Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
 
Architettura
Biologia
Diritto
Economia
Educazione fisica
Filosofia
Generale
Geografia
Italiano
Letteratura
Marketing
Medicina
Scienze Chimica Fisica Geometria Informatica Matematica Ricerche Scienze della materia Scienze della terra
Storia
Tecnica
 
 
 
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

FORZA, MOMENTO DI UNA COPPIA

fisica

Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di

ALTRI DOCUMENTI

Equivalente in acqua del Calorimetro
BIOGRAFIA JAMES PRESCOTT JOULE
RELAZIONE - Indagine sul riscaldamento di una massa d'acqua
La pressione
GRANDEZZA A SCALARE
Leon Foucault
Illustra il concetto di corrente elettrica e il funzionamento dei generatori di tensione
Cariche elettriche in equilibrio
PESI E MISURE
EINSTEIN E LA TEORIA DELLA RELATIVITA'

FORZA:le forze sono le cause che provocano cambiamenti di velocità degli oggetti.DINAMOMETRO:

è uno strumento costituito daun molla che viene allungata dall'azione di una forza.In questo modo

permette di misurarne l'intensità,che dipende dall'allungamento della molla.NEWTON:è l'unità di

misura della forza nel S.I.VETTORE FORZA:le forze sono vettori perchè oltre ad essere definite da

un'intensità,una direzione od un verso,si sommano come vettori,cioè con la regolaa ounta-coda o

quella del parallelogramma.PUNTO DI APPLICAZIONE:è il punto su cui agisce la forza e da cui parte

la freccia che rappresenta la forza.EQUILIBRIO:è la condizione nella 515d39f quale un corpo inizialmente

in quiete rimane in quiete.STATICA:è quella parte della fisica che studia le condizioni di equilibrio

di un corpo o di un'insieme di corpi.CONDIZIONE DI EQUILIBRIO PER UN PUNTO MATERIALE:

un punto materiale è in equilibrio se la somma di tutte le forze applicate è uguale al vettore nullo.

VINCOLO:è costituito da un oggetto che limita la libertà di movimento di un altro oggetto.FORZA

VINCOLARE:è la forza esercitata da un vincolo su un oggetto che agisce su di esso.Questa forza è

sempre ugualeed opposta alla forza a cui deve reaagire.CONDIZIONE DI EQUILIBRIO PER UN

PUNTO MATERIALE VINCOLATO:un punto materiale vincolato è in equilibrio se la somma di

tutte le forze applicate è uguale a zero.PIANO INCLINATO:è una superficie piana inclinata rispetto

alla direzione orizzontale.Spesso è utilizzato per fare risalire oggetti pesanti lungo un dislivello.

CORPO RIGIDO:è un oggetto che non si può deformare,qualunque siano le forze appplicate.

MOMENTO DI UNA FORZA RISPETTO A UN PUNTO M:descrive l'effetto di rotazione dovuto

ad una forza.Data la forza Fed un punto A il momento della forza F rispetto ad A è il vettore

M= r x F dove r è il vettore che congiunge A con P.BRACCIO DEL MOMENTO TORCENTE:

è il modulo r della proiezione del vettore r nella direzione perpendicolare ad F.

MOMENTO DI UNA COPPIA:descrive l'effetto di rotazione dovuto ad una coppia di forza F'

ed F" eguali ed una opposte applicate rispettivamente nei punti P' e P".BRACCIO DELLA COPPIA:

la distanza tra le rette d'azione delle due forze F' ed F".VETTORE APPLICATO:si chiama così

un vettore come il vettore forza per il quale è importante il punto di applicazione.RETTA DI

AZIONE:è la retta su cio giace la freccia che rappresenta un dato vettore.FORZE PARALLELE

