Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.


 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

LE SOSTANZE - ELEMENTI E COMPOSTI

chimica



LE SOSTANZE


1. LE SOSTANZE PURE

I metodi per separare i componenti di una miscela, si basano tutti su trasformazioni fisiche


In una trasformazione fisica la materia può cambiare forma, aspetto o stato fisico, ma non cambia la sua ide 131h77b ntità chimica (costituzione)




Una sostanza pura è costituita da un campione di materia che non può essere separato in sostanze più semplici attraverso trasformazioni fisiche. Una sostanza pura ha la caratteristica di avere:

una composizione definita e costante

proprietà fisiche e chimiche definite e costanti, indipendentemente dal modo in cui essa è stata ottenuta.


PROPRIETÀ FISICHE

Le proprietà fisiche di una sostanza sono caratteristiche che possono essere osservate senza modificare la sua identità chimica. Sono stato fisico, colore, odore, densità, punto di fusione e punto di ebollizione.

Le trasformazioni fisiche sono quelle in cui le sostanze cambiano le loro proprietà fisiche, mentre la loro composizione chimica rimane costante. Alcuni esempi sono:

ebollizione dell'acqua

fusione del ghiaccio

sublimazione dello iodio



PROPRIETÀ CHIMICHE

Le proprietà chimiche di una sostanza sono fondamentalmente quelle relative alla sua capacità di dar luogo a reazioni chimiche (durante le quali si trasforma in una o più sostanze differenti)

procedimento nel corso del quale una o più sostanze modificano la loro composizione chimica tramutandosi in una o più sostanze differenti.

Alcuni esempi di reazioni chimiche sono:

combustione del carbone o del metano

corrosione del marmo col limone

formazione di ruggine













2. ELEMENTI E COMPOSTI

Scaldiamo una provetta contenente una piccola quantità di ossido di mercurio.

Si osserva che non si ha la fusione del solido, ma lo sviluppo di un gas e la formazione di goccioline dall'aspetto metallico sulle pareti fredde della provetta

L'ossido di mercurio si è decomposto in nuove sostanze: l'ossigeno e il mercurio. Questa reazione chimica si chiama DECOMPOSIZIONE TERMICA e si rappresenta nel seguente modo:

CALORE

OSSIDO DI MERCURIO  = = > ossigeno + mercurio

I prodotti della reazione non si possono ulteriormente decomporre e sono quindi corpi semplici o elementi



Questo apparecchio si chiama

voltametro. Nel recipiente

sono immersi due elettrodi

(bacchette di carbone) che si

collegano con una sorgente di

corrente continua. Il voltame-

tro consente di decomporre

l'acqua nei suoi costituenti,

idrogeno e ossigeno gassosi

attraverso l'azione della cor-

rente elettrica: questo proce-

dimento si chiama

ELETTROLISI



energia elettrica

ACQUA = = = = > idrogeno + ossigeno



Da queste due esperienze possiamo concludere che le sostanze pubbliche si possono dividere in due gruppi:

Composti = sostanze pure che, sottoposte a particolari trattamenti chimici, si possono decomporre in due o più sostanze più semplici.

Elemento = sostanze pure che non possono essere decomposte in sostanze più semplici, qualunque sia il trattamento chimico a cui vengano sottoposte.












3. LA DIFFUSIONE DEGLI ELEMENTI CHIMICI

Gli elementi chimici non sono ugualmente distribuiti in natura


ELEMENTO

UNIVERSO %

SISTEMA SOLARE %

idrogeno



elio



tutti gli altri elementi





CROSTA TERRESTRE  CORPO UMANO



4. I NOMI E I SIMBOLI DEGLI ELEMENTI CHIMICI


Per il momento sono noti 109 elementi chimici.

Nove di essi (rame, oro, argento, mercurio, piombo, ferro stagno, zolfo e carbonio) erano conosciuti fin dai tempi più antichi perché si trovavano allo stato libero o nativo in natura o perché si potevano estrarre facilmente dai loro minerali.

Una serie di altri elementi non presenti in natura, è stata ottenuta nel corso di reazioni di fissioni nucleare o di esperimenti condotti in acceleratori di particelle che permettono di trasformare un elemento chimico in un altro di natura differente => elementi artificiali


I nomi degli elementi chimici hanno varia origine:

derivano dai nomi latini o greci (bromo e cloro) che ne descrivono una proprietà dell'elemento

derivano da un nome geografico (americio, polonio, californio)

dai nomi degli scienziati che li hanno scoperti (einstenio, fermio)


