Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Titolazione conduttometrica

chimica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

Preparazione di una soluzione a molarità nota - PROCEDIMENTO
INFLUENZA DELLA VARIAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE DEI REAGENTI E DELLA TEMPERATURA SULLA VELOCITA' DI UNA REAZIONE
Compito di Chimica - Caratteristiche generali - Deformazione elastica e modulo elastico
MISURE DI LUNGHEZZA
SINTESI del meta-DINITROBENZENE - Cenni teorici, Materiale usato
SINTESI ACIDO para-NITROBENZOICO - Elaborazione dati
Geometria delle molecole - Legami chimici
Determinazione della densità
La velocità di reazione( individuazione dei fattori che la influenzano)
URANIO - Chimica - Fissione nucleare, La fissione nucleare

Titolazione conduttometrica

Obiettivo:         Eseguire la titolazione di acido cloridrico con soda caustica mediante prova di conducibilità      

                         della soluzione.

                         Tracciare in seguito il grafico conducibilità/volume di titolante.

La conducibilità (simbolo λ) in campo sia chimico che elettrico è la capacità di un qualsiasi corpo 949e48j

(sia esso in fase liquida o solida) a lasciar trapassare corrente elettrica.

Esso si definisce conduttore e maggiore è la sua conducibilità maggiore sarà più facilmente attraversato dal passaggio forzato e continuo di elettroni (o di ioni se si parla di liquidi e soluzioni).



Matematicamente è l'inverso della resistenza: cioè non misura l'opposizione delle molecole al passaggio di elettricità bensì la loro attitudine a farsi attraversare dal flusso:   λ=1/ R.

Strumenti:         conducimetro digitale.

Materiale:         beker (portata: 80 mL; sensibilità: 20 mL)

beker (portata: 250 mL; sensibilità: 50 mL).

Sostanze:          HCl (x M; R23-25; S1-2-9-26-36/37/39-45)- Matraccio n°1

NaOH (sol. acq. 0,1M; C; R35; S26-37-39-45)

                        H2O (distillata).

D.P.I:               camice.

Rappresentazione grafica esperienza:

Sequenza operativa:

-          Prendere il matraccio con la soluzione ignota di HCl e contrassegnare il numero dello stesso

-          Versare 20 mL di detta soluzione in 200-250 mL di H2O distillata dentro un baker (non importa il volume preciso perché non influisce sulla massa di HCl della soluzione di partenza)

-          Affinare la buretta con acqua distillata e riempirla con 25 mL di NaOH

-          Prendere l'ancoretta e metterla dentro il beker e appoggiare il beker sopra il supporto magnetico che fa girare l'ancoretta (al fine di agitare omogeneamente la soluzione)

-          Prendere l'elettrodo del conducimetro e appoggiarlo dentro il baker e rilevare il primo dato di conducibilità ionica della soluzione senza ancora aver aggiunto il titolante

-          Ad intervalli regolari di 1 mL di NaOH aggiunto alla soluzione all'interno del beker prendere il valore letto sul display elettronico del conducimetro. I valori man mano diminuiranno fino a che si arriva al punto in cui la soluzione è neutra (pH=7) e quindi non conduce elettricità

-          Dopo questo punto di equilibrio (deducibile e ricavabile dal grafico) la conducibilità aumenterà perché la soluzione essendo più basica conduce elettricità




-          Calcolare e titolare l'acido cloridrico attraverso l'elaborazione dei dati disponibili dal volume e dalle concentrazioni note.

Reazione:

HCl → H+ + Cl-

HCl + NaOH → Na+ + Cl- + H2O

Nella soluzione ignota di acido cloridrico vi è una dissociazione ionica dell'acido, che produce ioni H+ e Cl'.

L'acido, essendo forte, si dissocia quasi totalmente.

sarà quindi difficile che si riformi il reagente con i prodotti ormai sciolti in soluzione.

In compenso la soluzione sarà:

per il primo tratto discendente del graficoà acida

nel secondo tratto ascendente à basica .

Elaborazione dati:

V(HCl)= 20 mL= 0,020 L

Vmed(NaOH)= 7,2 mL= 0,0072 L

n (HCl)= n (NaOH)

x[HCl] * V(HCl)= [NaOH] * Vmed(NaOH)

x[HCl]= ([NaOH] * Vmed(NaOH)) / V(HCl)= 0,036 mol/L

n (HCl)= [HCl]* V (HCl)= 0,00072 mol

MM (HCl)= Ar(H)+ Ar(Cl) = 36,5 g/mol

M (HCl)= n (HCl)* MM (HCl)= 0,00072 mol * 36,5 g/mol= 0,02628 g.

Grafico:

Conclusioni: In questa esperienza abbiamo titolato dell'acido cloridrico mediante un processo noto come titolazione conduttometrica, basato sul fatto che a pH neutro non vi sia conducibilità della soluzione. Abbiamo eseguito le varie prove e abbiamo infine calcolato sia la concentrazione dell'acido cloridrico che la massa presente nel volume iniziale (20 mL) di titolato.

Ci è pervenuta una concentrazione pari a 0,036 mol/L, che( al limite degli errori sperimentali ) può risultare concordante con il dato conosciuto (presumibilmente quella vera è 0,04 mol/L).

Il volume di NaOH è stato ricavato dall'intersezione delle due rette di tendenza dei valori a sinistra e a destra del valore medio (che è stato pari a 7,2 mL).







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1985
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019