Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
 
Architettura
Biologia
Diritto
Economia
Educazione fisica
Filosofia
Generale
Geografia
Italiano
Letteratura
Marketing
Medicina
Scienze
Storia
Tecnica Elettronica Elettrotecnica Meccanica Tecnica amministrativa Tecnologia Tecnologia meccanica Telecomunicazioni
 
 
 
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

IVA – caratteri generali - Classificazione operazioni IVA

tecnica amministrativa

Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di

ALTRI DOCUMENTI

IVA – caratteri generali - Classificazione operazioni IVA

IVA – caratteri generali

L’IVA è un’imposta indiretta sui consumi poiché colpisce la ricchezza nel momento in cui essa viene generata tramite atti di scambio, e grava sul consumatore finale.

Imposta sul Valore Aggiunto

Il valore aggiunto di un bene o di un servizio è costituito dalla differenza tra il suo prezzo di vendita al consumatore finale e il costo dei fattori produttivi impiegati per la sua produzione.

(È la somma degli incrementi di valore che si realizzano in ciascun passaggio)

v   &nb 222e47c sp; A ogni passaggio l’IVA si applica al prezzo pieno dei beni scambiati ed è addebitata al compratore => obbligo di rivalsa

v   &nb 222e47c sp; Il venditore risulta perciò debitore verso l’erario per l’IVA addebitata ai clienti nelle fatture (IVA a debito) e contemporaneamente creditore per l’IVA pagata ai fornitori (IVA a credito)

v   &nb 222e47c sp; L’IVA da versare all’erario si determina mensilmente o trimestralmente per masse di atti economici ed è pari alla differenza tra IVA a debito e  IVA a credito.

L’IVA è un’imposta proporzionale con aliquote differenziate:

4% pane, farina, latte e latticini…

10% bar, ristoranti, insaccati…

20% tutto il resto

I presupposti dell’imposta

1.   &nb 222e47c sp;  Presupposto oggettivo: Si deve trattare di : - CESSIONI DI BENI

                                                                             - PRESTAZIONI DI SERVIZI

                                                                             - IMPORTAZIONI

2.   &nb 222e47c sp;  Presupposto soggettivo: L’operazione deve essere effettuata da OPERATORI ECONOMICI

3.   &nb 222e47c sp;  Presupposto della territorialità: Le cessioni e prestazioni devono essere effettuate all’interno del territorio dello Stato.

Classificazione operazioni IVA

 

Operazioni Imponibili: operazioni per le quali si applica l’imposta in quanto sussistono i tre    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;  presupposti.

   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;  Tali operazioni comportano l’obbligo della fatturazione, l’obbligo della    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;  registrazione in appositi registri, rientrano nella determinazione del    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;  volume d’affari, permettono la detrazione dell’IVA corrisposta sugli    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;  acquisti.

Operazioni non imponibili (art.8 D.P.R. 633/72) Non vengono assoggettate ad IVA in    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;  quanto relative a beni destinati al consumo    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;  fuori dal territorio nazionale.

   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;  Per le esportazioni vige il principio della    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;  tassazione nel paese di    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;  destinazione.Esportazioni e servizi ad esse    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;  connessi, acquisti con applicazione del    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;  plafond.

Operazioni esenti (art. 10 D.P.R. 633/72) Operazioni sulle quali non si applica l’imposta per    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;  favorire il consumatore finale. È il caso delle    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;  prestazioni sanitarie, operazioni effettuate da banche    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;  ed assicurazioni, locazione di immobili abitativi.

Operazioni escluse (art. 15 D.P.R. 633/72) Operazioni per le quali mancano i requisiti    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp; soggettivo ed oggettivo.

Operazioni NON SOGGETTE  Operazioni per le quali non sussistono il requisito soggettivo ed    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;  oggettivo.

 

Il Momento Impositivo (momento in cui l’IVA diviene esigibile)

È il momento nel quale sorge l’obbligo tributario, ossia quello di applicazione dell’imposta.

v   &nb 222e47c sp; Per i BENI MOBILI corrisponde al momento della consegna o spedizione del bene (max 30 gg dalla data del DDT)

v   &nb 222e47c sp; Per i BENI IMMOBILI corrisponde a:

Data del rogito notarile, se l’effetto traslativo è immediato

 

Momento in cui si verifica l’effetto traslativo, se questo è differito.

 


v   &nb 222e47c sp; Per le PRESTAZIONI DI SERVIZI è rappresentato dalla data del pagamento del corrispettivo.

v   &nb 222e47c sp; Per le IMPORTAZIONI il momento impositivo coincide con il momento dello sdoganamento della merce.

Base Imponibile

È l’importo al quale deve essere applicata l’aliquota per calcolare l’IVA.

