Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Lo spazio naturale europeo - Le 3 regioni Geomorfologiche

geografia


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

Tagikistan o Tadzikistan - GEOGRAFIA, STORIA
Lo spazio naturale europeo - Le 3 regioni Geomorfologiche

Lo spazio naturale europeo


Europa

ü non ha confini completamente demarcati da oceani, mari o istmi (lingua di terra tra due oceani o mari):

ü dal punto di vista fisico, sembra più una penisola dell'Asia chce un continente a sé stante

ü confini:



o        occidente: Oceano Atlantico

o        oriente: dai monti Urali e dal fiume Ural

o        confine meridionale: corre lungo il mar Mediterraneo, lo stretto dei Dardanelli, il mar Nero fino alla catena del Caucaso

o        confine settentrionale: mar Glaciale Artico

Le 3 regioni Geomorfologiche

ü                   Europa delle terre antiche: (orogenesi caledoniana)

o        Si estende dall'Irlanda centro settentrionale alla Russia

o        Morfologia: aree formate da scudi e piattaforme antiche

o        Su di esse è evidente l'azione dei ghiacciai che, all'inizio dell'era quaternaria, hanno ricoperto l'area con spessi inlandsis

o        Gli inlandsis hanno lasciato un tipico paesaggio formato da alternanza di stagni, paludi, laghi, torbiere.

o        Sono di origine glaciale anche i fiordi (frastagliatissime coste formatesi in antiche valli glaciali invase dal mare)

o        Per la messa a coltura è stata necessaria un'intensa opera di bonifica che prosegue tutt'ora

ü                   Europa dei grandi massicci e dei bacini sedimentari: (orogenesi ercinica)

o        Si estende, approssimativamente, all'interno del triangolo Portogallo - Inghilterra meridionale - Boemia e comprende i monti Urali

o        Morfologia: montagne basse e arrotondate, altopiani incisi da valli profonde, grandi pianure (i bacini sedimentari)

o        Le aree montuose forniscono una buona parte delle risorse metallifere e carbonifere europee

o        I grandi bacini sedimentari sono le aree soggette al più intenso sviluppo agricolo

o        Fascia ricca di rilievi vulcanici: il Massiccio Renano e quello Centrale Francese presentano numerosi crateri spenti e fenomeni pseudo-vulcanici di interesse anche economico, come le sorgenti termali.

ü                   Europa delle terre giovani: (orogenesi alpino-himalaiana)

o        Regione più meridionale, si è formata soprattutto nell'era terziaria e quaternaria.

o        Morfologia: è la più tormentata e irregolare delle fascie, essendo stata interessata dalle orogenesi più recenti.

o        Le catene montuose si susseguono dalla Spagna all'Asia minore

o        Le catene montuose hanno le tipiche caratteristiche delle montagne geologicamente giovani: cime elevate, vette aguzze, valli profonde, versanti ripidi, morfologia irregolare

o        La presenza e la disposizione di rilievi elevati (es. alpi e balcani) hanno variamente condizionato  l'insediamento e l'attività umana nel corso della storia (in alcuni periodi sono stati fattore di difesa e in altri, periodo moderno, sono diventati un fattore di isolamento e un ostacolo alle comunicazioni e ai commerci.). Nell'ultimo periodo queto condizionamento naturale è stato in parte superato attraverso la costruzione di opere imponenti come i trafori e i valichi alpini.



o        Alcune volte i rilievi racchiudono importanti pianure alluvionali (come la pianura padana, la valle dell'ebro o il bacino pannonico) che sono di media estensione, frammentate e poco numerose. Pianure più piccole si trovano lungo i litorali mediterranei.

o        È tettonicamente instabile, soprattutto nella parte centro-orientale, in quanto si trova lungo la linea di confine di due "zolle" terrestri, quella eurasiatica e quella africana

o        Le penisole mediterranee (tranne quella iberica formata, nel suo corpo centrale, dalla meseta ercinica) sono soggette a terremoti e punteggiate da vulcani che, peraltro, non hanno fermato l'insediamento dell'uomo.

o        Le risorse minerarie sono poche o difficilmente utilizzabili

o        Nelle zone montuose, oltre che all'acqua dei fiumi, una risorsa è costituita dalla varietà del paesaggio e della morfologia, che hanno contribuito allo sviluppo del turismo e delle attività a esso connesse.

