Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Leggi della lavorazione della pietra

ricerche


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

4n71fur70:73l3m471<0
Giocattoli
Analisi del Testo
Note al brano
'L'ETICA CRITICA'
IL PROBLEMA DEL LAVORO
Properzio
Leonardo da Vinci - Ritratto di Ginevra Benci
Leggi della lavorazione della pietra

Leggi della lavorazione della pietra.

Particolarmente rilevante nella lavorazione della pietra, è il procedimento.

Con questo termine s'intende la sequenza di una serie di applicazioni di uno strumento ad un materiale. Tra lo strumento e il proce 737e47h dimento, infatti, esiste una relazione molto stretta, in quanto il lavoro deve essere portato avanti in maniera metodica e attenta, per ridurre al minimo la possibilità di errore.

Per fare ciò bisogna tenere in considerazione i materiali e gli strumenti di cui si dispone.

Importante però è anche la relazione tra procedimento e stile, poiché spesso è caratteristico l'analisi di questi due fattori per riconoscere eventuali falsi e imitazioni.

Esistono quindi delle leggi basilari sulla lavorazione della pietra, fondamentali sia per il procedimento sia per il metodo.

La prima riguarda la natura della lavorazione della pietra:



difatti il procedimento per la lavorazione dei materiali lapidei è sottrattivo. Ciò implica che prima di agire è necessaria un'attenta pianificazione del lavoro e quindi la formulazione di un progetto che abbia la funzione di evitare eventuali errori.

La seconda legge tratta del condizionamento della natura della pietra sulla scelta degli strumenti, dei metodi di scultura e dei procedimenti di costruzione.

La terza analizza invece la natura degli strumenti: infatti le differenze nel materiale di cui è costituito uno strumento modificano certamente i metodi e i procedimenti, senza pero' alterare le caratteristiche fondamentali della lavorazione.

Infine viene illustrata nella quarta legge la cosiddetta natura della sequenza semplice secondo la quale la pietra viene lavorata attraverso una serie di tappe elementari. Si tratta di atti separati, ognuno caratterizzato da un diverso scopo e quindi dall'utilizzo di un diverso e appropriato strumento.

Per materiali lapidei si intendono oltre a marmi e pietre, anche malte , stucchi, intonaci e prodotti ceramici comunemente utilizzati in architettura come cotti e laterizi.

In questo caso ad esempio, ci troviamo di fronte ad una lastra marmorea raffigurante ...parte del complesso scultoreo....

L'opera in marmo bianco(ad esempio) presenta nella sua struttura diverse fenomenologie di degrado. Nella parte (superiore) si possono notare ad esempio fenomeni di (croste nere) dovuti dalla (continua esposizione dell'opera allo smog derivato da macchine e dal dilavamento dell'acqua..eventi sismici..erosione eolica..).

RIFACIMENTI CON STRUTTURA IN FERRO OSSIDATO.

Sono presenti e riconoscibili anche diversi rifacimenti e inserti in stucco risalenti a epoca (rinascimentale)nelle zone delle (dita delle mani). La struttura interna in ferro di questi rifacimenti ha pero' subito a causa di infiltrazione di acqua un fenomeno di ossidazione e quindi di dilatamento della struttura che ha portato successivamente a una conseguente esplosione del rivestimento in stucco.

FASI DEL RESTAURO.

Dovendo ricostruire le fasi di un eventuale restauro dell'opera in questione.sarebbe opportuno procedere dapprima con una dettagliata ANANMESI, scindibile in diverse fasi. Primo elemento fondamentale  è la percezione e il riconoscimento del bene, anche attraverso un'accurata documentazione fotografica.

Si procede successivamente con un'analisi dell'attuale stato delle alterazioni, per poi passare alla scelta della metodologia d'intervento + appropriata. Terminato ciò, si puo' passare all'attuazione delle tecniche di restauro applicate attraverso l'uso di trattamenti conservativi sempre precedentemente testati e caratterizzati da processi reversibili. Solo in questo modo si può, infatti, assicurare una giusta trasmissione ai futuri fruitori.




 Prima di attuare il vero e proprio restauro è prima necessario compiere un'opera di PRECONSOLIDAMENTO per evitare eventuali perdite delle zone più fragili dell'opera come ad esempio parti interessate dal fenomeno della polverizzazione.

Una volta terminata questa fase inizia il procedimento per la PULITURA. Questa puo' essere attuata in 2 modi diversi: quello chimico e quello meccanico.

Col primo le parti interessate da croste nere vengono rivestite di pasta di cellulosa attraverso la quale vengono lasciati filtrare determinati solventi che vengono lasciati agire per un tempo stabilito.

Col secondo metodo si agisce attraverso il sollecitamento meccanico di acqua nebulizzata a pressione differenziata a seconda delle necessita'.stando attenti a non SPULIRE.

Al termine delle diverse operazioni di pulitura si può procedere con la stesura di un protettivo superficiale che non alteri il colore : il DRY-FILM.

RIFACIMENTI DELLE MANCANZE NEL PASSATO

Nel passato si tendeva a ricostruire le lacune con inserti che vengono considerati oggi veri e propri falsi artistici e storici. Per questo motivo oggi il restauro non è più volto alla ricostruzione dell'opera ma alla sua conservazione e manutenzione nel tempo al fine di assicurare la sua trasmissione al futuro. Al giorno d'oggi si restaura quindi solo la materia dell'opera d'arte, per questo si tende a ricostruire le lacune, quando è ritenuto indispensabile per la buona conservazione della materia, con materiali che abbiano una colorazione diversa da quelli originale cioè che assicurino l'unità potenziale dell' OA rendendo pero' il restauro visibile anche come testimonianza per i restauri che l'opera potrà subire in futuro.

STRUMENTI PER LA LAVORAZIONE DELLA PIETRA

I segni lasciati sulle opere scultoree possono essere spesso determinanti per stabilire il periodo storico e il luogo in cui la statua è stata concepita. Questi possono essere :

-Di sbozzatura - Di finitura.

A loro volta gli strumenti per la lavorazione dei materiali lapidei possono essere classificati in:

-A percussione - Abrasivi - Di finitura.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1067
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019