Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

MARTE- quarto pianeta in ordine di distanza dal Sole, con un'orbita immediatamente esterna a quella terrestre

astronomia

loading...

Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di


ALTRI DOCUMENTI

Vento solare, Spettro solare, Radiazione corpuscolare
Il sistema solare: i corpi meteorici
Alla scoperta del nostro sistema solare. Via Lattea: un mistero ancora irrisolto.
L'UNIVERSO - DIVERSI PUNTI DI VISTA PER DESCRIVERLO, INTERPRETARLO, IMMAGINARLO, ATTRIBUIRGLI O NEGARGLI UN SENSO
Il Sistema Solare - 600 milioni di anni
VENERE, MARTE, URANO, NETTUNO
La Luna - Una rotazione più lenta di quella terrestre
LA NASCITA DELLE STELLE - Le stelle, La materia interstellare
Ethan Frome- Aumento di densità - Centro di attrazione gravitazionale - Aumentano le forze di attrito- Aumenti di temperatura- Aumento energia cinetic

MARTE

Il sistema solare


Marte è il quarto pianeta in ordine di distanza dal Sole, con un'orbita immediatamente esterna a quella terrestre. La distanza media di Marte dal Sole è di 227,8 milioni di km; il suo diametro equatoriale misura circa 6900 km. Rispetto alla terra il volume e la massa di marte risultano rispettivamente pari a 0,15 e a 0,108; la densità del pianeta è di 3,96 g/cm3, l'accelerazione di gravità è di circa 3,75 m/s e la velocità orbitale è di 24,1 km/s. il periodo di rivoluzione intorno al sole è di circa 687 giorni solari terrestri, pari a circa 669 giorni marziani; il periodo siderale di rotazione è di 24h37m23s, cui corrisponde la lunghezza di un giorno solare medio di 24h39m35s. L'orbita di Marte è notevolmente  ellittica; l'inclinazione del piano orbitale sull'eclittica è di 1°51'. La temperatura media si aggira suI -15°C; nelle regioni equatoriali si registrano temperature oscillanti durante il giorno tra +10 e +20°C; durante la notte , però, la temperatura si abbassa fino ai -80°C. Caratteriste normali dell'aspetto di Marte sono le calotte polari e le arie rossastre, zone desertiche coperte da una polvere molto fine di colore rosso, in alcune zone ci sono superfici dissestate da crateri, ampie pianure. Su Marte si trovano le valli Marineris costituite da un grande canyon che si estende per 4000 Km. In alcune zone raggiungono una profondità di 2 Km. Il pianeta non ha campo magnetico né fasce di radiazione del tipo di quelle di Van  Allen. Su Marte esiste una serie di grandi canaloni, di cui alcuni certamente di origine fluviale. L'acqua, non osservata in superficie, esiste ancora nel pianeta e costituisce gran parte delle calotte polari. L'atmosfera è composta per il 95% di anidride carbonica, il restante è composto da azoto, argo, ossigeno (0,5% contro 21% dell'atmosfera terrestre). L'atmosfera è molto rarefatta. Il 15 Luglio 1965 la sonda Mariner 4 sorvolava per la prima volta il pianeta rosso e trasmetteva alla terra 22 immagini della superficie marziana. Marte ha due piccoli satelliti irregolari, Phobos e Deimos (chiamati così dagli scudieri del dio della guerra). Questi furono scoperti nel 1977 dall'astronomo americano Asaph Hall. Dalle immagini inviate dalle sonde marziane, sembra che i due satelliti abbiano una struttura simile a quella degli asteroidi. Si è inoltre osservato che Phobos tende a diminuire la propria distanza da Marte a causa dell'effetto marea esercitato su di esso dal pianeta: si prevede che nell'arco di 30 milioni di anni Phobos finirà di schiantarsi sul suolo marziano; questo non avverrà per Deimos  che ha un'orbita perfettamente sincrona (esso si trova sempre sulla verticale del medesimo punto della superficie marziana., ruota intorno a Marte in  7h30m).  Il diametro di Phobos è di 27 Km, quello di Deimos è di 15 Km ed è ricoperto da piccoli crateri. Nel 1996 sono state lanciate le sonde statunitensi Mars Pathfinder e Mars Global Surveyor. La prima è atterrata sul pianeta rosso il 4 Luglio 1997 ed ha effettuato osservazione meteorologiche e analisi chimiche delle rocce, avvalendosi anche di un robot mobile (il Sojourner); la seconda è entrata in orbita intorno a Marte nel settembre dello stesso anno. Sono previste numerose altre missioni spaziali, tra cui quella statunitense Mars Survoyer '01, che nel 2001 dovrebbe portare sulla Terra i primi campioni di suolo marziano grazie all'opera di un robot capace di percorrere un  centinaio di km nel giro di un anno. Tale robot avrà dimensioni maggiori rispetto al Sojourner e sarà fornito di una strumentazione che gli permetterà di analizzare il suolo.



Articolo informazione


Hits: 885
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2017