Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Condizione di parallelismo e perpendicolarità tra rette - Geometria piana

geometria


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

IMPARIAMO INSIEME
Geometrie non euclidee: EUCLIDE, BOLYAI, LOBACESVKIJ
Punto,retta,piano e spazio sn gli enti primitivi e fondamentali della geometria.
LE ORIGINI DELLA GEOMETRIA
Circonferenza, cerchio e relative proprietà
Condizione di parallelismo e perpendicolarità tra rette - Geometria piana

Condizione di parallelismo e perpendicolarità tra rette

Geometria piana

·     242j93c ;     242j93c ; Rette parallele

Due rette complanari che non hanno alcun punto in comune o coincidono, si dicono parallele.

Per indicare che due rette sono parallele si usa il simbolo

Circa le rette parallele c'è un assioma, equivalente al famoso e tanto discusso nella storia al 5° Postulato di Euclide.



Data una retta  e un punto  non appartenente a , per il punto  passa una e una sola retta parallela a .

Da questo postulato si deduce che, date due rette parallele, ogni retta nel loro piano che ne interseca una interseca anche l'altra.

Infatti, se due rette  e  sono parallele, un'altra retta  che interseca la  non può essere parallela alla , altrimenti per  passerebbero due parallele a  (la e la ); la deve quindi intersecare anche .

Due rette  e , se tagliate da una trasversale , danno origine a otto angoli che si associano tra loro a due a due:

·     242j93c ;     242j93c ; angoli alterni interni: ; ;

·     242j93c ;     242j93c ; angoli alterni esterni: ; ;

·     242j93c ;     242j93c ; angoli corrispondenti: ; ; ; ;

·     242j93c ;     242j93c ; angoli coniugati interni: ; ;

·     242j93c ;     242j93c ; angoli coniugati esterni: ; .

Text Box: Definizione
Due angoli si dicono supplementari quando la loro somma è un angolo piatto.

Premesso ciò, possiamo enunciare una condizione sufficiente a garantire il parallelismo tra rette:

Se due rette complanari, tagliate da una trasversale, formano con essa o angoli alterni (interni o esterni) congruenti, o angoli corrispondenti congruenti, o angoli coniugati (interni o esterni) supplementari, allora sono rette parallele.

Text Box: Teorema dell'angolo esterno
In un triangolo un angolo esterno è maggiore di ciascuno degli angoli interni non adiacenti ad esso.
Dimostriamo il teorema punto per punto: partiamo dagli angoli alterni interni. Ragioniamo per assurdo negando la tesi che le due rette siano parallele e che esse si congiungeranno in un punto  che supponiamo trovarsi sulla destra. A questo punto i tre punti  vengono ad indicare un triangolo il quale ha un angolo esterno () congruente a un angolo interno () ad esso non adiacente. Questa situazione è assurda perché è in contrasto con il teorema dell'angolo esterno. Quindi le due rette sono necessariamente parallele.

La stessa dimostrazione è valida anche per gli angoli corrispondenti: infatti, considerando lo stesso ipotetico triangolo, anche questa volta avremo un angolo esterno () congruente ad un angolo interno (), quindi anche in questo caso, poiché questa situazione è in contrasto col teorema dell'angolo esterno, le due rette saranno necessariamente parallele.

Anche per gli angoli coniugati interni procediamo per assurdo negando la tesi che le due rette siano parallele e che esse si congiungeranno in un punto P formando il triangolo . Questo triangolo ha alla base due angoli  e ) che sommati danno un angolo piatto. Ma ciò è impossibile perché la somma di due angoli interni ad un triangolo è sempre minore di un angolo piatto. Quindi, i due angoli, per essere supplementari, le rette devono essere necessariamente parallele.

Per gli angoli alterni esterni osserviamo la figura.  Sappiamo che  perché opposti al vertice, ma anche che  per il teorema prima dimostrato. Di conseguenza, per la proprietà transitiva,  . Consideriamo di nuovo la figura. Noi sappiamo che , ma, per il teorema prima dimostrato degli angoli corrispondenti, sappiamo anche che , quindi, di conseguenza, per la proprietà transitiva : e anche la tesi sugli angoli coniugati esterni è dimostrata.

Il criterio di parallelismo tra rette è invertibile; ossia sussiste il seguente teorema, che esprime una condizione necessaria per il parallelismo.

Se due rette sono parallele, allora, tagliate da una trasversale, formano con essa: angoli alterni (sia interni che esterni) congruenti; angoli corrispondenti congruenti; angoli coniugati (sia interni che esterni) supplementari.

Incominciamo col dimostrare che se due rette sono parallele formano angoli alterni interni uguali. Ragioniamo per assurdo, supponendo che gli angoli  e  non siano congruenti: sia, ad esempio, . Tracciamo allora per  la retta , distinta dalla , e formando con  l'angolo , alterno rispetto a  e ad esso congruente. Per il teorema del criterio di parallelismo tra rette, la retta  risulterà parallela alla . Ma questa situazione è assurda perché si avrebbero per  due rette parallele alla , in contrasto con l'assioma delle parallele. Di conseguenza, essendo solo la retta  parallela alla , i due angoli  e  sono tra loro congruenti. In virtù di alcune proprietà degli angoli, si possono dimostrare le altre tesi. Consideriamo prima una coppia di angoli corrispondenti Noi sappiamo che  perché opposti al vertice, ma anche che  perché alterni interni per la tesi prima dimostrata, di conseguenza, avremo che , e quindi, per la proprietà transitiva  (questa dimostrazione vale per tutti gli angoli corrispondenti). Lo stesso metodo utilizzato per dimostrare la tesi degli angoli corrispondenti, può essere utilizzata anche per le altre coppie di angoli alterni esterni: infatti, poiché  perché opposti al vertice e  per la tesi appena dimostrata degli angoli corrispondenti, avremo che . Per la dimostrazione della tesi degli angoli coniugati, seguiamo, invece, un metodo diverso. Partiamo dagli angoli coniugati interni: noi sappiamo che  ma anche che  per la tesi prima dimostrata, quindi di conseguenza anche  Per gli angoli coniugati esterni procediamo con lo stesso ragionamento: poiché  e  perché alterni esterni, avremo che di conseguenza anche .