Nelle cessioni di merci la base imponibile è formata da:

ü   &nb 222e47c sp; Prezzo della merce al netto degli sconti incondizionati;

ü   &nb 222e47c sp; Spese non documentate (trasporto effettuato dal venditore con mezzi propri

                                             posa in opera

                                             montaggio       

                                             imballaggi a perdere)

SONO ESCLUSI DALLA BASE IMPONIBILE (accreditate, ma su di esse non grava l’IVA)

M   &nb 222e47c sp;    Gli interessi moratori

M   &nb 222e47c sp;    Penalità per inadempimento ad obblighi contrattuali

M   &nb 222e47c sp;    Valore normale dei beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono tranne quelli la cui cessione è soggetta ad aliquota più elevata.

M   &nb 222e47c sp;    Anticipazioni effettuate in nome e per conto della controparte, purché documentate

M   &nb 222e47c sp;    Cauzioni per imballaggi a rendere

La Fattura: Caratteri Generali

La fattura è un documento redatto dal venditore per comprovare l’esecuzione da parte sua del contratto di compravendita e per comunicare il compratore l’importo a lui dovuto per i beni che gli sono stati ceduti o i servizi che gli sono stati prestati.

L’obbligo di emettere la fattura ha fondamento nel Codice Civile e nella Legge Fiscale.

La fattura attesta l’operazione di scambio.

                da diritto ad esigere il credito

DIRITTO ALLA DETRAZIONE

Diritto del compratore a detrarre l’IVA della fattura da quella che deve all’Erario.

Tale diritto permane sino al II anno successivo al ricevimento della fattura.

 

DIRITTO DI RIVALSA

Diritto di esigere l’IVA dal cliente

 
               in termini di IVA, da:

                                                    

Forma e Contenuto Della Fattura

PARTE TABELLARE

 

PARTE DESCRITTIVA

 
La fattura si compone di

PARTE DESCRITTIVA: contiene dati fondamentali per l’individuazione delle parti del contratto

§   &nb 222e47c sp;  Dati identificativi del venditore-emittente (ditta, denominazione o ragione sociale

                                                                           residenza o domicilio

                                                                           numero di partita iva)

§   &nb 222e47c sp;  Dati identificativi del compratote

§   &nb 222e47c sp;  Data di emissione

§   &nb 222e47c sp;  Numero progressivo di emissione della fattura

§   &nb 222e47c sp;  Sintesi delle principali condizioni contrattuali (consegna, pagamento)

§   &nb 222e47c sp;  Dati relativi alla stipulazione e all’esecuzione del contratto

PARTE TABELLARE

ª   &nb 222e47c sp;  Natura, quantità e qualità dei beni o servizi

ª   &nb 222e47c sp;  Prezzo unitario ed importo complessivo della fornitura

ª   &nb 222e47c sp;  Dati necessari alla determinazione della base imponibile (sconti incondizionati,

                                                                                                   spese non doc. add. dal vend. al comp

                                                                                                   imballaggi a perdere fatt. a parte

ª   &nb 222e47c sp;  Totale imponibile, aliquota IVA e amontare dell’imposta

(arrotondato al centesimo di euro per eccesso)

ª   &nb 222e47c sp;  Altri importi a debito del compratore

ª   &nb 222e47c sp;  Totale a pagare

Emissione della fattura

Vi sono soggetti obbligati all’emissione della fattura solo su richiesta del cliente:

·   &nb 222e47c sp;    Imprese di trasporto di persone

·   &nb 222e47c sp;    Commercianti al dettaglio

La fattura in formato cartaceo va emessa in due esemplari: una da tenere, e una da dare al cliente.

La fattura può essere:

·   &nb 222e47c sp;    IMMEDIATA: accompagna la merce, non ha bisogno del DDT.

   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   Va emessa al momento della consegna o spedizione della merce, o comunque    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   entro 24h dalla stessa

·   &nb 222e47c sp;    DIFFERITA: generalmente emessa a fine mese, riguarda tutti i DDT emessi nei confronti di un    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   dato cliente. Va emessa entro 30gg e va comunque registrata nel mese in cui si è    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   verificata l’uscita della merce.

Documento Di Trasporto (DDT)

Deve obbligatoriamente accompagnare la merce ogni volta che questa esce dall’azienda.

Non è obbligatorio in caso di fattura immediata.

La Legge impone che la merce sia accompagnata dal DDT per evitare che le aziende vendano senza applicare l’imposta.

