Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

I tessuti - tessuto epiteliale, connettivo, muscolare, nervoso

anatomia


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di


ALTRI DOCUMENTI

Fegato - Segmentazione epatica - FUNZIONI
APPARATO SCHELETRICO - Formazione, accrescimento e rimodellamento dell'osso
TESSUTO MUSCOLARE - MUSCOLATURA SCHELETRICA, CICLO DEI PONTI TRASVERSALI
NEUROANATOMIA - CLASSIFICAZIONE PER NUCLEI DEL MIDOLLO SPINALE
IL CUORE
Cuore, derivazione dal latino "vibrare"
ULTRAFILTRAZIONE GLOMERULARE - FLUSSO EMATICO RENALE, PRESSIONI NEL CIRCOLO RENALE
SISTEMA NERVOSO: Tessuto nervoso, Sinapsi, Anatomia, Cervelletto
Il sistema nervoso - Il cervello (o telencefalo) - Gli organi di senso

I     tessuti

I tessuti sono strati omogenei composti da cellule dello stesso tipo, dotate quindi, di uguale funzione.

In tutti gli animali con l'eccezione dei parazoi (le comuni spugne) le cellule sono organizzate in tessuti differenti.

Il tessuto epiteliale

Il tessuto epiteliale consiste di strati continui di cellule, senza interposizione di sostanze intercellulari.



Secondo la forma delle cellule gli epiteli possono essere classificati in :

      -     pavimentosi

-   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp;  cubici,

-   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp;  cilindrici

In base alla disposizione si classificano in :

-   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp;   monostratificati,

-   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp;   pluristratifìcati;

 Secondo la loro funzione vengono distinti in:

-   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp;  epiteli di rivestimento,

-   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp;  ghiandolari

-   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp;  sensoriali

Una superficie epiteliale è sempre appoggiata a uno strato sottostante, definito membrana basale, costituito da un polisaccaride fibroso prodotto stesse cellule epiteliali.

L'epitelio di rivestimento, flessibile ma resistente, forma sia l'epidermide che  riveste la superficie esterna del corpo, sia la mucosa costituente interna degli organi cavi, per cui tutto ciò che entra o esce dal corpo attraversa strati di cellule epiteliali.

Gli epiteli ghiandolari sono specializzati per la funzione di secrezione, possono essere formati da singole cellule disperse nel tessuto epiteliale ovvero da cellule riunite in gruppi ed il cui prodotto di secrezione viene emesso mediante un dotto escretore all'esterno (ghiandole esocrine) oppure

direttamente nel sangue (ghiandole endocrine).

La ghiandola o adenomero può essere alveolare o tubulare, semplice o composta.

Riguardo alle modalità di secrezione si suddividono in ghiandole:

- olocrine, che emettono il loro contenuto autodistruggendosi (es. ghiandole sebacee);

- merocrine, la cui secrezione è espulsa a gocce (es. ghiandole salivari);

- apocrine, il cui polo secretore viene mutilato per emettere il secreto (es. ghiandole mammarie).

Gli epiteli sensoriali sono costituiti da cellule epiteliali connesse a terminazioni nervose sensitive (cellule gustative, acustiche, ecc.).

Il tessuto connettivo

I tessuti connettivi Sono detti anche trofoconnettivali poiché espletano prevalentemente funzioni trofiche, cioè di nutrimento ed di sostegno.

Sono costituiti da cellule fisse ( fibrociti ) e  mobili (jstiociti) e da una sostanza fondamentale.

Vengono classificati in base alle caratteristiche della sostanza fondamentale in:

      1)   connettivo propriamente detto suddiviso in lasso e fibroso

2)   &nb 929d31j sp;  connettivo di sostegno suddiviso in  :

                                                              -  cartilagineo

                                                                    - osseo

    

Il connettivo lasso è composto da molte cellule fisse e mobili nonché molta sostanza fondamentale e da tre tipi di fibre:

- collagene,

- reticolare

- elastiche.

.

Il connettivo fibroso è formato da fibre collagene disposte parallelamente che costituiscono i tendini ed i legamenti.

I1 tessuto cartilagineo è ricco di sostanza fondamentale definita condrina in cui sono incluse cellule dette condrociti, riunite a gruppetti di 2-8 e poste in cavità denominate nicchie.

La cartilagine è rivestita da una membrana ricca di fibre e di vasi sanguigni, il pericondrio.

Essa viene distinta, secondo il tipo di sostanza fondamentale in:

l}         ialina,  ricca di cellule e sostanze fondamentali;

2)         fibrosa,  ricca di fibre collagene;

3)         elastica,  ricca di fibre elastiche.

Il tessuto osseo si sostituisce durante il periodo di accrescimento al tessuto cartilagineo ed e presente in 2 tipi fondamentali :

-   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp;  compatto

-   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp;  spugnoso

La sostanza fondamentale è ricca di sali inorganici, in particolare il fosfato di calcio, che impregnano sistemi di lamelle concentriche. 

