Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
 
Architettura
Biologia
Diritto
Economia
Educazione fisica
Filosofia
Generale
Geografia
Italiano
Letteratura
Marketing
Medicina
Scienze Chimica Fisica Geometria Informatica Matematica Ricerche Scienze della materia Scienze della terra
Storia
Tecnica
 



 
 
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Separazioni e divorzi

ricerche

Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di


ALTRI DOCUMENTI

LE FONDAZIONI - Le prove dirette
1
LE RISORSE UMANE NELL'ORGANIZZAZIONE DELL'IMPRESA
4n71fur70:73l3m471<0
Le costruzioni ferroviarie e il loro finanziamento
LIBRI DI TESTO: scontro sulla proposta di AN
STUDENTI.IT - Webmail
Separazioni e divorzi

Separazioni e divorzi
Anno 1997

L'Istituto nazionale di statistica comunica che nel 1997 in Italia il numero delle separazioni è risultato pari a 60.281 e quello dei divorzi pari a 33.342, con una variazione rispettivamente di più 4,8 per cento e più 1,9 per cento in confronto all'anno precedente.
Ogni 1.000 coppie coniugate si sono verificati 4,1 casi di separazione e 2,3 di divorzio. Al Nord i due fenomeni sono più frequenti: infatti, ogni 1.000 coppie coniugate si rilevano 5 separazioni e 3 divorzi rispetto a 2,7 separazioni e 1,2 divorzi nel Mezzogiorno. A livello regionale, i valori massimi si raggiungono in Valle d'Aosta (9 separazioni e 6,2 divorzi ogni 1.000 coppie coniugate), Friuli-Venezia Giulia (5,5 separazioni e 3,5 divorzi), Lombardia (5,3 separazioni e 3 divorzi), mentre i valori più bassi si riscontrano in Calabria (1,7 separazioni e 1 divorzio), Basilicata e Molise (poco più di 2 separazioni e 1 divorzio).
Le separazioni provenienti da matrimoni contratti con il solo rito civile sono state 10.903 (18,1 per cento del totale) e quelle relative a matrimoni religiosi 49.378 (81,9 per cento).
I divorzi provenienti da matrimoni civili sono stati 6.127 (18,4 per cento dei divorzi), mentre si sono registrati 27.215 (81,6 per cento) divorzi provenienti da matrimoni contratti con rito religioso.
La durata media del matrimonio risulta di 12 anni al momento della separazione e di 16 anni all'atto del divorzio.
Nel 47,8 per cento dei divorzi l'intervallo di tempo intercorso tra la separazione legale e la successiva richiesta di divorzio è stato pari al minimo di tre anni previsto dalla legge; nel 16,3 per cento è stato pari a quattro anni; le percentuali diminuiscono man mano che l'intervallo diviene più lungo.
Le separazioni consensuali sono state 51.417, pari all'85,3 per cento del totale, quelle giudiziali 8.864 (il restante 14,7 per cento). Fra queste ultime, 6.433 separazioni sono state concesse per intollerabilità della convivenza, 1.922 con addebito al marito e 509 con addebito alla moglie, pari rispettivamente al 72,6, al 21,7 e al 5,7 per cento. Per le separazioni consensuali la durata media del procedimento è di 143 giorni; per quelle giudiziali sale a 1.070 giorni.
Per i divorzi, la legge n. 70 del 6 marzo 1987 prevede la possibilità di un procedimento semplificato, simile a quello della separazione consensuale, nel caso i coniugi trovino un accordo e presentino domanda congiunta di divorzio. Nel 1997 si sono avvalse di questa soluzione 24.059 coppie, pari al 72,2 per cento del totale. La durata di un procedimento di divorzio su domanda congiunta è mediamen 646g68g te pari a 132 giorni, mentre è di 584 giorni con il rito contenzioso.
Nel 68,4 per cento dei casi, l'istanza di separazione è presentata dalle mogli e nel 31,6 per cento dai mariti. Nel caso in cui la donna sia occupata, la percentuale si eleva al 71,5 per cento, mentre se è casalinga scende al 65,9 per cento. È invece l'uomo che prende più frequentemente l'iniziativa di divorziare: nel 1997, il 63,2 per cento della domande di divorzio è stato presentato dai mariti e il restante 36,8 per cento dalle mogli.
All'atto della separazione, i mariti hanno mediamente 41 anni e le mogli 38; quando viene pronunciata la sentenza di divorzio gli uomini hanno mediamente 43 anni, le donne 40.
Fra coloro che si sono separati nel corso del 1997, gli uomini e le donne con un'occupazione sono stati rispettivamente l'87,5 e il 59,9 per cento. Il 9,4 per cento dei mariti e il 7,4 per cento delle mogli avevano, al momento della separazione, una laurea o un diploma universitario.
E' interessante confrontare le distribuzioni per condizione professionale e per titolo di studio dei coniugi al momento della separazione e le analoghe distribuzioni della popolazione nel complesso. In particolare nella fascia di età tra i 35 e i 44 anni, che è quella più frequentemente coinvolta in separazioni e divorzi, fra i separati gli uomini e le donne con un'occupazione rappresentavano rispettivamente il 95,3 e il 65,6 per cento, le casalinghe il 27,3 per cento. Sul totale della popolazione della stessa classe di età gli uomini e le donne con un'occupazione costituivano rispettivamente il 92,7 e il 56,3 per cento, le casalinghe il 37,9 per cento. Erano in possesso di laurea o diploma universitario il 14,7 per cento dei separati e il 13,4 per cento delle separate, mentre sul totale della popolazione le percentuali sono pari rispettivamente a 11,5 e 11 per cento.
39.756 separazioni, pari al 66 per cento del totale, e 18.457 divorzi (55,4 per cento) hanno riguardato coppie con figli avuti durante il matrimonio. Se si considerano solamente i figli minori di 18 anni, le percentuali diventano rispettivamente 51 e 35,5 per cento: in ambedue i casi sono più elevate nel Mezzogiorno rispetto al resto del Paese.
Tra separazioni e divorzi il numero totale di figli coinvolti è stato di 94.320, di cui 65.727 nei casi di separazione e 28.593 nei divorzi. I figli minori di 18 anni sono risultati 58.186, di cui 43.310 nelle separazioni e 14.876 nei divorzi.
Il 91,7 per cento dei figli minori nelle separazioni e il 90,8 per cento nei divorzi sono stati affidati alla madre; in entrambi i casi, si supera il 94 per cento per bambini con meno di sei anni. Il 5 per cento dei minori nei casi di separazione e il 6,4 per cento nei casi di divorzio sono stati affidati al padre. La proporzione di affidamenti al padre tende ad aumentare via via che i figli si avvicinano alla maggiore età: passa dal 2,6 nei casi di separazione e 3,6 in quelli di divorzio allorché i figli hanno meno di sei anni a più dell'8 per cento in ambedue i casi se i figli hanno superato i 14 anni.
L'affidamento alternato o congiunto al padre e alla madre è poco diffuso: ha riguardato solamente il 2,8 per cento e il 2,2 per cento dei minori affidati rispettivamente nei casi di separazione e divorzio.

