Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

SISTEMI OPERATIVI - MULTIPROGRAMMAZIONE

informatica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

Protocolli della posta elettronica - SMTP, POP, IMAP
Il Personal Computer
Manuale Tabelle
SISTEMI OPERATIVI - MULTIPROGRAMMAZIONE

SISTEMI OPERATIVI

SISTEMA OPERATIVO

Un sistema operativo è un programma che:

costituisce l'interfaccia tra utente e hardware e permette all'utente l'utilizzo dell'elaboratore tramite il linguaggio di controllo;

stabilisce le modalità di funzionamento;

consente l'ottimizzazione delle risorse disponibili; per risorse si intendono tutte le componenti hardware e software: CPU, memoria, periferiche, informazioni.

Insieme all'hardware costituisce la macchina estesa cioè la macchina con cui l'utente interagisce.

Esistono vari tipi di sistemi operativi che permettono di svolgere funzioni diverse e di operare con modalità diverse. Uno stesso computer può funzionare in modo diverso con sistemi operativi diversi (devono comunque essere disponibili le opportune apparecchiature hardware).



STRUTTURA DEL SISTEMA OPERATIVO

II sistema operativo può essere suddiviso in modo gerarchico in livelli ognuno dei quali opera utilizzando routine dei livelli inferiori.

Si hanno allora partendo dal livello inferiore:

il nucleo (o supervisore) che comprende le procedure di gestione della CPU e la gestione delle interruzioni,

il gestore della memoria,

il gestore delle periferiche,

il gestore delle informazioni,

il modulo (shell) che permette di interpretare i comandi del linguaggio di controllo con cui si può operare,

i programmi di utilità (editor, compilatori, interpreti, linker, caricatori, programmi di gestione file etc. )

MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO

La macchina estesa (hardware + sistema operativo) stabilisce le modalità con cui si può operare. Dal punto di vista della gestione dei dati si può operare in modo batch o interattivo. In base all'elaborazione dei programmi le modalità di funzionamento del sistema operativo sono:

uniprogrammazione,

multiprogrammazione,

time-sharing.

ELABORAZIONE INTERATTIVA E BATCH

Operando in modo batch si devono fornire al programma al momento della richiesta di esecuzione tutte le informazioni e i dati necessari; i risultati del programma si ottengono al termine dell'elaborazione; l'andamento del programma può essere controllato solo dalla console di comando.

L'elaborazione interattiva permette di comunicare col programma durante l'esecuzione, tramite terminale, per inserire dati e ottenere risultati.

L'entità che comunica col programma può essere anche un dispositivo che invia dati al programma man mano che sano disponibili; in tal caso saranno necessarie apposite apparecchiature per la trasmissione dei segnali.

UNIPROGRAMMAZIONE

In uniprogrammazione può essere caricato in memoria un solo programma alla volta. In modo interattivo un solo utente può lavorare; un programma batch viene eseguito immediatamente; più programmi vengono eseguiti in sequenza uno dopo l'altro.

Il sistema più noto di computer in uniprogrammazione è il personal computer.

Sul personal in generale oltre alla CPU sono presenti più processori:

per la gestione del video,

per la gestione del driver,

per la gestione della stampante.

Alcune operazioni possono essere fatte "cont 232b16c emporaneamente" all'elaborazione: rinfresco del video, stampa batch, immissione di un comando mentre terminano operazioni sul drive. Il sistema operativo offre servizi di:

controllo programma: avvio, allocazione, esecuzione, terminazione etc.;

gestione operazioni I/O tramite i moduli device driver per la gestione delle periferiche;

gestione file: visione logica del disco e accesso ai record del file tramite il file system;

gestione errori.

MULTIPROGRAMMAZIONE

Nei sistemi di multiprogrammazione più programmi possono essere caricati contemporaneamente in memoria.

La CPU può eseguire soltanto un programma alla volta, ma quando si verifica una interruzione e il programma resta in attesa del completamento di un servizio, la CPU può eseguire le istruzioni di un altro programma.

I programmi presenti in memoria vengono eseguiti alternativamente dalla CPU che può quindi essere sfruttata maggiormente (resta inattiva per periodi minori).

I programmi eseguibili in multiprogrammazione sono programmi di tipo batch: infatti non è possibile determinare il tempo di risposta di un programma.

I programmi vengono inseriti in code di attesa, prelevati dallo schedulatore dei lavori (una routine del sistema operativo) e il loro avanzamento dipende dalle interruzioni che si verificano.