ü                   Islanda: emersione della dorsale medioatlantica (regione in + segnalata dalla profe)

Lessico:

istmo: lingua di terra tra due oceani o mari

geomorfologia: studia la forma della crosta terrestre e la sua evoluzione

scudo: area molto vasta, geologicamente stabile, spianata dall'erosione già a partire dall'er aarcheozoica. Ha forma leggermente arcuata come uno scudo poggiato a terra

inlandsis o ghiacciai continentali: grande distesa di ghiaccio che copre estesi territori con una coltre di grande spessore

fenomeni pseudo-vulcanici: fenomeni collegati al vulcanesimo ma di minore intensità

orogenesi: formazione e sollevamento delle montagne. Le più importanti orogenesi sono state la caledoniana, l'ercinica e l'alpina

geologicamente giovani: la geologia è la scienza che studia la Terra, la sua composizione e la sua formazione. I tempi della geologia sono molo lunghi, rispetto a quelli della vita umana: pertanto le montagne "geologicamente giovani" possono avere milioni di anni

pianure alluvionali: si indicano le pianure formate da detrici e rocce trasportate dai fiumi, dalle montagne verso valle.

I Mari e le Coste

L'Europa è caratterizzata soprattutto da mari interni: il mar Mediterraneo, il mar Nero, il mare del Nord e il mar Baltico.

Questi mari hanno agevolato il contatto, l'incontro e la trasmissione delle culture e delle conoscenze tecniche.

I numerosi mari che circondano l'Europa hanno condizioni fisiche molto diverse tra loro:

Ø       I mari del sud sono caldi e hanno una discreta salinità

Ø       I mari settentrionali sono più temperati e meno salati. (anche se sono più freddi di quelli del sud, esercitano influenze climatiche positive sul continente ß deriva nord-atlatinca, prolungamento della corrente del golfo)

Ø       L'utilizzo economico dei mari è oggi rilevante pe l'estrazione di idrocarburi pr la funzione di tramite per i trasporti marittimie per il turismo; l'attività della pesca è divenuta un'attività di secondaria importanza, minacciata oltretutto dai gravi problemi ecologici di cui soffrono i mari europei.

Ø       La lunghezza delle coste è infatti di ben 38.000 km

Ø       Ai margini delle montagne prevalgono le coste rocciose e frastagliate (coste norvegesi, greghe e bretoni)




Ø       In corrispondeza di bacini sedimentari o delle pianure si trovano coste basse e sabiose (costa romagnola, olandese e danese)

Ø       Le conformazioni costiere hanno variamente condizionato l'attività umana, risultanto a volte un fattore nautrale favorevole allo sviluppo economico, a volte un ostacolo che ha richiesto notevoli modificazioni.

Ø       L'utilità delle diverse conformazioni costiere cambia nel tempo, soprattutto a causa del mutare delle condizioni storiche ed economiche

Ø       I grandi estuari hanno sicuramente agevolato lo sviluppo del versante marittimo atlantico (gli estuari del reno, della senna, della loira, del weser, del tamigi e di altri fiumi atlantici sono rientranze naturale protette che hanno permesso la costruzione di porti, fondamentali per lo sviluppo economico dell'entroterra.)

Le Acque Continentali

I fiumi europei si possono dividere in tre versanti idrografici, secondo i mari nei quali sfociano:

Ø       Atlantico e mari settentrionali

o        Portate regolari (grazie al regime oceanico o semioceanico che deriva dalla piovosità regolare delle regioni che attraversano)

o        Attraversano aree con dislivelli scarsi e sono quindi facilmente navigabili

o        Vantaggio di sfociare generalmente a estuario ed essere così potenziali aree portuali

o        Reno: esempio

Ø       Mediterraneo (esclusi i tributari del mare nero o del caspio)

o        Hanno generalmente regimi irregolari, corsi brevi e foci a delta, di solito non sfruttabili come aree portuali.

o        Sono soggetti a piene che causano difficoltà all'insediamento umano

o        Richiedono grandi opere di arginatura per evitare inondaizioni e alluvioni rovinose

o        Nella stagione estiva le portate si riducono notevolmente, pe arrivare a volte alla vera e propria secca

o        I fiumi sono sfruttati soprattutto per la produzione di energia idroelettrica e, con la costruzione di bacini di invaso, per l'irrigazione

Ø       Mar Nero e Mar Caspio

o        Sono più lunghi ehanno maggiore portata

o        Danubio: attraversa ben nove stati europei ma, a causa di una certa irregolarità del regime, di gelate inveranli, che dopo il confine rumeno, si prolungano per alcune settimane e di difficoltà createsi in passato nei rapporti politici tra gli stati interessati, esso può per ora fungere solo in parte da grande arteria europea di nvagazione

I Laghi europei non sono di grandezza paragonabile ai più grandi laghi del mondo, ma sono numerosi.

I distretti lacustri principali sono due:

Ø       Laghi alpini

Ø       Laghi baltici







Privacy

Articolo informazione


Hits: 2780
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019