Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

SOTTOSISTEMA MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE - SOTTOSISTEMA MAGAZZINO

ragioneria


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

FUSIONE
LA REVISIONE CONTABILE - La revisione interna
IL BILANCIO D'ESERCIZIO DELLA SOCIETA' DI CAPITALI
SOTTOSISTEMA MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE - SOTTOSISTEMA MAGAZZINO

SOTTOSISTEMA MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

Sottosistema del magazzino

Imprese con un ciclo di lavorazione di serie (lotto, flusso continuo);il sistema informativo di supporto è rappresentato da : sottosistema magazzino 919d33j e sottosistema di rilevazione dell'avanzamento in produzione;

 

Sottosistema dei lavori in corso



Lavorazioni su commessa; il sistema informativo di supporto è rappresentato da :sottosistema avanzamento lavori e dai sistema di project management.

 


SOTTOSISTEMA MAGAZZINO

Voci:

Attivo stato patrimoniale - voce C) - I - Rimanenze:

1)      Materie prime, sussidiarie, di consumo

2)      Prodotti in corso di lavorazione e semilavorati

4)      Prodotti finiti e merci

5)      Acconti.

Contenuti delle rimanenze di magazzino:

A.     Beni di proprietà dell'azienda in giacenza presso l'azienda

·        Materie prime, sussidiarie, di consumo

·        Semilavorati acquistati o prodotti internamente

·        Prodotto in corso di lavorazione

·        Prodotti finiti

·        Merci

B.     Beni di proprietà dell'azienda non giacenti presso l'azienda

·        Beni viaggianti

·        Beni presso terzi (per vari motivi ad esempio deposito in conto vendita)

·        Beni acquistati con clausole di riserva della proprietà

C.     Beni che non rientrano fra le rimanenze ma fra le immobilizzazioni

D.     Beni che non rientrano fra le rimanenze ma che possono essere spesati o immobilizzati

Numerosi beni possono essere trattati come costi di esercizio, immobilizzazioni, rimanenze ( es. parti di ricambio)

Processo di reengineering del sottosistema immagazzino

Tale processo consente di collegare i flussi di entrata delle materie prime e i flussi di uscita dei prodotti finiti al processo produttivo dell'azienda.

Conseguenti a vendite di prodotti

 


Conseguenti a movimentazione di materiale all'interno dell'azienda

 

Conseguenti ad acquisti

 
Flussi informativi

Fasi del pocesso di reengineering:

  • Archivi anagrafici di magazzino
  • Input dei movimenti elementari
  • Output del sottosistema magazzino 919d33j

Archivi anagrafici del magazzino

    • Tabelle di magazzino

Sono codificati i dati necessari sia all'inserimento dei movimenti di magazzino, sia all'ottenimento di statistiche di magazzino o di vendita.

      • Codici unità di misura (per la movimentazione degli articoli)
      • Codici gruppo merceologici (classificazione utile ai fini statistici)
      • Codici categorie merceologiche
      • Codice magazzini (codice per ognuno dei magazzini in cui gli articoli sono movimentati)
      • Codici movimenti di magazzino (codice per tipologia di movimento)



    • Anagrafica degli articoli di magazzino
      • Codice identificativo dell'articolo
      • Descrizione
      • Caratteristiche fisico - tecniche
      • Valori base su cui poter effettuare le valorizzazioni di magazzino ( es.costo standard)

Non contiene i dati numerici

Fase di input dei movimenti elementari

Ai fini della contabilità gestionale e per un controllo operativo sulle giacenze dei magazzini è necessario individuare i singoli movimenti di magazzini con le relative cause.

Le principali causali dei movimenti riguardano carico/scarico magazzino materie prime e carico/scarico magazzino prodotti finiti.

Fase di output

Flussi in uscita del sottosistema magazzino 919d33j :                             

A.     Documenti di carico / scarico del magazzino materie prime e del magazzino prodotti finiti

B.     Giornale del magazzino

Riporta in ordine cronologico tutti i movimenti che riguardano gli articoli di magazzino.

Non obbligatorio per il codice civile.

C.     Inventario di magazzino

Effettuato a fine esercizio con lo scopo di verificare la corrispondenza tra le rimanenze finali contabili e quelle fisiche presenti nel magazzino

In relazione alla modalità con cui viene effettuato un inventario può essere:

     Inventario fisico : beni riconosciuti e contati in magazzino

     Inventario teorico / contabile : si verifica l'esistenza dei vari articoli di magazzino così come riportata sulle schede di magazzino

     Inventario a doppia ricognizione : combinazione dei due metodi di controllo per verificare la corrispondenza tra le rimanenze finali contabili e quelle fisiche presenti nel magazzino

In relazione alla periodicità di inventariazione si distingue:

     Inventario ordinario, a fine esercizio

     Inventario straordinario ,effettuato durante l'esercizio per verificare la corrispondenza tra le esistenze fisiche e le risultanze contabili.

     Inventario a rotazione, effettuato durante l'esercizio prende in esame a rotazione differenti articoli del magazzino

D.     Valorizzazione del magazzino

Nel sottosistema magazzino vengono rilevate le quantità e i valori relativi alle singole variazioni

E.      Contabilità di magazzino : scritture ausiliarie di magazzino

Introdotta con D.P.R. 600/73 e successivamente ulteriormente regolamentata con il D.P.R.695/96.