L'esecuzione di un programma viene chiamata processo; il programma costituisce la descrizione delle istruzioni da eseguire mentre il processo è la sequenza di azioni compiute durante l'esecuzione.

Quando si richiede l'esecuzione di un programma viene creato per tale programma un descrittore (JCB: Job Control Block), cioè una struttura di dati in cui vengono inserite tutte le informazioni relative al programma:

le risorse necessarie per l'esecuzione,

la priorità del lavoro etc.

Alcune di queste informazioni sono inserite direttamente dall'utente tramite il linguaggio di controllo, altre sono ricavate e gestite solo dal sistema operativo.

Un'apposita routine del sistema operativo inserisce tutte le informazioni necessarie nel JCB e lo mette nella lista dei programmi in attesa di essere caricati in memoria (programmi in stato di disponibilità).

Tutti i descrittori dei programmi che si trovano nello stesso stato sono collegati tra loro in strutture a liste. In stato di disponibilità il programma si trova in memoria di massa; nessuna risorsa e stata ancora associata al programma; viene solamente preparato l'elenco delle risorse necessarie.

Lo schedulatore dei lavori sceglie tra i lavori in stato di disponibilità quale portare in memoria (il programma passa così in stato di pronto) basandosi su una strategia detta "politica di schedulazione".

La politica di schedulazione può essere basata sull'ordine di arrivo dei lavori (FIFO) o sulla priorità del lavoro, calcolata dal responsabile del centro o in modo automatico in base alle risorse richieste dal lavoro (priorità statica).

La priorità può anche essere incrementata in relazione al tempo di attesa in coda (priorità dinamica) per evitare che un lavoro possa restare all'infinito in coda di

attesa se ci sono sempre lavori a priorità più alta.

Un programma passa dallo stato di disponibilità allo stato di pronto quando gli vengono allocate tutte le risorse necessarie (tranne la CPU).

Il programma viene caricato nella memoria centrale e viene creato un nuovo descrittore contenente tutte le informazioni relative al processo creato (PCB: Process Control Block).

Il Process Control Block contiene le informazioni relative all'esecuzione del processo:

valori del registro di stato e dei registri di lavoro, (attivo, pronto ecc.) e quelle relative alle risorse associate al processo:

informazioni sulle aree di memoria in cui è memorizzato il processo, sulle periferiche associate e i file aperti, più tutte le informazioni che il sistema operativo usa per effettuare la schedulazione dei processi da assegnare alla CPU: priorità, tempo di CPU utilizzato ecc.



Lo schedulatore dei processi sceglie tra quelli in stato di pronto a quale assegnare la CPU:

il processo passa allora allo stato di esecuzione.

Un solo programma alla volta può trovarsi in stato di esecuzione.

Lo schedulatore dei processi sceglie tra i processi in stato di pronto basandosi su un algoritmo di schedulazione predefinito.

Dallo stato di esecuzione il processo può passare in stato di attesa quando non può avanzare perché aspetta il completamento di una operazione (per esempio di I/O).

In tal caso viene rilasciata la CPU che può essere assegnata ad un altro processo. Quando l'operazione richiesta è conclusa il processo in stato di attesa viene portato nuovamente in stato di pronto.

Se durante l'esecuzione il processo giunge a conclusione passa allo stato di terminazione in cui vengono rilasciate le risorse ed eliminato il PCB relativo.

Il processo può anche passare dallo stato di esecuzione allo stato di pronto se si verifica una interruzione esterna.

TIME SHARING

Caratteristica dei sistemi in time-sharing è il tipo di lavoro interattivo. Non si parla in tal caso di processi ma di sessioni di lavoro in cui più utenti sono collegati tramite terminale e possono eseguire operazioni di diverso tipo.

La sessione di lavoro inizia con il collegamento dell'utente (log in) e termina con lo scollegamento del terminale (log off).

Durante la sessione si possono richiamare comandi del sistema operativo, utilizzare programmi di utilità come editor, compilatori ecc., eseguire programmi applicativi, di solito di tipo interattivo ecc.

La CPU viene assegnata alternativamente alle diverse sessioni di lavoro per un certo periodo di tempo. In questo modo ogni utente ha l'impressione di avere sempre la CPU a sua disposizione.

Il time-sharing è gestito da un programma di sistema detto monitor del time-sharing.

I processi attraversano gli stessi stati di avanzamento descritti per l'elaborazione in multiprogrammazione ma un programma può anche passare dallo stato di esecuzione allo stato di pronto perché è terminato l'intervallo di tempo concesso.