Il Documento Di Trasporto deve indicare:

E   &nb 222e47c sp; Data di effettuazione dell’operazione

E   &nb 222e47c sp; Ora di inizio e fine del trasporto

E   &nb 222e47c sp; Numero progressivo DDT

E   &nb 222e47c sp; Generalità del cedente (ragione sociale, domicilio o residenza, partita Iva)

E   &nb 222e47c sp; Generalità del cessionario

E   &nb 222e47c sp; Natura, quantità e qualità dei beni trasportati

E   &nb 222e47c sp; Causale (vendita, trasporto interno, c/lavorazione, c/campionario…)

Il Documento Di Trasporto deve essere emesso dal cedente e deve essere conservato per un periodo non inferiore ai 10 anni, stabilito dal Codice Civile

Sconti Incondizionati

Si dicono sconti incondizionati quelli la cui applicazione in fattura non è subordinata al verificarsi di alcuna condizione in quanto si tratta di riduzioni di prezzo già definite al momento della fatturazione e che non dipendono in alcun modo da scelte o eventi futuri.

Devono essere esposti in fattura.

Sconti condizionati

Si dicono sconti condizionati quelli la cui concessione è subordinata ad una scelta non ancora compiuta o ad un evento non ancora manifestatosi al momento della fatturazione.

Non possono essere esposti in fattura.

Quando e se si verificherà la condizione che prevede l’applicazione dello sconto, il venditore provvederà all’emissione di una nota di accredito.

Spese non documentate

Quando l’azienda venditrice effettua prestazioni accessorie con proprio personale o propri mezzi.

Spese documentate

Si dicono documentate le spese accessorie che il venditore ha provveduto ad anticipare a terzi in nome e per conto del compratore, sul quale gravano contrattualmente.

Escluse art.15 D.P.R. 633/72

Gli Imballaggi

Il contratto di compravendita prevede tre differenti clausole per gli imballaggi:

v   &nb 222e47c sp; IMBALLAGGI FORNITI GRATUITAMENTE Non compaiono in fattura

v   &nb 222e47c sp; IMBALLAGGI FATTURATI A PARTE addebitati al compratore con indicazione del loro    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   prezzo, consistono in una vera e propria cessione di    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   beni, e pertanto sono assoggettati a Iva

v   &nb 222e47c sp; IMBALLAGGI A RENDERE figurano in fattura solamente nel caso in cui il contratto preveda l’addebito di una cauzione. Tale addebito è provvisorio, e su di esso non si calcola l’Iva

Non soggetti art.1 DPR 633/72

Interessi per Dilazionato Pagamento

Nel caso in cui le parti abbiano concordato il pagamento differito della fornitura (rispetto alla consegna del bene o alla scadenza originaria)

Gli interessi per dilazionato pagamento sono concordati tra le parti in sede di stipulazione del contratto oppure successivamente, in caso di regolamento posticipato

ü   &nb 222e47c sp; Indicati in fattura

O   &nb 222e47c sp;   Non sono assoggettati ad Iva Esenti art. 10 D.P.R. 633/72

Se la dilazione è accordata successivamente, per gli interessi si emette apposita fattura, o una nota di accredito

Interessi Moratori

Gli interessi moratori sono interessi dovuti a seguito di ritardi unilaterali nell’esecuzione del pagamento da parte del compratore

Tali interessi sono estranei al campo dell’applicazione dell’Iva

Esclusi art. 15 D.P.R. 633/72

Essi sono pertanto esclusi dalla base imponibile

   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   Non sono soggetti a fatturazione

Decorrono automaticamente dal giorno successivo alla scadenza del termine.

Cessioni e Prestazioni a Titolo Gratuito

Ai fini Iva, gli omaggi vengono trattati in maniera differente, a seconda che si tratti di:

Non soggetti ad Iva

No DDT

 


ð   &nb 222e47c sp; CAMPIONI DI MODICO VALORE

OPPORTUNAMENTE CONTRASSEGNATI

Omaggio fatturato

Applicata Iva

Non si esercita la Rivalsa

 


ð   &nb 222e47c sp; OMAGGIO

DI MERCE

Autofatturazione

Si dicono autofatture, i documenti Iva che il contribuente emette nei confronti di se stesso

Autofattura per omaggi

In relazione alla cessione gratuita di beni o  prestazione gratuita di servizi, quando l’imprenditore non esercita la rivalsa nei confronti del beneficiario

Autofattura per autoconsumo

Nel caso di destinazione di beni o servizi al consumo personale o ad altre finalità estranee all’esercizio dell’impresa

Reverse Charge

Modo di assolvimento dell’Iva molto comune nel campo dell’edilizia.

