Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

TESINA DI SCIENZE SOCIALI - DEPRESSIONE DERIVATA DA TRAUMA O STRESS

scienze


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

L'identità - Problema dell'identità sociale
Immigrazione e senza fissa dimora
APPROCCI TEORICI AI MASS MEDIA - CHE COSA SAPPIAMO DEI MASS MEDIA?
La socializzazione dei bambini al telefono
LA SOCIETA' COME STRATEGIA EVOLUTIVA - L' ALTRUISMO E LA QUESTIONE DELLE BASI BIOLOGICHE DELLA SOCIALITA'
HANDICAP
La Personalità - Tipologie di personalità
DATI SULL'OCCUPAZIONE Europa ( fonte EUROSTAT )
TESINA DI SCIENZE SOCIALI - DEPRESSIONE DERIVATA DA TRAUMA O STRESS

TESINA DI SCIENZE SOCIALI

DEPRESSIONE DERIVATA DA

 TRAUMA O STRESS

Il trauma è una lesione o un forte shock emotivo che si può subire in una situazione di immediato e diretto pericolo di morte o nel caso si perda una persona cara.
Fra le conseguenze dei traumi vi è lo stress, cioè l'alterazione dello stato di benessere mentale o fisico.

Per stress post-traumatico s'intende la condizione psicologica conseguente ad un trauma.
Uomini e donne possiedono geneticamente dei campanelli d'allarme che li predispongono ad affrontare il pericolo, ma la maggior parte non è preparata alle situazioni forti tanto da cambiare loro la vita.



L'individuo rimane fermo al campanello d'allarme senza riuscire ad elaborare un meccanismo di risposta comportamentale adeguata a proteggerlo dal pericolo.
Stando alle esperienze passate, chi ha subito stress post-traumatici ha alte probabilità di avere problemi rappresentati da irritabilità, fragilità emotiva, incubi.

Tutti questi disturbi fanno parte di quella che è nota come sindrome da s 414b18e tress post-traumatico (PTSD).

Chi è esposto a disturbi da stress post-traumatico?

Per definizione i disturbi da stress post-traumatico sono la conseguenza dell'essere stati esposti ad un avvenimento traumatico inteso come una forma qualsiasi di danno importante.
Questa definizione è oggi stata allargata anche all'essere stato presente a o all'essere stato informato di morti inaspettate o violente, di lesioni fisiche importanti o il sapere che un familiare o una persona cara è stata esposta al pericolo di morte o di traumi fisici significativi.
E' ovvio che più il contatto con l'esperienza traumatica è stato diretto, maggiore sarà l'impatto emotivo e fisico e più alte le probabilità che si vada incontro a disturbi.

Alcune persone hanno una reazione forte a traumi remoti, mentre altri affrontano esperienze terribili senza subirne conseguenze. Si possono soltanto individuare alcune regole generali.
La maggioranza degli studi ha messo in evidenza che le donne hanno una probabilità maggiore degli uomini di andare incontro alla disturbi da stress post-traumatico.

Un'esperienza traumatica è più facile che sfoci in disturbi se il soggetto ha avuto in precedenza esperienze dello stesso tipo; le persone più vulnerabili sono quelle che hanno dimostrato in precedenza una fragilità psichiatrica quali i soggetti che avevano sofferto di depressione, di ansia o di un'anomalia della personalità.
Alcuni ricercatori hanno cercato risposte nell'anatomia del cervello attraverso studi che hanno rilevato come la presenza di un ippocampo (una regione del cervello) molto piccolo sarebbe associato con una maggior probabilità di disturbi da stress post-traumatico.

I sintomi da stress post-traumatico

Il tutto si trasforma in processi di elaborazione psicologica che portano ai sintomi classici dei disturbi da stress post-traumatico: ipervigilanza, ipersensibilità, ricordi ricorrenti dell'evento, incubi, comportamenti di fuga, sintomi di depressione, disturbi del sonno, dell'appetito ed instabilità caratteriale.

Questa elaborazione emotiva è un processo incontrollabile, imprevedibile e che si può presentare subito, ma anche dopo mesi.
I traumatizzati mettono in atto comportamenti che li tengono lontani dagli stimoli temuti e la mancata elaborazione emozionale della reazione all'evento stressante porta ad un accumulo di ansia e tensione che con il passare del tempo si cronicizza in un vero e proprio stato depressivo.

Una terapia per i disturbi da stress post-traumatico

Non esiste consenso sul modo di curare le vittime di disturbi da stress post-traumatico. Nei casi più gravi si fa uso di antidepressivi per diminuire l'irritabilità del sistema nervoso o psicoterapie che interrompono la sequenza di pensieri negativi o risposte condizionate che sono diventate automatiche.

Alcuni analisti applicano tecniche note come debrifing o defusing che consistono, aldilà della pomposità del nome, nel lasciar parlare le persone colpite dai disturbi, preferibilmente in gruppo, della loro esperienza dando sfogo alle loro emozioni.

L'insicurezza delle nostre città, notizie economiche non buone, l'immigrazione mettono a nudo i nervi di molta gente, siamo tutti nervosi e aumenta l'ansia generale. Televisione e giornali contribuiscono non poco ad aggravare la situazione con un allarmismo quotidiano e immagini angoscianti che vanno a sedimentarsi nella mente della gente.

Siamo tutti colpiti da PTSD?

Si può parlare legittimamente di sindrome da stress post-traumatico quando si registrano sintomi acuti e questi durano per più di un mese.
Per prevenire in un certo senso la depressone post-traumatica occorrerebbe discernere le situazioni pericolose da quelle definite allarmanti solo dai mass media e applicare alcune semplici regole:

Ø      limitare l'esposizione ai mezzi d'informazione particolarmente allarmistici;

Ø      parlare dei fatti, delle emozioni e dello stress con esperti o amici;



Ø      usare molta ironia e frequentare ambienti che non generino ansia.

