrive al re esponendo in che modo si hanno le cose". Allora Conone rispose: " ciascun popolo attribuisce il suo onore; io rispetto l'usanza della mia cittadinanza; infatti l'usanza di ciascuno del popolo dei barbari turba il cittadino ateniese". Perciò quello che pensava lo annunciò al re nelle lettere.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1057
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019