Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
 
Architettura
Biologia
Diritto
Economia
Educazione fisica
Filosofia
Generale
Geografia
Italiano
Letteratura
Marketing
Medicina
Scienze
Storia Arte Storia dell arte Tdp
Tecnica
 



 
 
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

C:TEXTBR~1TIFFSRIV2.HTM

storia

Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di


ALTRI DOCUMENTI

Le forze centripete e centrifughe nel gruppo: dall'uniformità alla divergenza
TACITO (I secolo d
"Mein Kampf" Adolf Hitler
Spazio Geo-economico 600
Maggio 1944
1921
L
La riforma protestante - LE CAUSE DELLA NASCITA DELLA RIFORMA
L'OLOCAUSTO - LA PERSECUZIONE
LE GUERRE PUNICHE - RIVOLTA IONICA

 

La Rivoluzione Americana 


La Rivoluzione Americana fu un conflitto tra la Gran Bretagna e le sue 13 colonie Nord Americane che scontente del dominio Britannico si ribellarono e una volta ottenuta l'indipendenza formarono gli STATI UNITI D'AMERICA.

Le colonie inglesi dovevano pagare alla Madre Patria (l'Inghilterra) ingenti tasse e alti tributi da cui i coloni non traevano nessun vantaggio.

Gli Inglesi non permettevano ai coloni di vendere i loro prodotti a commercianti che non fossero della Gran Bretagna, i commercianti britannici acquistavano le merci dei coloni a un prezzo molto basso e poi rivendevano gli stessi prodotti, lavorati nelle fabbriche inglesi ad un prezzo altissimo; inoltre l'Inghilterra per non avere altri concorrenti sul mercato proibiva ai coloni di costituire compagnie tessili.

In seguito a tutto ciò si manifestò un malcontento generale che iniziò a Boston dove i coloni buttarono a mare tutto il the contenuto nelle navi britanniche, che erano ancorate nel porto in seguito il malcontento si diffuse in tutte le 13 colonie. La protesta crebbe e alla fine si trasformò in aperta ribellione . I rappresentanti delle 13 colonie si riunirono a Filadelfia.

Al congresso del 1774 i delegati non ritennero ancora opportuno ricorrere alle ami; invece, un anno dopo l'assemblea decise di usare la forza e ritenne opportuno assegnare il comando dei coloni ad un ufficiale virginiano: GEORGE WASHINGTON.

Fu così che l'esercito rivoluzionario iniziò una impresa assai ardua, si trattava di sconfiggere una delle maggiori potenze del diciottesimo secolo.

Anche se l'obiettivo dei coloni era difficile da raggiungere essi erano convinti del fatto loro, convinti di poter riuscire nel loro intento e di difendere la propria patria. Per questi motivi e con l'aiuto della Francia, con le armi date dai contrabbandieri e conoscendo molto beni i luoghi essi riuscirono a trionfare sull'Inghilterra

In otto anni di guerra le battaglie furono parecchie; all'inizio i coloni ne vinsero molte ma mai decisive; poi l'esercito britannico sconfisse quello rivoluzionario in altrettante battaglie, ma l'esercito dei coloni anche se stremato resistette.

Anche se la Rivoluzione sembrava essere stata domata, i coloni dopo essersi riorganizzati, si ripresero. Il loro generale George Washington seppe aspettare il momento opportuno per sopraffare i nemici.
Nella battaglia decisiva seppe guidare con grande coraggio e saggezza gli uomini che lo avevano seguito in ogni sua impresa.

Il 4 luglio 1783 la Dichiarazione dell'Indipendenza Americana, tanto sollecitata da George Washington e tanto aspettata dai coloni era realtà.



Alla fine della guerra i rappresentanti delle tredici ex colonie si riunirono un'altra volta. Adesso si trattava di decidere le sorti del futuro Stato Americano.

Si formarono due partiti che sostenevano due idee completamente differenti. La prima sosteneva che le ex colonie dovevano restare indipendenti una dall'altra, le seconda, invece, proponeva che le ex colonie dovevano unirsi e formare un unico grande Stato.

Si cercò di trovare una mediazione. Alla fine non riuscendo a decidere per una delle due ipotesi si propose uno Stato Confederale.

Le tredici colonie per certe decisioni dovevano rendere conto ad un unico governo, ma per altre erano autorizzate a prendere delle decisioni autonomamente.

Le tredici ex colonie, oggi, sono diventate 50 più un distretto federale e gli Stati Uniti d' America sono diventati la maggior potenza del pianeta.


George Washington


Generale e uomo di Stato, nato in Virginia nel 1732 e morto nel 1799; fu uno dei fondatori e primo presidente degli Stati Uniti d'America.
Appartenente a una nobile famiglia di agrari virginiani fu , fin da giovane avviato alla carriera militare alternandola, nei momenti di sconforto, alla conduzione della attività familiare; attività che gli riusciva molto bene in quanto le sue terre erano considerate un modello da tutti ed il suo comportamento con gli schiavi, anche se duro, era umano.
Nel 1774 fu nominato delegato al 1° Congresso continentale a Filadelfia durante il quale non fece sentire la sua voce.
Partecipando al 2° Congresso (1775) sempre in divisa da ufficiale virginiano quando il Congresso decise di ricorrere alle armi non si trovò qualcuno più degno di lui per comandare l'esercito rivoluzionario. Occupò Boston, difese e rafforzò New York e contemporaneamente sollecitò a Filadelfia la dichiarazione di Indipendenza (4 luglio 1776).
Subite alcune pesanti sconfitte, quando ormai sembrava che la rivoluzione fosse domata, egli non si piegò, e risistemato il suo esercito conseguì, grazie alla sua abilità militare, importanti vittorie.
La sua bravura consistette nel saper imporre, contro notevoli opposizioni, una strategia di pazienza, in attesa di poter assestare il colpo definitivo agli Inglesi. La sua opera di Presidente ha un' importanza enorme nella storia politica e costituzionale degli U.S.A..
Si trattava di creare dal nulla una tradizione e una struttura di governo; e proprio il suo ministero fu la culla dei due grandi partiti storici americani.

Articolo informazione


Hits: 1456
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.