L'autoprotezione è una regola fondamentale da tenere sempre presente: bisogna proteggere sé stessi e salvaguardare la propria incolumità mentale per tutelarsi, e nel caso in cui ci si trovi in una situazione critica, tutelare gli altri in un certo qual modo per tutelare la collettività.

È quindi necessario condividere le proprie esperienze con altri, apprendere sia dai propri che dagli altrui successi e fallimenti, confidare nelle proprie capacità conoscendone i limiti, e, nelle situazioni difficili non vergognarsi di chiedere aiuto perché è naturale che i soccorritori prima d'incoraggiare e sostenere le vittime di disastri hanno bisogno di rafforzare sé stessi.

Un trauma fisico o un avvenimento,come ad esempio un incidente di qualsiasi tipo,può portare dei disturbi, più o meno forti, alla memoria. Essi possono manifestarsi in modi diversi:

Ø      Deficit di recupero dell'informazione

Se il trauma cranico risparmia le aree temporali danneggiando esclusivamente i lobi frontali, è possibile diagnosticare un problema di memoria piuttosto specifico, caratterizzato da un deficit di recupero dell'informazione.

Pazienti con danno frontale tendono ad avere buone capacità di riconoscimento dell'informazione e cattive prestazioni nella produzione di materiale appreso. La prestazione deficitaria nei test di fluenza verbale, soprattutto nei test di fluenza fonemica, costituisce in fondo un caso particolare di deficit di recupero del materiale mnestico.

Per quanto concerne la memorizzazione di nuove informazioni, è possibile che il danno frontale possa portare ad un deficit di categorizzazione: le informazioni vengono memorizzate in maniera non strutturata, e questo ne rende difficoltoso il successivo recupero. Vengono dunque meno alcune strategie semantiche e contestuali che, in condizioni normali, giocano un ruolo importante nel memorizzare e nel recuperare le informazioni.

Ø      Amnesia post traumatica

L'amnesia post traumatica può aver luogo nel periodo immediatamente successivo al risveglio di un trauma cranico con perdita di conoscenza. L'amnesia post traumatica si caratterizza da due tipologie di sintomi: disorientamento e confabulazione.

v     Disorientamento

Possiamo distinguere fra disorientamento spaziale (incapacità di identificare il luogo fisico dove il paziente si trova) e disorientamento temporale (incapacità di stabilire una collocazione temporale agli eventi). Il disorientamento temporale risulta più frequente durante l'amnesia post traumatica e pare correlata ad una difficoltà a riconoscere l'ordine temporale degli eventi (memoria cronologica).

v     Confabulazione

La confabulazione si caratterizza come una produzione verbale senza senso, dove il paziente inventa avvenimenti falsi, inconsistenti, fantasticherie. Alcuni autori attribuiscono la confabulazione ad una forma di amnesia: il soggetto inventa le cose perché non le ricorda. In realtà vi può essere confabulazione senza amnesia ed amnesia senza confabulazione. Appare più probabile che la confabulazione produttiva sia uno degli epifenomeni della disinibizione frontale: il flusso associativo di pensieri, che nei soggetti normali viene inibito, nel traumatizzato cranico affetto da sintomi di confabulazione viene verbalizzato, senza che il soggetto si preoccupi della veridicità, plausibilità od accettabilità sociale di quello che dice.




L'amnesia post traumatica può costituire un predittore delle conseguenze a lungo termine del trauma cranica: se lo stato di disorientamento dura a lungo, risulta più difficoltoso il recupero delle funzioni cognitive normali.

Memoria cronologica

Uno dei prerequisiti dell'orientamento temporale consiste nella capacità di collocare in corretto ordine temporale gli eventi. Tale capacità può risultare deficitaria nella sindrome frontale.

LA DEPRESSIONE COME FATTO GENETICO

In alcuni studi di genetica è stato osservato che le persone, indipendentemente dal genere, che presentano nel proprio patrimonio genetico la versione alterata del gene 5-HTT che codifica per il trasportatore della serotonina, sono a rischio depressione. Non solo, in 81 famiglie di soggetti con sintomi depressivi, sono state identificate 19 regioni cromosomiche comuni che probabilmente contengono le sequenze geniche che promuovono la depressione. Ebbene, quattro di queste sono state osservate solo nelle donne mentre solo una è risultata essere peculiare per gli uomini: va da sé che la probabilità di ereditare la predisposizione è più alta. Nelle quattro regioni interessate è stato anche isolato un gene, il CREB1, che sembra avere delle interazioni con i recettori degli estrogeni. In realtà non si tratta di una stretta relazione causa-effetto tra presenza del gene e sintomi depressivi, ma più che altro il segnale di una suscettibilità maggiore.

I confini quindi sono, ancora una volta, labili: non si può attribuire l'origine della depressione né a un fattore né a un altro, certo è che esiste una vulnerabilità di fondo nelle donne che non è solo genetica, ne molecolare, né comportamentale. I ricercatori tuttora sono alla ricerca di strumenti per riconoscerla e magari misurarla, con l'obiettivo di migliorare la qualità della vita (e l'umore) delle donne.


FONTI

Ø    www.neuropsy.it/patologie/trauma /09.html

disturbi di memoria

Ø    www.psicolinea.it/G_T/trauma.htm

trauma

Ø    www.qlmed.org/Paradigma/dic2000.htm

Ø    www.comune.monza.mi.it/NS/protez_civile/giornata_11.0_01.12.pdf

 disturbi da stress post traumatico

Ø    www.grazia.net/psicoterapia/articolo2.htm







Privacy

Articolo informazione


Hits: 3010
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019