Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Legami chimici - INTRAMOLECOLARI

chimica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

I VASI COMUNICANTI - L'esperienza di Stevino
Positrone
verifica tramite l'uso dei densimetri delle densità di liquidi precedentemente calcolate
George Eastman
William Fox Talbot
Titolazione volumetrica - Descrizione della prova
La solubilità dell'ammoniaca gassosa
Pila elettrochimica - Fase sperimentale
Zinco e Rame - Verificare alcune reazioni che avvengono tra rame e zinco

Legami chimici

INTRAMOLECOLARI

Legame ionico: si forma fra un atomo di metallo e un atomo di non metallo, cioè fra 2 atomi fra i quali esiste una grande differenza di elettronegatività. L' atomo di non metallo è molto elettronegativo e significa che riesce ad attrarre su di sé l'elettrone dell'atomo di metallo fin 252j95c o a caricarsi quindi negativamente a trasformarsi in anione. L' atomo di metallo ha un elettronegatività molto bassa, per cui tende a cedere l'elettrone, a caricarsi positivamente e trasformarsi in catione. Così si formano 2 ioni di carica opposta, entrambi stabili, che si attraggono per forza elettrostatica formando una molecola.

Legame metallico: si forma tra atomi di metallo anche diversi tra i quali non c'è differenza di elettronegatività. Gli atomi di metallo hanno la tendenza a cedere gli elettroni. In un pezzo di metallo tutti gli atomi che lo formano risultano legati fra loro perché i loro ultimi elettroni sono delocalizzati su tutti gli atomi che formano il pezzo di metallo. In qusto modo gli elettroni sono liberi di muoversi fra tutti gli atomi e questo spiega la caratteristica dei metalli di condividere energia elettrica.

Legame covalente: si forma tra 2 atomi di non metallo i quali hanno entrambi la tendenza ad acquistare elettroni per raggiungere l'ottetto. Questa loro caratteristica fa si che per legarsi debbano mettere in compartecipazione gli elettroni di legame. Si definisce quindi covalente ogni legame che abbia una coppia di elettroni in comune tra 2 atomi. Se gli elettroni che formano questa coppia provengono da un atomo e da un' altro il legame si definisce covalente propriamente detto;

-se gli elettroni che formano questa coppia provengono da un solo atomo e l'altro mette a disposizione un legame vuoto si definisce dativo.

 

Legame covalente:

Puro: quando gli atomi legati hanno la stessa elettronegatività cioè attraggono gli elettroni di legame con la stessa forza, per cui la distribuzione degli elettroni è simmetrica.

Polare: quando gli atomi legati fra di loro hanno una diversa elettronegatività per cui la distribuzione elettronica è asimmetrica: l'atomo elettronegativo attrae con maggior forza gli elettroni che staranno soprattutto su di lui e che quindi acquisterà una parziale carica negativa, indicata con delta - (d-), mentre sull'atomo meno elettronegativo resterà un delta + (d+).

Questa situazione, cioè due cariche parziali o opposte presenti nella stessa molecola si definisce dipolo-. Maggiore è la distanza di elettronegatività tra i 2 atomi legati maggiore è la polarità del legame.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 2344
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019