     Soggetti obbligati : soggetti con contabilità ordinaria che hanno superato per due esercizi successivi i limiti di 5 milioni per i ricavi e di 1 milione per le rimanenze finali. Tali soggetti devono tenere la contabilità di magazzino a partire dal secondo periodo di imposta successivo a quello in cui si sono superati i due limiti.

     Cessazione dell'obbligo : se per due esercizi consecutivi il soggetto con contabilità ordinaria non supera i limiti , nel primo periodo di imposta successivo il soggetto non è obbligato alla tenuta della contabilità di magazzino.

     Modalità di rilevazione : schede di magazzino, registri, tabelle; non necessitano né di bollatura, né di vidimazione; la registrazione deve essere giornaliera, o al massimo mensile.

     Beni esclusi dalle scritture ausiliarie di magazzino : beni o categorie inventariali il cui costo complessivo nel periodo di imposta precedente non eccede il 20% di quello sostenuto per tutti gli altri beni.

     Violazioni : l'amministrazione finanziaria determina il reddito sulla base di ipotesi presunte.

Gli elementi di costo nella valutazione delle rimanenze  (art. 2426 n. 1)

  • Costo di acquisto, per i beni acquistati all'esterno dell'azienda (prezzo fattura - sconti commerciali + costi accessori di acquisto)
  • Costo di produzione , se il bene è fabbricato all'interno dell'impresa (costo materie prime e materiali + manodopera diretta + costo indiretti di produzione + quota di spese generali)

Art . 2426 n . 9 : la valutazione deve avvenire al minor valore fra il costo di acquisto o produzione e il valore di realizzo desumibile dall'andamento del mercato

Metodi di valutazione delle rimanenze

Il carico a magazzino non presenta complessità , mentre per lo scarico dei prodotti finiti a magazzino ci sono diversi metodi di valutazione :

·        LIFO

Le merci vendute appartengono ai lotti di più recente acquisto. Quindi i prezzi di scarico sono quelli degli acquisti più recenti. Le rimanenze sono valutate ai prezzi più remoti d'acquisto.

·        LIFO a scatti




Per il primo anno le rimanenze sono valutate al costo medio ponderato;se al termine del secondo anno le rimanenze finali sono aumentate rispetto l'anno precedente, il solo incremento viene valutato al costo medio ponderato degli acquisti dell'anno; mentre se le giacenze di fine esercizio siano diminuite rispetto l'anno precedente, si ipotizza di scaricare dai diversi strati di magazzino a partire da quello di più recente formazione

·        FIFO

Le merci vendute appartengono ai lotti di più remota acquisizione ;le rimanenze sono valutate ai prezzi più recenti.

·        HIFO

Le merci vendute appartengono via via ai lotti contraddistinti dal più alto prezzo unitario di acquisto; le rimanenze sono valutate ai minori prezzi unitari di acquisto.

·        NIFO

La valutazione degli scarichi viene effettuata al prezzo di riacquisto.

·        COSTO MEDIO PONDERATO

Il valore di scarico della merce è dato dalla media ponderata dei costi unitari delle diverse partite entrate in magazzino

·        CRITERIO DELLA SCORTA PERMANENTE

Gli scarichi sono valutati al costo medio ponderato degli acquisti eccedenti la quantità di scorta permanente.

·        COSTO STANDARD

Gli scarichi sono valorizzati ad un prezzo unitario standard precedentemente determinato,

·        METODO DEL DETTAGLIO

Metodo utilizzato solo per le merci  negoziate al dettaglio.

Le merci vengono valutate al costo storico partendo da un inventario effettuato ai prezzi di vendita.

Normativa civilistica art. 2426

Art . 2426 n. 10. le rimanenze dei beni fungibili possono essere calcolate con tre metodi: costo medio ponderato, LIFO, FIFO.

Se al termine dell'esercizio il valore determinato con uno dei tre metodi differisce in modo rilevante dai costi correnti , la differenza deve essere indicata, per categoria di beni, nella Nota Integrativa.

SOTTOSISTEMA LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

Natura contrattuale delle prestazioni

I tipi di contratti che danno origine ai lavori in corso su ordinazione sono:

·        Contratti di appalto opere (art.1665-1666 c.c.)

·        Contratti di somministrazione (art.1562 c.c,)

·        Contratti che hanno per oggetto una prestazione continuativa di servizi (art.1677 c.c.)

Valutazione dei lavori in corso su ordinazione

·        METODO DELLA PERCENTUALE DI AVANZAMENTO

Ø      Valutazione delle opere di appalto, delle somministrazioni e delle prestazioni di servizi in appalto sulla base dello stato di avanzamento dei lavori

Ø      Valutazione delle maggiorazioni di prezzo

Ø      Valutazione del rischio contrattuale

­     Non completamento delle opere

­     Mancato pagamento

­     Contestazione fine lavori

·        METODO DEL COSTO

Costo in relazione allo stato di avanzamento dei lavori; i corrispettivi vengono rilevati nei ricavi solo nell'esercizio in cui sono consegnate le opere o ultimati i servizi e le forniture.

Valutazione di commesse in valuta estera

Si presenta il rischio cambio quando lo stato di avanzamento dei lavori è superiore all'anticipo del cliente.

.

 







Privacy

Articolo informazione


Hits: 2198
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019