Inoltre poiché non è possibile attendere che i lavori presenti in memoria siano terminati per accettare la richiesta di esecuzione di un programma interattivo da parte di un utente, il sistema operativo deve poter far spazio nella memoria riportando un programma dallo stato di pronto o di attesa allo stato di disponibilità (riportandolo quindi in memoria di massa); questo procedimento viene chiamato swapping.

Se viene richiesta una mole di lavori troppo grossa per le dimensioni del sistema, il tempo di risposta aumenta considerevolmente; infatti la CPU viene impiegata a lungo per l'esecuzione di istruzioni del sistema operativo e per la gestione dello swapping.

SISTEMI MISTI

Spesso sono disponibili contemporaneamente modalità diverse di elaborazione.

Per esempio è possibile eseguire lavori interattivi gestiti con il metodo time-sharing e lavori batch gestiti in multiprogrammazione (con una o più code di lavori). Il time-sharing rappresenta il foreground del sistema mentre il batch rappresenta il background.

In una tale situazione si può, da terminale, mandare un programma alla coda dei lavori batch e continuare a lavorare interattivamente.

In un sistema misto il monitor del time-sharing è in memoria in competizione con gli altri programmi per l'assegnazione della CPU.

La gestione del sistema deve tendere ad un compromesso tra l'efficienza del sistema (tempi di risposta brevi necessari nel time-sharing) e la sua efficacia (maggior sfruttamento possibile privilegiato nei sistemi in multiprogrammazione).

TEMPO REALE

Si parla di elaborazione in tempo reale quando i tempi di risposta sono compatibili con il tipo di programma che viene eseguito. La CPU non viene suddivisa tra i programmi a priori dal sistema operativo ma il passaggio della CPU da un programma all'altro è guidato attraverso meccanismi di interrupt dagli eventi che si verificano.

L'elaborazione in tempo reale viene utilizzata per esempio per il controllo di processi industriali in cui il verificarsi di una condizione anomala deve immediatamente essere gestito dal programma. Le elaborazioni in tempo reale di solito utilizzano sistemi dedicati.

SERVIZI DEL SISTEMA OPERATIVO

La possibilità di gestire la multiprogrammazione o il time-sharing dipende essenzialmente dal sistema operativo, anche se, naturalmente, deve essere disponibile la configurazione hardware necessaria.

Il sistema operativo diventa molto complesso poiché deve gestire l'interazione tra diversi processi o utenti; deve perciò svolgere anche funzioni di allocazione delle risorse, gestione dei conflitti che si creano dalla richiesta contemporanea di risorse e protezione delle risorse stesse.

ALLOCAZIONE E GESTIONE DELLE RISORSE

Il sistema operativo in base alle richieste dei processi stabilisce l'assegnazione delle singole risorse. Il sistema operativo costituisce un'interfaccia tra le risorse stesse e i processi; un processo cioè utilizza le risorse senza che debbano essere specificati tutti i dettagli tecnici derivanti dalla implementazione della risorsa stessa; è il sistema operativo che si occupa della gestione della risorsa in un modo che rimane trasparente all'utente e gli consente di preoccuparsi solo delle operazioni logiche non di come queste debbano poi essere realizzate in pratica.

Il sistema operativo comprende dei moduli per la gestione delle risorse (gestione della CPU, della memoria, delle periferiche, delle informazioni) ognuno dei quali deve stabilire a quale processo, tra quelli che la richiedono, assegnare la risorsa, procedere all'assegnazione vera e propria e al termine gestire il rilascio della stessa da parte del processo che l'ha utilizzata.

Per compiere queste operazioni devono essere mantenute aggiornate delle tabelle con le informazioni sullo stato di ciascuna risorsa: se è libera o occupata, a quale processo è assegnata etc.

Le risorse possono essere allocate staticamente, cioè assegnate per tutta la durata dell'esecuzione, o dinamicamente cioè assegnate di volta in volta solo quando necessario e rilasciate subito dopo.

Alcune tecniche di allocazione delle risorse sono più elementari, vengono implementate in modo abbastanza semplice ma non consentono un alto rendimento; al contrario le tecniche più sofisticate permettono una maggior efficienza ma risultano più difficili da realizzare.