Tabella 1 - Separazioni e divorzi per ripartizione geografica. Anno 1997

RIPARTIZIONI

SEPARAZIONI

DIVORZI

 

Numero

Per 1.000 coppie coniugate

Con figli affidati (%)

Numero

Per 1.000 coppie coniugate

Con figli affidati (%)

Nord

33.418

5,1

47,4

20.000

3,0

32,6

Centro

13.045

4,5

51,2

7.125

2,5

37,4

Mezzogiorno

13.818

2,7

59,6

6.217

1,2

42,5

Italia

60.281

4,1

51,0

33.342

2,3

35,5

 

Tabella 2 - Separazioni e divorzi per regione. Anno 1997

Regioni

Separazioni

Divorzi

Piemonte

5.828

3.604

Valle d'Aosta

270

185

Lombardia

12.077

6.939

Trentino-Alto Adige

974

571

Bolzano-Bozen

505

273

Trento

469

298

Veneto

5.056

2.865

Friuli-Venezia Giulia

1.648

1.067

Liguria

2.169

1.674

Emilia-Romagna

5.396

3.095

Toscana

4.726

2.631

Umbria

875

417

Marche

1.119

619

Lazio

6.325

3.458

Abruzzo

1.086

458

Molise

188

90

Campania

3.924

1.577

Puglia

2.660

1.211

Basilicata

297

150

Calabria

869

502

Sicilia

3.562

1.614

Sardegna

1.232

615

Italia

60.281

33.342

 

Tabella 3 - Separazioni per condizione professionale e posizione nella professione dei coniugi. Anno 1997 (dati assoluti)

 

Marito

Moglie

Occupati

52.718

36.076

-Imprenditori o liberi professionisti

5.678

2.010

-Lavoratori in proprio o coadiuvanti

11.010

4.204

-Dirigenti o direttivi

1.686

750

-Impiegati o intermedi

17.925

18.434

-Operai o assimilati

15.754

10.100

-Altro

665

578

Non occupati

7.563

24.205

-Casalinghe

-

18.929

Totale

60.281

60.281

 

Tabella 4 - Figli minori affidati in separazioni e divorzi per tipo di affidamento ed età del minore. Anno 1997


FIGLI MINORI AFFIDATI

ETA' DEL MINORE

IN SEPARAZIONI

IN DIVORZI


 

Numero

Di cui (%)

 

Numero

Di cui (%)


al padre

alla madre

alternato o congiunto

ad altri

al padre

alla madre

alternato o congiunto

ad altri

0-5 anni

10.877

2,6

94,6

2,4

0,4

588

3,6

94,2

2,0

0,2

6-10 anni

14.825

4,0

92,6

2,9

0,5

5.138

3,8

93,5

2,2

0,5

11-14 anni

9.695

6,3

89,9

3,2

0,6

4.920

7,3

89,9

2,3

0,5

15-17 anni

7.913

8,4

88,2

2,9

0,5

4.230

8,8

88,2

2,3

0,7

Totale

43.310

5,0

91,7

2,8

0,5

14.876

6,4

90,8

2,2

0,6

 

Tabella 5 - Separazioni e divorzi (a). Anni 1982-1997

Anni

Separazioni

Divorzi

1982

33.807

14.640

1983

33.476

13.626

1984

34.960

15.065

1985

35.163

15.650

1986

35.547

16.857

1987

35.205

27.072

1988

37.224

30.778

1989

42.640

30.314

1990

44.018

27.682

1991

44.920

27.350

1992

45.754

25.997

1993

48.198

23.863

1994

51.445

27.510

1995

52.323

27.038

1996

57.538

32.717

1997

60.281

33.342

(a) Si ricorda che la legge n.898 sulla disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio è entrata in vigore nel 1970 e che l'intervallo necessario tra la separazione personale e la proposizione della domanda di scioglimento del matrimonio è stato ridotto da cinque a tre anni con la legge n. 74 del 1987.

 


Articolo informazione


Hits: 1152
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.