·     242j93c ;     242j93c ; Rette perpendicolari

Se due rette intersecandosi formano un angolo retto, sono retti anche gli altri tre angoli da esse formati.

Siano  e  due rette incidenti e sia retto uno degli angoli da esse formato, per esempio l'angolo . Se  è un angolo retto, cioè metà di un angolo piatto, anche  e , che sono adiacenti ad  (e quindi ad  supplementari), sono ciascuno la metà di un angolo piatto;  e  sono quindi retti. Anche , che è opposto al vertice rispetto ad , e pertanto ad esso congruente, è retto.

Due rette che intersecandosi formano un angolo retto, e perciò quattro angoli retti, vengono dette perpendicolari (o normali, o ortogonali).

Per indicare che due rette sono perpendicolari si usa il simbolo .

·     242j93c ;     242j93c ; Teorema relativo alle rette perpendicolari

Data una retta ed un punto (appartenente o no a essa) esiste una ed una sola perpendicolare condotta per quel punto alla retta data.

Detti rispettivamente  e  la retta ed il punto dati, distinguiamo due casi:  appartenga ad ;  non appartenga ad .

 - Consideriamo una retta  e un punto  appartenente a essa. Ora consideriamo l'angolo piatto con vertice in  e tracciamone la bisettrice. La retta  è la bisettrice dell'angolo  che divide lo stesso in due parti uguali (quindi in due angoli retti): di conseguenza la retta è perpendicolare alla retta  nel punto , ma allo stesso tempo è anche l'unica poiché esiste una ed una sola bisettrice che divide un angolo in due parti uguali.

 - Consideriamo una retta  e un punto  esterno ad essa. Congiungiamo questo punto  con un generico punto  di : se per caso la semiretta  forma con la  due angoli congruenti, e quindi retti, abbiamo trovato una perpendicolare  per  alla . Se così non è, allora tracciamo la semiretta  uscente da  e che giace dalla parte opposta di  rispetto alla retta e formante con la  un angolo , dove  è un generico punto di e invece, il punto della  in cui risulti . In seguito tracciamo la retta  che congiunge i punti ed . Codesta retta risulta perpendicolare alla , in quanto, essendo il triangolo  isoscele (), la retta , oltre ad essere la bisettrice dell'angolo , è anche mediana, e quindi forma con la base due angoli retti. Ma questa perpendicolare è anche l'unica: infatti, supponendo per assurdo di far passare per  un'altra retta  perpendicolare a , detto  il loro punto di intersezione, avremo che il triangolo  avrà due angoli retti. Ciò è impossibile poiché in un triangolo la somma di due angoli è sempre minore di un angolo piatto.




·     242j93c ;     242j93c ; Distanza di un punto da una retta; altezza di un triangolo; asse di un segmento

Il segmento di perpendicolare condotto da un punto ad una retta viene chiamato distanza del punto dalla retta.

In un triangolo la distanza di un vertice dalla retta del lato opposto si dice altezza del triangolo relativa a quel lato.

Il lato rispetto al quale si considera l'altezza di un triangolo prende anche il nome di base del triangolo. Ogni triangolo ha tre altezze (); queste, contrariamente a quanto avviene per le mediane e le bisettrici, posso essere anche essere segmenti esterni ad un triangolo.

La retta perpendicolare ad un segmento nel suo punto medio viene chiamato asse del segmento.

Geometria analitica

·     242j93c ;     242j93c ; Rette parallele

Due rette si dicono parallele o quando sono sovrapposte o quando non hanno nessun punto in comune e sono equidistanti. Poiché in un piano cartesiano una retta è rappresentata da ogni equazione lineare in due incognite, due rette saranno parallele se il sistema di equazione da esse rappresentato:

risulta essere impossibile od indeterminato. Questo capita se e solo se fra i coefficienti vi è una diretta proporzionalità, il che significa uguaglianza tra i coefficienti angolari. in simboli:

·     242j93c ;     242j93c ; Rette perpendicolari

Consideriamo le equazioni di due rette  e  perpendicolari nell'origine, e una retta  parallela alle ordinate. Determiniamo le condizioni a cui devono soddisfare i coefficienti angolari e  delle due rette affinché siano perpendicolari.

Siano  e  i punti d'intersezione delle rette ed  con la retta , di coordinate:

Ora applichiamo al triangolo OPQ il secondo teorema di Euclide:

da cui si ricava:

Dividendo per  si ha:

Essendo  ed  perpendicolari, le ordinate di  e  sono discordi, e quindi i coefficienti angolari  e  sono discordi; pertanto si avrà:

Si può affermare che se due rette sono perpendicolari, il prodotto dei loro coefficienti angolari è uguale a . Quindi, data la retta  di equazione:

tutte le rette di equazione:

sono, qualunque sia , perpendicolari a .







Privacy

Articolo informazione


Hits: 19350
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019