L'osteone è l'unità  strutturale dell'osso compatto   ed è appunto formato da una serie di lamelle disposte concentricamente intorno ad un canale (canale di Havers), attraverso il quale passano vasi sanguigni e terminazioni nervose.

Iltessuto osseo spugnoso è costituito da un insieme di lamine si intersecano delimitando piccole cavità in cui è contenuto il midollo osseo.

L'osso, come la cartilagine, è rivestito di una membrana nutritizia, il periostio, riccamente vascolarizzata.

Il  tessuto muscolare



Il  tessuto muscolare è costituito da cellule sottili e allungate e  specializzate per la funzione contrattile.

Vi  sono tre tipi di tessuto muscolare:

Ø   &nb 929d31j sp; liscio  o involontario

Ø   &nb 929d31j sp; striato volontario

Ø   &nb 929d31j sp; striato cardiaco.

Il tessuto muscolare liscio è costituito da singole cellule  mononucleate le quali si contraggono mediante piccole fibre che prendono il nome di miofibrille. 

Forma la muscolatura  dei visceri, dei vasi sanguigni, dell'utero e delle vie  respiratorie; è innervato dal sistema nervoso autonomo per cui costituisce la muscolatura involontaria.

Il tessuto muscolare striato è costituito da cellule cilindriche allungate e polinucleate nel cui citoplasma sonò contenute miofibrille che scorrono parallelamente all'asse longitudinale del muscolo.

Tale tessuto costituisce le masse muscolari volontarie innervate dal sistema nervoso centrale.

L'unità funzionale è il sarcomero, delimitato da due strisce cosiddette linee Z e contenente al suo interno una banda A più scura attraversata da una sottile e chiara banda H.

Ad un maggior ingrandimento il sarcomero risulta costituito da due tipi di filamenti proteici:

- i filamenti spessi,  costituiti da una proteina che prende il nome di miosina

- i filamenti sottili,  costituiti da una proteina che prende il nome di actina

 

I  due tipi di filamenti sono legati mediante ponti trasversali emessi dai filamenti di miosina.

In seguito ad un impulso nervoso, e grazie all' intervento dell' energia metabolica, si ottiene lo scivolamento di questi filamenti , l' uno verso l' altro , ottenendo la contrazione del muscolo.

Il tessuto muscolare cardiaco è striato al pari di quello scheletrico sebbene le striature scure e chiare sulle miofibrille siano poco accentuate; si differenzia soprattutto per la forma delle cellule lunghe, ramificate e mononucleate.

Sebbene sia un tessuto striato, ha una sua ritmicità di contrazione ed è innervato dal sistema nervoso autonomo.

Il tessuto nervoso

L'unità cellulare del tessuto nervoso è il neurone costituito da un corpo cellulare o pirenoforo e da due tipi di prolungamenti diversi:

-   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp;  i dendriti molto ramificati che trasportano l'impulso in via centripeta verso il corpo

-   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp;  l'assone che trasporta gli impulsi lontano dal corpo cellulare secondo un'azione centrifuga.

Ogni neurone può avere fino a 200 dendriti che contraggono rapporti con dendriti di altri neuroni tramite giunzioni dette sinapsi.

I neuroni sono sostenuti e nutriti da altre cellule nervose, le cellule gliali.

Sia gli assoniche i dendriti sono ricoperti da una sostanza bianca ricca di grassi, la mielina, a sua volta ricoperta da una membrana, il neurilemma.

In relazione alla forma e alla funzione i neuroni sono classificati in:

1)   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp; neuroni di moto che trasmettono segnali dal sistema nervoso centrale ad effettori, come i muscoli o le ghiandole;

2)   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp; neuroni di senso che ricevono informazioni sotto forma di stimoli e li trasportano all'encefalo o al midollo spinale

3)   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp;   &nb 929d31j sp; neuroni associativi che trasmettono i segnali all'interno del sistema nervoso, costituendo dei ponti fra neuroni di moto e di senso.

           

Livelli di organizzazione

Sia negli animali, sia tutti gli altri organismi viventi l'unità strutturale fondamentale è la cellula unica per gli organismi unicellulari, differenziata in vari tipi per gli organismi pluricellulari.

In questi ultimi le cellule sono organizzate in tessuti, i quali unendosi strutturalmente e coordinandosi nelle loro attività costituiscono gli organi

Un insieme di organi a struttura simile è detto sistema, altresì organi a struttura diversa, i quali funzionano in modo integrato per compiere una particolare funzione, costituiscono un apparato.

Sistemi ed apparati complessivamente formano l'organismo.

Cellula à Tessuti à Organi à ( Sistema , Apparato ) à Organismo.



Articolo informazione


Hits: 3032
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2017