Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Le forze d'attrito

fisica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

Misura della capacita termica del calorimetro
Movimento del punto materiale: CINEMATICA. DINAMICA
Einstein, Albert (Ulma 1879 - Princeton, New Jersey 1955)
Gli attriti - Determinare il coefficiente d'attrito dinamico
BILANCIO TERMICO DELLA TERRA (544)
QUARK
Alessandro Volta
Variazione e conservazione - L'energia, Il lavoro
Vettore - Ente geometrico
verifica sperimentale della regola del parallelogramma

Le forze d'attrito.

Le forze d'attrito sono tutte quelle forze che si oppongono al movimento relativo di 2 corpi a contatto.

Esistono diversi tipi di forze d'attrito:

-La forza d'attrito radente;

-La forza d'attrito volvente.

Esempio di forza d'attrito radente.

Esempio di forza d'attrito volvente.

Forza d'attrito radente.

La forza d'attrito radente è quando un corpo striscia su una superficie d'appoggio, come nell'esempio n:1 434i81e .

Forza d'attrito volvente.

La forza d'attrito volevente è quando un corpo rotola su una superficie d'appoggio, come nell'esempio n:2.

Studio dell'attrito radente statico tra materiali diversi.

Materiali:

Parallelepipedi di materiale diverso, dinamometro di sensibilità e portata adeguate, piani d'appoggio diversi.

Operazioni:

a)Determinare la forza peso del parallelepipedo con cui si lavora (forza premente).

b)Tirare con un dinamometro il parallelepipedo.

c)Determinare, con il dinamometro scelto, la forza più piccola che fa muovere il parallelepipedo  (forza d'attrito statico)

.

Esempio dell'esperimento di laboratorio.

Dai risultati dell'esperimento precedente si può dedurre che la forza d'attrito radente statico:

-dipende dalla forza che tiene premute l'una contro l'altra le superfici a contatto (forza premente);

-in prima approssimazione, non dipende dalle caratteristiche geometriche delle superfici a contatto;

-dipende dalla natura delle superfici a contatto: l'attrito radente tra superfici lisce è, a parità di condizioni, minore di quello tra superfici rugose.

Ecco la formula della forza d'attrito.

Fas=K*Fpr

Dove:

(Fas) è la forza d'attrito;

(K) è la costante di proporzionalità detta "coefficiente d'attrito statico che dipende dalla natura delle superfici a contatto;

(Fpr) è la forza premente.

Invece la formula per l'attrito radente dinamico è simile ed è quella che vedete qui sotto.

Fad=Kd*Fpr

Dove:

(Fad) è la forza d'attrito dinamica;

(Kd) è la costante di proporzionalità detta "coefficiente d'attrito dinamico" e dipende anche quest'ultima dalla natura delle superfici a contatto;

(Fpr) è la forza premente.

Tabella-Coefficiente d'attrito statico e dinamico.

Superfici a contatto

Coefficiente d'attrito statico

Coefficiente d'attrito dinamico

Acciaio - vetro

0.74

0.57

Vetro - vetro

0.94

0.40

Legno - legno

0.30

0.30

Teflon - teflon

0.04

0.04

Gomma - Asfalto asciutto

0.85

0.70

Gomma - Asfalto bagnato

0.70

0.50

Vetro - legno

0.40

0.25

Ghiaccio - acciaio

0.20

0.10

Legno - Acciaio

0.45

0.30

 

Dalla tabella si vede che risulta sempre Ks>Kd e, quindi, che l'attrito statico, a parità di condizioni, è maggiore di quello dinamico.

Infatti, sappiamo per esperienza che, per trascinare un tavolo sul pavimento, lo sforzo maggiore è quello esercitato per metterlo in movimento.

 







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1257
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019