Bisogna comunque tenere presente che l'efficienza di un sistema viene misurata in base al rapporto tra il tempo in cui la CPU è attiva e quello in cui la CPU è inattiva, poiché non può essere a nessun processo. Per migliorare l'efficienza complessiva possono peggiorare le prestazioni relative ad un singolo processo cioè può aumentare il tempo di risposta (tra la richiesta di esecuzione e l'emissione del risultato) e il tempo di esecuzione (tra l'inizio e la fine dell'esecuzione) del processo stesso. La politica di gestione delle risorse non deve comunque causare un sovraccarico di lavoro della CPU costringendo la CPU stessa ad eseguire per troppo tempo routine del sistema operativo a scapito dei programmi utente (overhead del sistema)

COMPETIZIONE TRA PROCESSI




In un sistema multiprogrammato, più processi possono competere per l'uso di una risorsa; ogni risorsa può essere assegnata ad un solo processo alla volta e prima o poi ogni processo che la richiede deve riuscire ad ottenerla (problema della mutua esclusione).

Si dice che più processi interferiscono tra di loro se dipendono uno dall'altro per l'uso di una risorsa, ma sarebbero altrimenti indipendenti.

Ad ogni risorsa sono associati dei flag (semaforo) che segnalano se la risorsa è disponibile o occupata.

Quando un processo richiede una risorsa viene esaminato lo stato del semaforo; se la risorsa è libera si pone il flag in stato di occupato e si assegna la risorsa al processo; quando il processo ha terminato di usarla la rilascia ponendo di nuovo il flag in stato disponibilità.

Se invece al momento della richiesta la risorsa è già occupata, il processo viene posto in stato di attesa in una coda di attesa per la risorsa richiesta, da cui potrà essere prelevato solo quando la risorsa risulterà libera.

L'accesso al semaforo della risorsa deve essere consentito a un solo processo per volta per evitare effetti di sovrapposizioni di esecuzione; se un processo accede al flag di una risorsa per vedere se è libera o per rilasciarla non può essere concesso ad un altro processo di esaminare il flag prima che sia stato completato l'aggiornamento.

Si supponga altrimenti che il flag segnali libero e che un processo possa impadronirsi della risorsa; se prima di poter aggiornare il flag un secondo processo lo potesse esaminare troverebbe la risorsa ancora libera ed entrambi i processi cercherebbero di impadronirsi della stessa risorsa contemporaneamente.

Le istruzioni di accesso al semaforo devono perciò formare una sequenza indivisibile, cioè non devono accettate interruzioni durante l'esecuzione di queste istruzioni (ciò viene realizzato disabilitando gli interrupt, cioè mascherando la CPU).

Queste sequenze di istruzioni vengono dette regioni critiche.

STALLO

La presenza di più programmi che competono per l'uso delle risorse può causare situazioni di stallo, cioè situazioni in cui non è possibile far avanzare nessun processo.

In particolare ciò avviene quando c'è una situazione di attesa circolare di risorse, cioè quando esiste una catena di processi in cui ogni processo richiede una risorsa occupata dal processo successivo nella catena.

Per verificare l'esistenza di una situazione di attesa circolare si può costruire il grafo di allocazione delle risorse in cui i nodi rappresentano le risorse e i processi e gli archi collegano i processi alle risorse con un'orientazione diversa per indicare il possesso e la richiesta.

Il grafo di allocazione varia durante l'evoluzione dei processi; se si formano cicli significa che i processi del ciclo si trovano in condizione di stallo.

Se si verifica uno stallo bisogna far terminare forzatamente uno dei processi coinvolti in modo che gli altri possano avanzare; la terminazione può essere forzata manualmente dall'operatore, o nei sistemi più sofisticati dallo stesso sistema operativo. Per evitare il dello stallo il sistema operativo può seguire delle strategie di allocazione delle risorse che impediscano il verificarsi di condizioni di attesa circolare.

La tecnica di preallocazione delle risorse richiede che tutte le risorse necessarie al processo vengano associate al momento del caricamento in memoria, con la possibilità di rilasciarle poi una alla volta quando non servono più; bisogna però determinare all'inizio tutte le risorse necessarie e inoltre le risorse possono risultare poco sfruttate.

La tecnica di prerilascio  delle risorse impone invece che quando a un processo viene rifiutata una risorsa, il processo rilasci anche tutte le altre risorse già associate. Questo metodo non si può comunque applicare per l'uso di risorse che non possono essere rilasciate come le stampanti (risorse non preemptive).

La soluzione più diffusa è quella di allocazione gerarchica delle risorse in cui tra le risorse viene definito un ordine gerarchico ed un processo può richiedere le risorse di cui necessita solo rispettando queste priorità. Anche in questo caso però bisogna conoscere tutte le risorse necessarie e ordinarle in modo corretto e si rischia comunque di usarle in modo poco efficiente.

