Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Problema dell'interpretazione del significato

fisica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

RANGO DI UNA MATRICE
QUARK
Sintesi - Vettori
Esperimentazioni I - Misura del periodo d'oscillazione di un pendolo-
Le forze d'attrito
RELAZIONE - Indagine sul riscaldamento di una massa d'acqua
Reazione di equilibrio
Lampada - LAMPADE A OLIO
I RESISTORI
calcolare la massa equivalente di un calorimetro

·        Problema dell'interpretazione del significato della funzione d'onda di Schrodinger :cioè l'ampiezza dell'onda o funzione d'onda associata alla propagazione del materiale. Non è assimilabile alle radiazioni elettromagnetiche (è in uno spazio a più dimensioni).  S suppose che il quadrato del suo modulo indicasse la densità elettrica ma l'ipotesi non regge sia per mancanza di r 555e47f iscontri sperimentali sia  perché non spiega le onde associate a particelle di carica neutra.

·        L'interpretazione di Born si basa sull'analogia con il caso dei fotoni che attraversano un prisma. Quest'oggetto ha infatti la proprietà di separare la luce bianca nelle sue componenti monocromatiche: infatti il fotone incidente non ha una frequenza ben definita ma per lui sono possibili tutte le frequenze presenti nello spettro del visibile e il prisma estrae una delle possibilità ivi contenute; in termini ondulatori questo si spiega affermando che il prisma separa le componenti monocromatiche con un'energia luminosa proporzionale al quadrato dell'ampiezza. Quindi la probabilità che un fotone possieda una certa frequenza dopo il prisma è proporzionale all'intensità che l'onda di pari frequenza ha in seno alla radiazione incidente (da un concetto statistico a uno probabilistico)



·       

L'onda si può dunque interpretare come la probabilità di trovare in un determinato istante e in una certa zona dello spazio tale corpuscolo . Grazie al passaggio all'interpretazione probabilistica si passa dall'impossibile all ' estremamente improbabile. La funzione d'onda è ora interpretabile come una funzione di probabilità . Si utilizza la funzione presa con il quadrato del modulo (che si ottiene moltiplicando  la funzione per la sua coniugata) poiché compare un'unità immaginaria pertanto priva di significato reale.

      

·       

Poiché nella moltiplicazione scompare il fattore T la probabilità ottenuta mantiene un valore costante nel tempo (Stato stazionario) la particella non si muove. Poiché ,secondo De Broglie, un corpuscolo è associato a un pacchetto d'onde il cui massimo si sposta lungo la traiettoria, il pacchetto d'onde risultante è una combinazione di frequenze dove i termini esponenziali non vengono mai contemporaneamente annullati,


     il che implica che la probabilità dipende anche dal tempo. La probabilità che la particella si trovi        entro un valore dato è dunque da

·        Con lo studio della teoria cinetica l'introduzione di criteri statistici e di probabilità  venne adottata a causa della materiale impossibilità pratica di seguire individualmente ogni molecola (pur sempre sottoposta a rigide regole deterministiche) la meccanica ondulatoria invece deriva da un'impossibilità concettuale , abbandona il determinismo e la causalità esatta usando come unico elemento valido la probabilità

·        La fisica classica ammetteva a priori che esistesse un nesso di causalità tra evento e osservazioni e che si potesse sempre effettuare la misurazione senza turbare la grandezza . In fisica atomica ciò non avviene. Supponiamo infatti di conoscere lo stato di un corpuscolo attraverso un pacchetto d'onde. Grazie a Schrodinger possiamo calcolare in ogni istante la probabilità di trovare in ogni istante il corpuscolo se si effettuasse la misura. Ma se effettuassimo la misura verremmo in possesso di nuovi dati ma modificheremmo anche lo stato del sistema . Dobbiamo quindi calcolare una diversa lunghezza d'onda : ogni misurazione dunque interrompe la regolare evoluzione della funzione d'onda introducendo elementi nuovi. Heisemberg ha portato un esempio : effettuando una misura su un corpuscolo , localizzandolo in un piccolo spazio il pacchetto d'onde associato si propagherà allargandosi : per precisare la posizione d un corpuscolo di energia si rende maggiormente indeterminato il valore della gamma di frequenze

·       

Partendo dal principio degli osservabili in base a cui non si possono definire grandezze fisiche  che non siano, almeno concettualmente, misurabili, H. si pone il problema della misura simultanea della posizione e dell'impulso, due grandezza coniugate  (che servono a definire in modo completo lo stato della particella) . Si può dire di aver compiuto una osservazione completa solo qualora queste due grandezze siano rilevate simultaneamente poiché altrimenti non possiamo prevedere la loro evoluzione che è prevedibile solo se note posizione e impulso iniziali. .Egli ha dunque cercato di stabilire entro quali limiti fosse possibile stabilire una misura di questo tipo. Supponiamo di avere un elettrone che si muova alla velocità V corrispondente a una certa estensione nello spazio  Dx e una certa lunghezza d'onda  compresa fra  l e l'  ossia.




 Sulla semilunghezza del pacchetto vi sono n onde complete di lunghezza l e (n+0.5) l '

·       


Da cui otteniamo


Applicandolo alla relazione iniziale                  da cui


Ricordando le leggi di De Broglie


Si ricava                                                                                 quindi

Il prodotto delle indeterminazioni che si hanno nel determinare due grandezza coniugate in una particella non può essere inferiore alla costante di Plank

·       

Analogamente è concettualmente impossibile realizzare un'operazione di misura che ci permetta di conoscere contemporaneamente l'energia e l'intervallo di tempo di una particella con un grado di incertezza grande a piacere. Detto infatti Diu l'intervallo entro cui  varia la pulsazione e Dt il tempo che il pacchetto impiega ad attraversare un punto del mezzo in cui esso si propaga:


   







Privacy

Articolo informazione


Hits: 969
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019