Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE MALATTIE A TRASMISSIONE PER VIA PARENTERALE

medicina


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di

EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE MALATTIE A TRASMISSIONE PER VIA PARENTERALE

Per contatto diretto si intende tutto ciò che porta a contatto due soggetti . La modalità di trasmissione può avvenire per: rapporti sessuali, sangue ed emoderivati, siringhe e strumenti medici infetti, palcenta e  canale del parto, contatto cutaneo diretto.

Sifilide:

  • Agente eziologico =    batterio Treponema pallidum
  • Incubazione =  3 settimane
  • Cenni Clinici =  la malattia si sviluppa nel tempo nei tre stadi successivi:

1.      ulcerazione mucosa o cutanea (vagina, pene, bocca ecc) con linfoadenopata satellite(ingrossamento dei linfonodi)

2.      lesioni papulose eruttive cutanee diffuse (macchie). Le macchie sono g 323f54d eneralmente sul palmo delle mani, su piedi, tronco, regione anale, genitali e bocca e sono talvolta accompagnate da febbre, stanchezza e dimagrimento, ingrossamento delle ghiandole linfatiche, dolori alle articolazioni, disturbi alla vista, in qualche caso perdita di capelli

3.      questo stadio compare dopo anni, se la malattia non viene curata, con lesioni cardiache, ossee e nervose

- sifilide congenita: determina gravi ed irrimediabili lesioni del feto, provocando l'aborto, oppure il parto prematuro di feto morto, o vivo ma non vitale. Qualora il parto avvenga a termine con il neonato vitale, questi può presentare i sintomi dell'infezione congenita. Tali sintomi possono essere già presenti alla nascita, o comparire nei primi tempi di vita sotto forma di eruzioni cutanee più o meno estese, enteriti, riniti, processi infiammatori delle ossa e delle articolazioni

  • Contagiosità = dipende dallo stadio della malattia, può arrivare ai due anni. La persona cessa di essere contagiosa dopo la fine della cura
  • Epidemiologia = uguale a  quella delle altre patologie a trasmissione sessuale ed è influenzata dalle abitudini igieniche, sessuali e di costume della popolazione interessata; con possibili focolai epidemici in particolari gruppi come prostitute ed omosessuali in relazione all'elevato numero di partners sessuali.

l'uomo rappresenta l'unica fonte di trasmissione dell'infezione, che avviene dell'infezione, per contagio diretto tramite le secrezioni infette infette(secrezioni vaginali, sperma, saliva, sangue..), la modalità di trasmissione indiretta è pressoché esclusa per la labilità del microrganismo nell'ambiente esterno.                                                                                                                                      La madre infetta può trasmettere l'infezione al feto ed al neonato durante la gravidanza e il parto.

  • Prevenzione =   utilizzo del profilattico durante i rapporti sessuali (anche orali)/ astenersi dai rapporti
  • Vaccinazione =  //

Epatite B:

  • Agente eziologico =    virus HBV appartenente alla famiglia HepadnaViridae
  • Incubazione =  60 - 90 gg.
  • Cenni Clinici =  febbre, astenia, ittero
  • Contagiosità = persiste fino alla scomparsa dell'antigene
  • Epidemiologia = unica fonte di contagio è l'uomo, malato o portatore.                                                           Il virus viene trasmesso mediante il sangue e i suoi derivati, per via sessuale, a dalla madre al feto
  • Prevenzione =   prestare la massima attenzione agli aghi, alle siringhe e ad ogni altro strumentario e oggetto contaminati con sangue o altri liquidi biologici del malato.                                                            I malati, i portatori ed i loro conviventi devono essere informati delle modalità di trasmissione e delle precauzioni atte ad evitare il rischio di infezioni.
  • Vaccinazione =  i vaccini anti - epatite B presentano elevate caratteristiche di sicurezza e di efficacia immunogena e protettiva.