E CONCORDI:sono due o più forze parallele tra loro e con lo stesso verso,applicate allo stesso

corpo rigido.CENTRO DI GRAVITà O BARICENTRO:è il punto in cui è applicata la forza peso

che agisce su un oggetto.CONDIZIONI DI EQUILIBRIO PER UN CORPO RIGIDO:un corpo

rigido è in equilibrio se la somma delle forze applicate è nulla e la risultante dei momenti di

tutte le forze,calcolati rispetto a punto qualsiasi,è uguale al vettore nullo.EQUILIBRIO STABILE

INSTABILE INDIFFERENTE:un corpo è in una condizione di equilibrio stabile se dopo una piccola

perturbazione tende a ritornare nella posizione di partenza.Instabile se dopo la perturbazione esso

si sposta fino a raggiungere una posizione di equilibrio.Indifferente se anche la nuova situazione

in cui si trova è in equilibrio.FORZA DI ATTRITO DINAMICO:è una forza che si oppone al

movimento dei corpi.Si esercita tra due superfici in moto che siano in contatto tra loro.ATTRITO

RADENTE DINAMICO:si esercita quando un corpo striscia su una superficie.ATTRITO

RADENTE STATICO:si esercita quando un corpo è appoggiato su una superficie senza muoversi.

ATTRITO VOLVENTE:si ha quando un corpo rotola su una superficie.MACCHINA SEMPLICE:

è un dispositivo che permette di equilibrare una forza F con un'altra forza diversa da -F.

CARRUCOLA:è una macchina semplice formata da un disco cilindrico che ruota attorno al suo

centro che permette di equilibrare una forza rivolta verso l'alto con un'altra forza eguale in modulo

e con lo stesso verso.LEVA:asta rigida libera di ruotare intorno ad un punto fisso detto fulcro.

DINAMICA:è la parte della meccanica che studia le cause del moto.Il suo scopo è determinare

il moto di un oggetto quando si conoscono le forze che agiscono su di esso.PRIMO PRINCIPIO

DELLA DINAMICA:è composto di due affermazioni:1)se la forza totale applicata su un punto

materiale è uguale a zero allora esso si muove a velocità costante2)se un punto materiale si muove

a velocità costante allora la forza totale che subisce è uguale a zero.SISTEMI DI RIFERIMENTO

INERZIALI:si dicono inerziali quei sistemi di riferimento nei quali vale il principio di inerzia.Sono

inerziali anche tutti i sistemi che si muovono di moto uniforme rispetto al primo.FORZE

APPARENTI:effetti che si avvertono in sistemi di riferimento non inerziali,in cui si rilevano

accellerazioni le cui cause non sono forze reali.PRINCIPIO DI RELATIVITà GALILEIANA:

stabilisce che le leggi della fisica sono le stesse in tutti i sistemi di riferimento inerziali che si

muovono tra di loro di moto rettilineo uniforme.TRASFORMAZIONI DI GALILEO:permettono

di determinare il comportamento di un sistema fisico in particolare riferimento inerziale ed il moto

relativo dei due sistemi.AZIONE DI UNA FORZA COSTANTE:in un sistema di riferimento inerziale

un corpo soggetto ad una forza costante si muove con accellerazione costante.MASSA INERZIALE:

studiando l'azione di una forza costante si vede sperimentalmente che il rapporto tra l'intesità F

della forza agente su un punto materiale e quella dell'accellerazione a che esso subisce è proprio

la massa m del corpo.La massa si dice inerziale perchè è una misura della resistenza che un certo

corpo oppone al fatto di essere accellerato.SECONDO PRINCIPIO DELLA DINAMICA:stabilisce

che l'accellerazione di un punto materiale è in ogni istante direttamente proporzionale alla forza

applicata;forza ed accellerazione hanno sempre la stessa direzione e lo stesso verso.

La costante di proporzionalità è la massa del corpo.

PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DELLE FORZE: due o più forze che agiscono

contemporaneamente sullo stesso punto materiale provocano su di esso la stessa accellerazione

che verrebbe causata da una sola forza Ftot eguale alla loro somma vettoriale.NEWTON:una

forza ha intensità 1N se imprime ad un corpo di massa 1kg un'accellerazione di 1m/s^2.

