Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Analisi matematica - Calcolo combinatorio

matematica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

Limiti
Matematica finanziaria - La capitalizzazione composta frazionata o interesse composto frazionato
FUNZIONI DI DUE VARIABILI
LA PARABOLA
LA RICERCA OPERATIVA - FASI DELLA RO
La formula risolutiva delle equazioni di 3° grado
ALGEBRA E GEOMETRIA ANALITICA: UNO STRETTO LEGAME IN 2° SUPERIORE
RIPASSO MATEMATICA

Analisi matematica

Calcolo combinatorio

Disposizioni semplici Dn,k=n(n-1)(n-2).....(n-k+1)=         (0£ k £n) diff. Per un elemento o per l'ordine

                      con ripetizione      Drn,k=nk         kÎN0                         diff. Per due el. Dist. Che occupano lo stesso posto




Permutazioni semplici         Pn=Dn,n=n !

                elementi ripetuti  

               

Combinazioni semplici              diff. Per un elemento

                con ripetizione    

                                              

                                  

Stifel                                            ricorrenza

                                     


Limiti

Per il calcolo dei limiti ( x tende ad un numero finito o  all'infinito ), si utilizzano le formule seguenti quando sono noti i limiti finiti l e m.                               Noti: lim f(x)=l e lim g(x) = m

Nei casi esclusi dalle regole precedenti o per limiti infiniti si possono applicare le seguenti relazioni formali.

Somma:       

Prodotto:  Vale la regola dei segni.   

Quoziente:        

Esponenziale:                         

Logaritmo:     

Limiti notevoli

Forme  indeterminate

1,2)      si applica la formula di De L'Hopital  

Per le funzioni razionali fratte con   

3)        Si riconduce al caso

4,5,6)     Si  trasforma usando 

7)       Si riporta ad uno dei precedenti casi:

               

Se ci sono radicali si può razionalizzare: si moltiplica e si divide per lo stesso fattore, che elimina la differenza (o somma) fra radicali; ad es. se la funzione è del tipo  , si moltiplica e si divide per


Derivate


y = c

y' = 0

y = logx = lnx

y = xn

y' = nxn-1

y = ax

y' = ax loga

y = senx

y' = cosx

y = ex

y' = ex

y = cosx

y' = -senx

y = arc senx

y = tgx

y = arc cosx

y = ctgx

y = arc tgx

y = arc cotgx

y = logax

Dc = 0

Funzione potenza

         D x = 1                                                     

Funzioni goniometriche

D senx = cosx           D cosx = -senx                                               

Funzione logaritmica

         

Funzione esponenziale

D ax = ax ln a         D ex = ex

Inverse delle funzioni goniometriche

                                          

Funzioni iperboliche

D shx = chx           D chx = shx                 

Regole di derivazione

D kf(x) = kf'(x9                      D [f(x) + g(x)] = f'(x) + g'(x) D [f(x) × g(x)] = f'(x) × g(x) + g'(x) × f(x)

D f[g(x)] = f'[g(x)] × g'(x)

                                     


Studio di funzione

Affinché una funzione y = f(x) sia continua nel punto x = c devono verificarsi contemporaneamente le seguenti condizioni:

1)       esistenza del valore della funzione per x = c;

2)       esistenza del limite finito l della funzione per x ® c (cioè );

3)       coincidenza tra l e f(c).

Quando anche una sola delle tre condizioni non è verificata si dice che la funzione è discontinua e che x = c è un punto di discontinuità per la funzione (o anche punto singolare).

Punti di discontinuità di prima specie

Si dice che per x=c la funzione y = f(x) ha un punto di discontinuità di prima specie, quando esistono e sono finiti e diversi tra loro i limiti dalla destra e dalla sinistra della funzione, a prescindere dall'eventuale valore della f(x) per       x = c    

Punti di discontinuità di seconda specie

Si dice che per x=c la funzione y = f(x) ha un punto di discontinuità di seconda specie, quando non esiste, o non esiste finito, uno almeno dei due limiti dalla destra o dalla sinistra di c.

Punti di discontinuità di terza specie

Si dice che per x=c la funzione y = f(x) ha un punto di discontinuità di terza specie o eliminabile, quando esiste finito, il limite per x ® c di f(x), ma f(c) o non esiste o è diversa dal valore del limite.



Grafico probabile di una funzione

a)       determinare il dominio individuando dove f è continua

b)       determinare le eventuali intersezioni del suo grafico con gli assi coordinati

c)       studiare il segno della funzione individuando l'insieme di positività e negatività

d)       calcolare i limiti della funzione per x ® ¥ e in corrispondenza ai suoi punti di discontinuità, deducendo gli eventuali asintoti orizzontali e verticali

e)       tracciare, tenendo conto degli elementi acquisiti, il grafico probabile della funzione.

Per ricercare tutti i flessi anche quelli a tg. Obliqua

            (condizione necessaria non sufficiente)

ordine dispari

ordine pari

¹ 0

= 0

¹ 0 fl. obliq.

¹ 0

= 0

=0

¹ 0  ne min.   ne max.  ne flessi.

la curva volge la concavità verso l'alto  > 0

la curva volge la concavità verso  il basso  < 0

 


Flessi a tg. orizzontale

Ricerco la 1a derivata  ¹ 0

ordine pari

ord. dispari

=0

>0 min

<0 max

=0

=0

>0 fl. asc.

<0 fl. disc.

=0

=0

=0

>0 min

<0 max

=0

=0

=0

=0

>0 fl. asc.

<0 fl. disc.

f'(xi) > 0 è funz.crescente                 f''(xi) > 0 è concavità verso l'alto

f'(xi) < 0 è funz decrescente                            f''(xi) < 0 è concavità verso il basso

per trovare i flessi si pone f''(x) = 0 , si studia il segno di f''(x) nell'intorno dei valori trovati, se f''(x) cambia segno tra destra e sinistra del punto considerato si ha un flesso altrimenti no.

Se si ha un max o un min a tg orizzontale è f'(x0) = 0

Condizione necessaria, non sufficiente, affinchè vi sia un flesso in x0 è che f''(x0)=0

                Per trovare i flessi perciò si deve porre f''(x)=0

                Si studia quindi il segno della f''(x) nell'intorno dei valori trovati

                Se f''(x) cambia di segno a destra e a sinistra del punto considerato si ha un flesso altrimenti no.

Se f'(x0) > 0 à funzione crescente in x0                           Se f''(x0) > 0 à concavità verso l'alto

Se f'(x0) < 0 à funzione decrescente in x0                      Se f''(x0) < 0 à concavità verso il basso

Massimi e minimi:             se si ha un massimo o minimo relativo a tangente orizzontale à f'(x0) = 0


Tabella delle primitive

 

            

      

         

Formula di Archimede per l'area di un segmento parabolico







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1131
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019