Un'altra tecnica, nota come l'algoritmo del banchiere, consente di evitare lo stallo dando la possibilità al sistema operativo di rifiutare una risorsa a un processo se non restano abbastanza risorse disponibili per soddisfare la richiesta massima di risorse di almeno uno dei processi già attivi; perché ciò sia effettuabile deve essere noto in anticipo il numero massimo di  risorse di cui ha bisogno ciascun processo.

In questo modo si assicura che almeno un processo possa terminare e rilasciare le risorse già occupate.

GESTIONE DELLE RISORSE

GESTIONE DELLA CPU

Il gestore della CPU si occupa di assegnare di volta in volta la CPU ad un processo; tramite lo schedulatore dei processi decide a quale tra i processi in stato di pronto assegnare la CPU.

Lo schedulatore dei processi esamina i descrittori PCB dei processi posti nella lista relativa ai processi in stato di pronto e sceglie in base ad un algoritmo detto politica di schedulazione che può essere realizzato con modalità diverse.

FIFO

La tecnica più semplice è quella FIFO in cui la CPU viene assegnata ai processi secondo l'ordine con cui gli stessi hanno effettuato la richiesta.

Quando un processo passa allo stato di pronto viene inserito in un'apposita coda e da qui estratto solo dopo che tutti i processi che lo precedono nella coda sono stati serviti.

Un processo in esecuzione rilascia la CPU quando termina oppure quando si verifica un'interruzione; il processo interrotto viene posto nuovamente nella coda quando passa ancora allo stato di pronto.

ROUND ROBIN

Con la tecnica round robin i processi vengono ancora serviti nell'ordine con cui hanno effettuato la richiesta ma il rilascio della CPU viene fatto quando il processo ha esaurito una certa quantità di tempo stabilita (quanto di tempo) assegnata ad ogni processo.

L'esaurimento del quanto di tempo viene segnalata da un interrupt di un apposito timer.

La tecnica round robin penalizza i processi CPU bound (con molte operazioni di CPU e poche di I/O) a favore di quelli I/O bound (con molte operazioni di I/O) poiché un processo che richiede un tempo di CPU superiore al quanto di tempo stabilito viene costretto a rilasciare la CPU e a tornare in coda molte volte impiegando, di fatto, un tempo maggiore per il suo completamento.

ROUND ROBIN A PERCENTUALE DI TEMPO

Per favorire ancora di più i processi che rilasciano spesso la CPU (I/O bound) l'inserimento nella coda dei pronti può avvenire in base alla percentuale di tempo utilizzato rispetto al quanto di tempo assegnato.

Il processo viene inserito tanto più avanti nella coda (che non è più una vera e propria coda ma una lista) quanto minore è la percentuale di tempo usata prima dell'interruzione.

TECNICA A PRIORITÀ

Con la tecnica a priorità i processi non vengono considerati tutti della stessa importanza e quindi serviti nell'ordine in cui si presentano, ma ad ogni processo può essere associato un numero che rappresenta il livello di priorità e che determina l'ordine con cui i processi verranno serviti.

I processi vengono divisi in tante classi di priorità quanti sono i livelli di priorità e per ogni classe viene gestita una coda.



La CPU viene assegnata al primo processo nella coda a priorità più alta e passerà a servire i processi a priorità più bassa solo quando le code di priorità superiore sono vuote.

L'esecuzione di un processo a priorità inferiore inoltre può essere interrotta per provvedere all'esecuzione di processi a priorità più alta che nel frattempo sono passati allo stato di pronto.

La priorità di un processo può essere assegnata in modo statica, cioè fissa per tutta la durata del processo, o in modo dinamico, cioè variabile durante l'esecuzione.

La tecnica a priorità fissa crea dei problemi quando processi CPU bound vengono fatti operare con priorità molto elevate, infatti in tal caso i tempi di risposta dei programmi con priorità più bassa possono diventare molto lunghi.

Quando la priorità viene determinata in modo dinamico, un processo può passare da una classe di priorità all'altra in base al tempo di utilizzo della CPU: i processi che rilasciano la CPU prima dello scadere del quanto di tempo vengono privilegiati e posti in a priorità più alta, mentre i processi che esauriscono il loro quanto di tempo vengono trasferiti in code a priorità più bassa.

