Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

PROVA SU TRASFORMATORE TRIFASE E DETERMINAZIONE DEI PARAMETRI EQUIVALENTI

elettrotecnica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

rilievo della curva caratteristica di magnetizzazione di un alternatore tri-fase a carico.
Trasduttori e il condizionamento dei loro segnali (intro-cosa sono?)
Relazione di misure - Verifica del primo principio di Kirchhoff
Macchine in corrente continua - Dinamo
verifica del 2 principio di Kirchhoff

LABORATORIO DI

MISURE ELETTRICHE

OGGETTO: PROVA SU TRASFORMATORE TRIFASE E

DETERMINAZIONE DEI PARAMETRI EQUIVALENTI.

 



 

TRASFORMATORE TRIFASE

1) SCOPO DELLA MISURA: Prova indiretta su un trasformatore trifase.

Caratteristiche elettriche del trasformatore in esame:

 

Trasformatore trifase :

Potenza nominale: 10 KVA

Tensione nominale del lato di A.T.: V1n = 380 V (D) / 657 V (Y)

Tensione nominale del lato di b.t.: V2n = 220 V (y) / 127 V (D)

PRESCRIZIONI :

1.) Prova a vuoto.

1.1 ) Determinazione delle perdite, della corrente e del fattore di potenza a vuoto in corrispondenza della tensione nominale.

2.) Prova di corto circuito.

2.1 ) Determinazione delle perdite, della tensione e del fattore di potenza di corto circuito in corrispondenza della corrente nominale.

3.) Determinazione degli elementi del circuito equivalente relativi al lato b.t. (y).

PRESCRIZIONE N1)

SCOPO DELLA MISURA:

- Determinazione della I0 , cos j0 , P0 -

1) Metodo di misura impiegato:

Metodo dei tre wattmetri con voltmetriche derivate su centro stella artificiale con collegamento elettrico al morsetto neutro del variac.

Per l'esecuzione della prova a vuoto si sono inseriti i rami voltmetrici degli strumenti a monte rispetto a quelli amperometrici.

2) Schema di principio:

3) Esecuzione della prova:

Sono stati inseriti gli strumenti, come indicato nello schema di principio, secondo le modalit previste.

Si poi alimentato il trasformatore in prova agendo sulla manopola di regolazione del variac e si aumentata la tensione fino al raggiungimento della tensione nominale della macchina in esame.

Nella tabella seguente sono stati riportati i valori rilevati durante la prova.

Utilizzando i valori riportati in tale tabella si sono poi calcolati i parametri richiesti dalla prescrizione.

4) Elaborazione dati:

Durante la prova si sono rilevati i seguenti valori in corrispondenza della tensione nominale della macchina:

 

Valori della corrente a vuoto assorbita dal trasformatore

 

Valori della tensione di fase del trasformatore

Valori delle potenze assorbite dal trasformatore su ogni singola fase

I01 = 1.8 A

E1 = 126.4 V

P01 = 75.88 W

I02 = 1.12 A

E2 = 126.4 V

P02 = 11.88 W

I03 = 1.88 A

E3 = 126.4 V

 

P03 = 11.55 W

Da tali dati si sono estrapolati i seguenti valori:

Valore medio della corrente assorbita dal trasformatore

I0 = (I01+I02+I03)/3

Valore medio della tensione di fase del trasformatore

E = (E1+E2+E3)/3

 

Valori della potenza totale assorbita dal trasformatore

P0 = P01+P02+P03

 

Valore del cosj0

 

 

 

 

cosj0 = P0/(3 V I0)

I0 = 1.6 A

E = 126.4 V

(Tensione concatenata

V = 3 E = 218.9 V)

P0 = 99.31 W

cosj0 = 0.1637

j0 = 80.578

Si evitato di riportare i dati misurati al valore di tensione nominale (Vn = 220 V) a causa della trascurabile differenza tra la tensione rilevata e il valore di targa della macchina.

Tale imprecisione del tutto trascurabile in quanto provoca un errore relativo percentuale pari a circa il 0.5% rispetto al valore nominale.

5) Osservazioni finali:

Come si accennato nel paragrafo esecuzione della prova la misura viene effettuata tramite l'ausilio di un variac in quanto la prova deve essere effettuata con tensione perfettamente sinusoidale; perci importante evitare reostati in serie per la regolazione in quanto questi deformerebbero la tensione ai capi del trasformatore. Infatti la corrente magnetizzante risulta deformata dalla presenza di onde armoniche di 3o e 5o grado sovrapposte alla fondamentale.



PRESCRIZIONE N 2)

SCOPO DELLA MISURA:

Prova di corto circuito

1) Metodo di misura impiegato :

Metodo dei tre wattmetri con voltmetriche derivate su centro stella artificiale con collegamento elettrico al morsetto neutro del variac.

Per l'esecuzione della prova in corto circuito si sono inseriti i rami voltmetrici degli strumenti a valle rispetto a quelli amperometrici.

2) Schema di principio :

3) ESECUZIONE DELLA PROVA :

3.1) Teoria della misura :

La prova di corto circuito dei trasformatori si effettua chiudendo uno dei due avvolgimenti in c.to c.to ed alimentando l'altro con una tensione regolabile a partire da zero fino a far circolare negli avvolgimenti stessi le rispettive correnti nominali; la tensione che si richiede a tal fine pu essere dell'ordine del 410 % della tensione nominale dell'avvolgimento su cui si effettua l'alimentazione e costituisce la tensione di corto circuito del trasformatore.