Fin dai tempi degli alchimisti si rappresentavano gli elementi tramite dei simboli. Grazie al grande chimico svedese J.J. Berzelius è stato introdotto l'attuale sistema di simboli basati sull'uso delle lettere dell'alfabeto. I simboli possono essere formati da

una sola lettera (l'iniziale del nome)

due lettere che possono essere le prime due del nome

due lettere che possono essere la prima e un'altra lettera del nome

lettere che si rifanno al nome latino




5. METALLI, NON METALLI, SEMIMETALLI

Gli elementi chimici possono essere classificati in:

metalli, che vengono largamente utilizzati, e che ci sono particolarmente familiari

non metalli, che hanno notevoli applicazioni in molti settori che interessano la nostra vita quotidiana

semimetalli, che sono adatti ad applicazioni nel campo della microelettronica.

presentano proprietà intermedie tra quelle dei metalli e quelle dei non metalli.

tra essi configura il boro, il silicio, l'arsenico, il germanio, il tellurio

sono tutti solidi

presentano caratteristiche da semiconduttori



PROPRIETA' FISICHE

METALLI (rame, ferro, oro)

NON METALLI (azoto, cloro)

stato fisico a temperatura ambiente

solitamente solidi (tranne il mercurio che è liquido)

solidi (carbonio, fosforo, zolfo, selenio, iodio), liquidi (bromo), gassosi (tutti gli altri)

punto di fusione e di ebollizione

solitamente alto

relativamente basso

densità

solitamente alta

relativamente bassa

aspetto

lucidi e splendenti

opachi

malleabilità

solitamente possono essere tirati in fili (sono duttili) e malleabili

sono molto fragili (non malleabili)

conducibilità termica ed elettrica

elevata

bassa (tranne il carbonio sotto forma di grafite)

PROPRIETÀ' CHIMICHE

METALLI (rame, ferro, oro)

NON METALLI (azoto, cloro)


scarsa tendenza a combinarsi l'uno con l'altro

forte tendenza a combinarsi con i non metalli

in natura si trovano combinati con altri elementi sotto forma di minerali

soltanto oro, rame e argento si possono trovare in natura allo stato libero o nativo

si possono combinare l'uno con l'altro per formare composti

quelli che si trovano liberi in natura sono carbonio, azoto, ossigeno, zolfo e i gas nobili (elio, neon, argo, kripto, xeno e rado)



LA TAVOLA PERIODICA

I metalli, i non metalli e i semimetalli sono raggruppati in determinate zone della tavola periodica.

Metalli = parte sinistra e centrale

Non metalli = parte destra

I semimetalli = tra le due fasce precedenti








6. LE PARTICELLE MINIME CHE COSTITUISCONO GLI ELEMENTI E I COMPOSTI

Un atomo è la più piccola particella esistente di un elemento che ne conserva tutte le caratteristiche


gli elementi sono costituiti da atomi


non sono indivisibili, ma sono costituiti da particelle ancora più piccole, le particelle subatomiche


non conservano le proprietà degli elementi


Una particella formata dall'unione di più atomi forma una molecola. Le molecole possono essere formate da:

due o più atomi identici = rappresentano le particelle di un elemento

atomi di elementi differenti = rappresentano le particelle più piccole di un composto

Le forze che tengono uniti gli atomi di una molecola sono dette legami chimici



7. LE FORMULE CHIMICHE

I composti vengono rappresentati in modo abbreviato attraverso le loro formule. Una formula chimica evidenzia:

gli elementi che formano un composto

il rapporto numerico in cui i loro atomi sono combinati nella molecola


CARATTERISTICHE (pag. 60)

Nella formula di un composto si rappresentano i simboli di TUTTI gli elementi in esso presenti

Il simbolo di un elemento indica che la formula contiene solo un atomo di quell'elemento

Se sono presenti più atomi di un certo elemento il numero atomico viene indicato con un numero (indice) scritto in basso a destra di quell'elemento

Se nella formula è presente più di una volta un gruppo di atomi, questo viene racchiuso tra parentesi e a destra si scrive l'indice


8. CONFRONTO FRA LE CARATTERISTICHE DI UNA MISCELA E QUELLE DI UN COMPOSTO

Una miscela è un sistema che contiene sempre due o più sostanze che possono essere presenti in quantità variabile.


CARATTERISTICA

COMPOSTO

MISCELA

Proprietà dei componenti

ha proprietà completamente differenti dagli elementi da cui è formato

i componenti non perdono la loro identità

Separazione dei componenti

gli elementi costituenti possono essere separati soltanto con mezzi chimici

la separazione dei componenti può avvenire con mezzi fisici e meccanici

Composizione

i due o più elementi costituenti sono combinati in un rapporto in peso definito e costante

può essere formata da elementi o da composti oppure da entrambi secondo un rapporto di peso variabile






Privacy




Articolo informazione


Hits: 11344
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2024