SWAPPING

In un sistema che permette il time-sharing; ogni richiesta di esecuzione deve essere prontamente esaudita; non è possibile tenere in  coda la richiesta finché si rende disponibile un'area di memoria adatta. Deve essere consentito a tutti i processi che lo richiedono di iniziare l'esecuzione anche non c'è disponibilità di spazio in memoria centrale.

Se non tutti i programmi possono risiedere contemporaneamente in memoria centrale, alcuni programmi possono venire scaricati momentaneamente su disco per essere poi ricaricati in memoria centrale quando devono riprendere l'esecuzione; generalmente i programmi scaricati sono quelli in stato di attesa.

I processi in attesa di essere caricati in memoria (operazione, di swap-in) vengono inseriti in un'apposita coda.

L'operazione di trasferimento su disco (swap-out) richiede che in un campo del descrittore del processo sia segnalato che il processo non è più in memoria centrale.

Processore 8086 - appunti

Il processore 8086 è il progenitore della famiglia di processori Intel (che continuano ad essere compatibili con esso).  Possiede:

bus dati a 16 bit

bus indirizzi a 2O bit che consente di indirizzare 1 MB di memoria

registri a 16 bit tra cui:

registri generali AX BX CX DX4

registri puntatori tra cui IP (Istruction pointer) che rappresenta il program counter e fornisce l'indirizzo dell'istruzione successiva

registro dei flag in cui i bit rappresentano condizioni derivate dall'esecuzione dell'istruzione precedente

registri di segmento che contengono l'indirizzo iniziale di  un segmento di programma:

CS individua il segmento di codice

DS individua il segmento dati

SS individua il segmento dedicato allo stack

ES individua un segmento ausiliario

GESTIONE DELLA MEMORIA

Il bus indirizzi è a 20 bit mentre i registri sono a 16 bit. Vengono costruiti indirizzi a 20 bit a partire da valori a 16 bit. La memoria viene suddivisa in segmenti di 64KB ciascuno dei quali può iniziare solo ad indirizzi che sono multipli di 16 (ultime 4 cifre binarie a O).

L'indirizzo di inizio del segmento può quindi essere fornito senza le ultime 4 cifre  sicuramente uguali a O e può essere contenuto in un registro di segmento.

Per individuare una locazione all'interno di un segmento serve uno scostamento (offset) che rappresenta la distanza dall'inizio del segmento.

Gli indirizzi vengono rappresentati come: indirizzo di segmento:offset

L'indirizzo fisico viene calcolato aggiungendo 4 zeri all'indirizzo di segmento e sommando l'offset. Per esempio se l'indirizzo in esadecimale fosse 3A7B:210C l'indirizzo fisico sarebbe 3A7B0+210C = 3C8BC

DEBUG

É un programma del DOS inizialmente usato per trovare i bug dei programmi.

Si può avere un aiuto su come invocare il programma scrivendo :

Debug /? al prompt del DOS.

Digitando Debug appare un - come prompt. Scrivendo ? si ottiene un help dei comandi. Per uscire scrivere q al prompt e premere invio.

Il comando r permette di esaminare il contenuto dei registri.  r nome registro permette di modificare il contenuto del registro.

Debug può essere usato per esaminare il contenuto di qualsiasi punto del primo megabyte di memoria (si tratta di un programma in modalità reale), di qualsiasi file o settore di qualsiasi disco collegato al PC.

Il comando d (eventualmente seguito da un indirizzo) permette di visualizzare il contenuto della memoria (dump).

La prima colonna che consiste di due gruppi di 4 simboli esadecimali separati dal simbolo due punti (:) indica una locazione della memoria.

Le 16 paia di simboli esadecimali a destra sono i valori contenuti in quella locazione e nelle successive 15.

I comandi e (edit) ed f (fill) permettono di modificare il contenuto della memoria. Bisogna fare attenzione a non modificare aree della memoria destinata a conservare informazioni particolari.

Debug può mostrare anche la versione in linguaggio Assembler del contenuto della memoria (ha senso se in quelle locazioni sono memorizzate istruzioni):

comando u (unassembly).

In questo caso la prima colonna mostra la locazione di memoria a cui inizia l'istruzione, la seconda i valori memorizzati nella locazione e nelle successive (in base alla lunghezza dell'istruzione) rappresenta l'istruzione in linguaggio macchina, poi c'è l'istruzione in linguaggio assembler; le istruzioni variano da 1 byte a 4 byte.

Il comando a permette di scrivere istruzioni assembler.

Per terminare premere invio lasciando una riga vuota.

Il comando t permette di eseguire una istruzione alla volta a partire da quella indirizzata dal registro IP.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 6869
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019