Epatite C:

  • Agente eziologico =    virus a RNA monocatenario (HCV)
  • Incubazione =   da 2 settimane a 6 mesi
  • Cenni Clinici =  febbre, astenia e ittero, con una rapida progressione verso la cronicizzazione, con possibile evoluzione in cirrosi entro 2 - 12 anni
  • Contagiosità = virus si trasmette per via parenterale, e il serbatoio è l'uomo (malato o portatore)
  • Epidemiologia = trasmessa per via parenterale, principalmente mediante il sangue e i suoi derivati, o per via sessuale. Alcune categorie professionali, come gli operatori sanitari, possono essere a rischio di infezione.
  • Prevenzione =   notifica obbligatoria come epatite NANBB. La prevenzione viene attuata agendo sulle vie di trasmissione (utilizzo profilattico, attenzione agli oggetti contaminati da sangue o altri liquidi biologici ecc)
  • Vaccinazione =  non esiste ancora un vaccino contro l'epatite C

AIDS:

  • Agente eziologico =    HIV (Human Immune Defiency Virus) un retrovirus che attacca e distrugge i linfociti T helper e B portando a un grave deficit dell'immunià.
  • Incubazione =  variabile secondo le fasi. La fase conclusiva in media 7 - 10 anni dalla sieroconversione
  • Cenni Clinici =  malattia composta da 4 fasi:

1.     infezione acuta da HIV: specificità delle manifestazioni

2.     stato di infezione asintomatica da HIV : il colpito pur non accusando alcuna sintomatologia clinica, risponde positivamente alla ricerche di anticorpi

3.     linfadenopatia sistemica (LAS) : ingrossamento dei linfonodi che coinvolge due o più stazioni extraconiugali per oltre 3 mesi

4.     fase dell'AIDS: febbre, calo ponderale, diarrea persistente, neuropatie periferiche, patologie infettive secondarie, tumori secondari e altre condizioni determinate dal difetto dell'immunità

  • Contagiosità = Modalità di trasmissione: contatti sessuali, scambio di sangue ( contagiosità orizzontale perché da persona a persona), trasmissione verticale (tra madre infette o malata e prodotto del concepimento)
  • Epidemiologia =  Questa sindrome risale agli anni '80. Casi di AIDS e infezioni da HIV sono presenti in tutto il mondo , con un numero più elevato nel continente africano.
  • Prevenzione =   La prevenzione di questo tipo di patologia consiste in interventi di tipo sanitario ed educazionali. Sul versante sanitario si attua un'attenta sorveglianza su tutte le donazioni di sangue per trasfusione con l'esecuzione di uno screening per anticorpi anti-HIV A livello educazionale è bene chiarire le modalità di trasmissione dell'infezione e stimolare i comportamenti corretti : evitare rapporti sessuali occasionali non protetti evitare la promiscuità sessuale e la numerosità dei partners evitare l'uso di droghe in genere e lo scambio di aghi e siringhe evitare il contagio occupazionale con oggetti acuminati possibilmente infetti (incappucciare gli aghi, lame taglienti, etc.).                                                                                                                       

 La denuncia è obbligatoria per l'AIDS, mentre per gli altri casi è prevista una registrazione a fini epidemiologici. L'isolamento non è necessario se non a fini organizzativo-terapeutici.

  • Vaccinazione =  non esiste ancora un vaccino

Scabbia:

  • Agente eziologico =    acaro sarcoptes scabiei
  • Incubazione =  2 - 6 settimane
  • Cenni Clinici =  intenso prurito notturno con conseguenti lesioni da grattamento su mani, spazi interdigitali, superfici dei poli e gomiti; grave la forma "norvegese" in immunocompromessi con forme crostose diffuse su tutto il corpo e complicanze settiche.
  • Contagiosità = importante lo scambio di effetti letterecci e vestiti
  • Epidemiologia = colpisce prevalentemente le età più giovani.                                                                           La trasmissione avviene tramite contatto diretto da persone o animali domestici che risultavano già infetti; può essere anche trasmessa mediante contatti sessuali con un'altra persona infetta. L'infezione si diffonde con maggiore facilità nei luoghi affollati e nelle situazioni in cui ci sono molti contatti ravvicinati, come nelle scuole o negli asili.
  • Prevenzione =   vestiti, le lenzuola e gli asciugamani dovrebbero essere lavati in acqua ad alte temperature
  • Vaccinazione =  //

Mononucleosi:

  • Agente eziologico =    virus di Epstein-Barr (EBV)
  • Incubazione =  4 - 8 settimane
  • Cenni Clinici =  febbre, faringotonsillite, tumefazione(gonfiore/ingrossamento) linfoghiandolare, splenomegalia (ingrossamento milza); evoluzione generalmente benigna
  • Contagiosità =  persona non è più contagiosa dopo 5 - 7 gg dalla scomparsa dei sintomi più evidenti
  • Epidemiologia = malattia molto contagiosa che si propaga attraverso la saliva
  • Vaccinazione =  //

 


Privacy

Articolo informazione


Hits: 3136
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019