TERZO PRINCIPIO DELLA DINAMICA:afferma che quando un oggetto A esercita una forza su

un oggetto B,anche B a sua volta esercita una forza su A.Le due forze hanno la stesa intensità e

direzione,e versi opposti.CADUTA LIBERA:è il moto a cui è soggetto un corpo che cade sotto

l'effetto della forza peso,se è possibile trascurare l'attrito con l'aria.FORZA PESO:la forza peso

o peso è direttamente proporzionale alla sua massa inerziale ma peso e massa non sono la stessa

cosa.ACCELLERAZIONE DI GRAVITà:è l'accellerazione vettoriale a cui sono soggetti tutti

i corpi su cui agisce la forza-peso.In una certa zona dello spazio è uguale per tutti i corpi,

indipendentemente dal materiale di cui sono fatti.Sulla Terra è rivolta per definizione verso il basso

ed il suo modulo varia a seconda della posizione geografica e con l'altezza rispetto al suolo.

MOTO SU UN PIANO INCLINATO:è il risultato della composizione di due moti contemporanei:

uno rettilineo uniforme in direzione orizzontale ed uno rettilineo uniformemente accellerato

in direzione verticale.Ne segue che la traiettoria da seguire del proiettile.

VELOCITà SCALARE:è il valore numerico della velocità vettoriale,cioè della sua intensità.VELOCITà

VETTORIALE:è definita come il rapporto tra il vettore spostamento di un corpo nell'intervallo di

tempo Dt e l'intervallo stesso.ACCELLERAZIONE VETTORIALE:rapporto tra la variazione del

vettore velocità nell'intervallo di tempoDt e l'intervallo stesso.MOTO CIRCOLARE UNIFORME:

è il moto di un punto materiale che si muove su una traiettoria circolare in modo che il modulo della

sua velocità si mantenga costante.PERIODO:intervallo di tempo impiegato da un moto periodico per

descrivere un ciclo completo.FREQUENZA:in un moto periodico è il numero di ripetizioni complete

che avvengono nell'unità di tempo.HERTZ: si tratta dell'unità di misura della frequenza nel S.I.

RADIANTE:ampiezza di un angolo che stacca su una circonferenza un arco di lunghezza uguale a

quella del raggio.RAGGIO VETTORE:in un moto circolare è il vettore che congiunge il centro della

circonferenza con il punto occupato dal punto materiale.VELOCITà ANGOLARE:in un moto

circolare uniforme la velocità angolare è data dal rapporto tra l'angolo spazzato dal raggio vettore nel

tempo Dt e l'intervallo di tempo stesso.ACCELLERAZIONE CENTRIPETA:in un moto su traiettoria

curvilinea vi è un'accellerazione anche se il modulo della velocità è costante:infatti il vettore velocità

cambia visto che cambia la direzione.MOTO ARMONICO:è un particolare moto oscillatorio.Se

il punto materiale si muove di moto circolare uniforme la sua ombra proiettata su un diametro si

muove di moto armonico.COMPOSIZIONE DEI MOTI:se un punto materiale è soggetto a due

o più moti contemporanei,il suo spostamento complessivo è dato dalla somma vettoriale degli

spostamenti dovuti ai singoli moti.

v=s/t         v=v0+at^2         v=at         v=l/t     v^2=2as=2sg

s=vt+s0     s=s0+v(t-t0)      s=vt         s=1/2at^2     s=1/2gt^2     s=s0+v0t+1/2at^2

a=v/t         a=v^2/r             a=F/m      a=h/l g

F=h/l P     Fat=mF        Fa=m^"2 N    F=ma    

paralllele concordi:F2/F1=b1/b2        parallele discordi:F=F1-F2  F2/F1=b1/b2

M=rF

m=F/a     m=P/g    

g=P/m    

t^2=2s/g  

l=vt

h=1/2gt^2

P=mg

Articolo informazione


Hits: 1127
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.