Finalizzato ad evitare truffe nell’applicazione dell’imposta Iva

APPALTO contratto con cui il soggetto appaltante, che vince la gara d’appalto, si impegna a    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   realizzare una determinata opera ad un prezzo prestabilito

IMPRESA COSTRUTTRICE

 

Subappalta ad artigiani etc..i quali si facevano pagare la fattura e sparivano senza versare l’Iva

 


Con il reverse charge:

Registra acquisti 100+40

 

FATTURA LA CASA CON IVA AL CLIENTE

 

Registra vendite 100+40

 

IMPRESA COSTRUTTRICE

 

ARTIGIANO

Fattura senza Iva all’

 
 

                                                                       

Il meccanismo del Reverse Charge si applica nei subappalti in edilizia relativamente alle prestazioni di servizi svolte nei confronti di imprese costruttrici, e comporta l’emissione di una fattura senza applicazione dell’Iva, la quale deve essere integrata a cura del soggetto appaltante.

In questo modo l’Iva viene assolta e versata ESCLUSIVAMENTE dall’impresa appaltante.

Le Note di Variazone

Documenti emessi al fine di correggere una fattura per ragioni diverse.

Note di addebito (in aumento) fatture integrative emesse per rettificare in più l’Imponibile e l’Iva    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   di una fattura emessa in precedenza, o la sola Iva.

   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   La loro emissione è sempre obbligatoria.

Note di accredito (in diminuzione) sono fatture la cui emissione è facoltativa.Molto frequenti in    &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;  caso di MERCE DANNEGGIATA E NON CONFORME

Il cliente rende la merce accompagnata da DDT causale reso merce, il venditore emette una nota di accredito annullando la totalità della fattura, o la parte riguardante la merce danneggiata o non conforme. In pratica,si tratta di una fattura con il segno meno, avente la funzione di rettificare l’importo della fattura precedentemente emessa.

Trascorso un anno dall’emissione della fattura originale, se la nota di accredito non viene emessa, diventa un’operazione non soggetta.

Il Volume d’affari

È costituito dall’ammontare complessivo delle operazioni registrate o soggette a registrazione nell’anno solare.

VOLUME D’AFFARI =    Operazioni Imponibili

Al netto dell’Iva

 
   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp; +Operazioni non imponibili

   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;     + Operazioni esenti

   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   + - Note di variazione

                                           - Cessioni di beni ammortizzabili

Il volume d’affari serve ad identificare i contribuenti IVA, i quali si suddividono in:

ORDINARI

 
                           per coloro che operano cessioni di beni VA > € 516’457

                    

   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;      Per coloro che prestano servizi VA > €  309’874

MINORI tutti gli altri

I contribuenti ORDINARI devono  versare l’Iva all’erario mensilmente il 16 del mese successivo.

I contribuenti minori possono versarla trimestralmente   16 maggio I trimestre

                                                                                          16 agosto II trimestre

                                                                                          16 novembre III trimestre

                                                                                          16 marzo IV trimestre

maggiorata di un interesse dell’1%.

Ogni anno i contribuenti devono versare un acconto Iva entro il 27 dicembre, calcolato sull’anno precedente. L’importo dell’acconto da versare può essere calcolato secondo diverse modalità:

MINORI 88% liquidazione 4 trimestre

 

ORDINARI 88% liquidazione mese di dicembre

 
METODO MATEMATICO

O STORICO

METODO PREVISIONALE

Prevedo di non versare Iva, non verso nemmeno l’acconto

 


METODO LIQUIDAZIONE AL 20/12

Liquidazione delle fatture emesse fino al 20/12.

IVA DEB-IVA CRED e verso la differenza all’Erario

 


                                                                     

Detraibilità Iva sugli acquisti

Chi effettua attività imponibili o non imponibili ha diritto a detrarre l’Iva sugli acquisti.

La legge Iva pone limiti alla detrazione per determinate operazioni

                                                                      ECCEZIONI   &nb 222e47c sp;  

Acquisto generi alimentari se oggetto dell’attività

Prestazioni Alberghiere quasi sempre indetraibili

Pedaggi autostradali per camionisti o mezzi di trasporto strumentali

Trasporti per i tour Operator

 


   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp;   &nb 222e47c sp; 

OPERAZIONI

 CON IVA

TOTALMENTE

INDETRAIBILE

Indetraibilità

        50%

 

Ma se ciò è oggetto dell’attività,l’IVA è DETRAIBILE

 


IVA                                                                                                     

PARZIALMENTE

Per agenti di commercio e coloro che hanno ciò all’oggetto della loro attività

IVA DETRAIBILE

 

In detraibilità

       60%

 

AUTOMOBILI E SERVIZI CONNESSI

 
INDETRAIBILE

Pro Rata

Per soggetti che effettuano operazioni in parte esenti ed in parte imponibili

Tali soggetti determinano la detraibilità della loro Iva sugli acquisti in base a questa formula:

OPERAZIONI IMPONIBILI

 


=

 
DETRAZIONE IVA

OPERAZIONI TOTALI

 
ACQUISTI

Articolo informazione


Hits: 502
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.