Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

EFFETTO SERRA: COME L'UOMO DISRUGGE LA TERRA

geografia


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di


ALTRI DOCUMENTI

Le fonti d'energia - ENERGIA IDRAULICA, ENERGIA EOLICA, DELLE MAREE, GEOTERMICA, ELETTRICA, CHIMICA
Scheda sull'analisi dell'America Centrale - America
Antartide - Le esplorazioni, Il continente
Andorra
TRADIZIONE PLEBEA E TRADIZIONE PATRIZIA - IL RILIEVO ONORARIO
LA SIRIA E L'ASIA MINORE - DURA EUROPOS
La Repubblica del Congo e l Eritrea
LA CROAZIA - IL PAESAGGIO NATURALE
L'AMERICA MERIDIONALE - Ambiente e clima
IL CILE - Geografia, Popolazione e amministrazione

EFFETTO SERRA: COME L'UOMO DISRUGGE LA TERRA

Il nostro secolo ha senza dubbio portato sulla scena mondiale nuove tecnologie e migliorie alla vita umana. Ma purtroppo il prezzo da pagare è stato alto: la terra è seriamente minacciata dall'inquinamento ed in particolare dal fenomeno chiamato "effetto serra". I raggi solari che raggiungono la superficie terrestre passano inalterati attraverso i gas atmosferici. La superficie r 333i84d iscaldata riemette energia sotto forma di radiazioni elettromagnetiche a lunghezza d'onda maggiore di quelle incidenti. Alcune molecole allo stato gassoso che si trovano nella troposfera, lo strato di atmosfera in cui siamo immersi, assorbono le radiazioni ad elevata lunghezza d'onda, come i raggi infrarossi. In questo modo l'energia termica è trattenuta negli strati più bassi dell'atmosfera. Il fenomeno è noto come effetto serra, poiché la troposfera si comporta infatti come una serra che riscalda l'ambiente interno.

Una conseguenza inevitabile è il continuo verificarsi di anomalie climatiche. Il problema esiste e tutti lo possono constatare: devastazioni quali inondazioni e desertificazioni hanno causato morti e danni per migliaia di miliardi; specie animali e vegetali sono in via di estinzione. Ma a che cosa è dovuto tutto questo? La principale responsabile dell'effetto serra è l'anidride carbonica (formula chimica CO2), prodotta soprattutto dalle emissioni di motori e centrali elettriche. Questo gas ha un elevato peso molecolare tende a rimanere nell'atmosfera ad una bassa altezza. Poiché è molto "compatta", cioè i suoi atomi sono tenuti insieme da un legame chimico forte, l'anidride carbonica non permette che le radiazioni respinte dalla terra possano attraversarla. Si comporta quindi come una calotta che trattiene l'energia termica negli strati bassi della troposfera. Più anidride carbonica è immessa nell'atmosfera, maggiore è l'effetto negativo ai danni del pianeta. Anche i CFC (clorofluorocarburi), gas presenti in molte bombolette spray, se dispersi nell'ambiente sono causa dell'effetto serra.



Altri responsabili del fenomeno sono l'aumento del consumo di metano (in gran parte per il riscaldamento delle abitazioni) ed il protossido d'azoto. Tutti questi componenti chimici sono all'origine dei disastri ambientali che imperversano sulla Terra. Nel continente americano si sta verificando lo scioglimento dei ghiacciai e l'eccessivo innalzamento del livello dell'oceano è causa di inondazioni e devastazioni. In Africa l'aumento della temperatura facilita la diffusione di malattie ed è responsabile della desertificazione, accompagnata da siccità e carestie. Anche in Europa si registrano danni, quali la scomparsa dei ghiacciai e l'estinzione di particolari specie della flora e della fauna. In Italia, addirittura, si prospetta per il futuro un elevato aumento della piovosità. Insomma, tutta la Terra è piagata da anomalie climatiche che nei prossimi anni, andando avanti di questo passo, potrebbero sconvolgere irrimediabilmente l'intero ecosistema.

È quindi necessario attuare al più presto degli interventi mirati alla risoluzione definitiva del problema. Uno di questi potrebbe essere la ricerca di fonti d'energia alternative pulite. Mediante finanziamenti degli stati per la ricerca ed il potenziamento di produzione d'energia eolica, solare o di altra origine, sarebbe possibile ricavare la stessa quantità di potenza attuale, senza però inquinare. Si potrebbe anche attuare un piano di integrazione delle fonti energetiche oggi più comuni con quelle derivate dalle biomasse o dalle maree. In questo modo l'emissione di gas responsabili dell'effetto serra sarebbe notevolmente diminuita. Un'altra soluzione è quella di ridurre i disboscamenti, essendo le foreste e piantagioni "polmoni verdi" che assorbono l'anidride carbonica. L'Europa, per risolvere il problema, sostiene che sia necessaria la modifica strutturale delle fonti inquinanti, anche se l'attuazione di tale proposito comporterebbe costi ingenti. Ma gli Stati Uniti ed altri paesi ritengono eccessivo e dispendioso il progetto europeo, insistendo sull'utilizzo di "meccanismi flessibili" quali il commercio di emissioni. Quest'ultimo riguarda le quote di anidride carbonica che si possono liberare nell'atmosfera; gli Stati Uniti puntano a commerciarle, cioè ad ottenere dagli altri paesi, tramite pagamenti e permessi, il diritto di inquinare. Le divergenze tra Unione Europea e USA hanno portato al fallimento della conferenza dell'Aja, conclusasi dopo quattordici giorni con un nulla di fatto. La conferenza, a cui partecipavano delegati di 184 paesi, aveva come obiettivo l'approvazione di un documento per ridurre le emissioni di gas inquinanti nell'aria. Purtroppo, però, gli interessi economici e politici hanno prevalso ancora una volta: persino accordi precedenti - come quelli di Kyoto - ratificati a favore dell'ambiente restano sulla carta. L'uomo sta distruggendo la Terra a suo danno, e non importa se miliardi di persone soffrono per questo. A coloro che aspirano ad un mondo migliore non resta che "rimboccarsi le maniche" ed iniziare, nel proprio piccolo, a fare tutto ciò che è nelle proprie capacità per migliorare la vita. Se tutti imparassero ad inquinare un po' di meno, la Terra ne risentirebbe positivamente e tornerebbe col tempo pulita.





Articolo informazione


Hits: 1038
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2017