Data la piccola tensione applicata nel funzionamento di c.to c.to. , la corrente magnetizzante , il flusso nel nucleo e le perdite corrispondenti sono trascurabili: l'intera potenza assorbita corrisponde perci alle sole perdite nel rame dei due avvolgimenti , dei quali si pu in tal modo determinare la resistenza equivalente complessiva ; d'altra parte essendo necessariamente nulla la tensione ai morsetti secondari chiusi in c.to c.to., l'intera tensione applicata ai morsetti primari corrisponde alle sole cadute di tensione interne dei due avvolgimenti ; in base alla tensione di c.to c.to. si pu cos calcolare l'impedenza equivalente del trasformatore , che permette a sua volta di determinare la variazione di tensione che si verifica nel passaggio da vuoto a carico del trasformatore stesso.

In linea di principio la prova di c.to c.to. pu eseguirsi alimentando il trasformatore indifferentemente dall'uno o dall'altro dei due lati di A.T. e b.t.; all'atto pratico la scelta dettata unicamente da ragioni di comodit , in relazione all'ordine di grandezza della tensione regolabile che occorre realizzare per eseguire l'alimentazione .

In ogni caso la prova deve essere eseguita alla frequenza nominale di esercizio.

3.2) Esecuzione pratica della misura :

Inseriti gli strumenti secondo lo schema di principio , si alimenta il trasformatore dal lato di alta tensione ( V1n = 657 V ) , con i morsetti secondari cortocircuitati.

A causa della portata amperometrica del wattmetro non si potuta rilevare la misura in corrispondenza della corrente nominale primaria ( I1n = 15.2 A ) ma ci si dovuti accontentare ad una rilevazione in corrispondenza di un valore minore di corrente.

4) Elaborazioni dati:

Durante la prova si sono rilevati i seguenti valori in corrispondenza di una corrente pari a circa il 6070 % della corrente nominale a causa dei motivi sopra riportati.

 

Valori della corrente assorbita dal trasformatore

 

Valori della tensione di fase del trasformatore

Valori delle potenze assorbite dal trasformatore su ogni singola fase

I1 = 9.66 A

E1 = 2.41 V

P1 = 22.6 W

I2 = 10.2 A

E2 = 3.00 V

P2 = 28.6 W

I3 = 10.6 A

E3 = 3.28 V

 

P3 = 34.1 W

Da tali dati si sono estrapolati i seguenti valori:

Valore medio della corrente assorbita dal trasformatore

I = (I1+I2+I3)/3

Valore medio della tensione di fase del trasformatore

E'cc = (E1+E2+E3)/3

 

Valori della potenza totale assorbita dal trasformatore

P'cc = P1+P2+P3

I = 10.15 A

E'cc = 2.90 V

(Tensione concatenata

V'cc = 3 E'cc = 5.02 V)

P'cc = 85.3W

5) Osservazioni finali :

Riportando i valori sopra ottenuti al valore di corrente nominale del trasformatore si ricavano i seguenti parametri di corto circuito:

Valore della corrente nominale del trasformatore

I1n = An/(3 V1n)

Valore della tensione di c.to c.to del trasformatore

Vcc = V'cc(I1n/I)

 

Valori della potenza di c.to c.to del trasformatore

Pcc = P'cc(I1n/I)2

 

Valore del cosjcc




 

 

 

 

cosjcc = Pcc/(3 Vcc I)

I1n = 15.2 A

Vcc = 7.52 V

Pcc = 184.6 W

cosjcc = 0.9324

jcc = 21.188

PRESCRIZIONE N3)

SCOPO DELLA MISURA:

Determinazione degli elementi del circuito equivalente relativi al lato b.t. (y).

1) Schema di principio :

Per semplicit lo schema di principio equivalente riferito ad un solo avvolgimento del trasformatore.

2) Elaborazione dati :

Dai dati ricavati dalle misure precedenti si sono ottenuti i seguenti parametri caratteristici del trasformatore:

Iny = InD * KT = InD * V nD / Vny = 15.2 * 3 = 26.3 A

Vccy = VccD * 1 / KT = VccD * Vny / V nD = 7.52 / 3 = 4.34 V

Rccy = Pcc /3 * 1 / (Iny)2 = 184.6 / 3 * 1 / (26.3)2 = 0.089 W

Xccy = Rccy * tgjcc = 0.089 * 0.3876 = 0.034 W

Ro = 3 * (Vny)2 / Po = 3 * (220)2 / 99.31 = 1447.9 W

Xo = 3 * (Vny)2 / Qo = 3 * (Vny)2 / (Po* tgjo) = Ro / tgjo = 1447.9 / 6.026 = 240.3 W

3) Osservazioni finali :

Riassumendo i dati ottenuti con le prove di collaudo sopra descritte si rilevato che il trasformatore in questione ha i seguenti parametri di targa:

Potenza nominale: 10 KVA

Tensione nominale del lato di A.T.: V1n = 380 V (D) / 657 V (Y)

Tensione nominale del lato di b.t.: V2n = 220 V (y) / 127 V (D)

Potenza di c.to c.to: Pcc = 184.6 W

Tensione di c.to c.to del lato di b.t.: Vccy = 4.34 V

F. d. P. di c.to c.to: cosjcc = 0.9324

Potenza a vuoto: P0 = 99.31 W

Corrente a vuoto: I0 = 1.6 A

F. d. P. a vuoto: cosj0 = 0.1637

In particolare i parametri elettrici relativi al lato b.t. (y) valgono:

Resistenza equivalente di c.to c.to: Rccy = 0.089 W

Impedenza equivalente di c.to c.to: Xccy = 0.089 W

Resistenza equivalente a vuoto: Ro = 1447.9 W

Impedenza equivalente a vuoto: Xo= 240.3 W







Privacy

Articolo informazione


Hits: 6871
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019