Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
 
Architettura
Biologia
Diritto
Economia
Educazione fisica
Filosofia
Generale
Geografia
Italiano
Letteratura Antologia Dante Divina commedia Grammatica Latino letteratura Letteratura francese Letteratura greca Letteratura inglese Letteratura italiana Letteratura latina Letteratura spagnola Letteratura tedesca Lettere Lingue Narrativa Poesia
Marketing
Medicina
Scienze
Storia
Tecnica
 
 
 
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

ortografia generale - Dittongo, Trittongo, Sillabe

grammatica

Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di

ALTRI DOCUMENTI

Saggio breve,relazione,articolo di giornale
ortografia generale - Dittongo, Trittongo, Sillabe

ortografia generale

iato

 

trittongo

 

dittongo

 

Dittongo

 

Si ha un dittongo quando due vocali successive, di cui almeno una delle due vocali una i o una u (dette in questo caso semiconsonanti perch hanno un suono che sta a met tra vocale e consonante), si pronunciano con una so 757f54h la emissione di voce.

I dittonghi italiani sono: i, i, i, i, u, u, u, u, i, i, i, i, u, u.

Non sono dittonghi

Nei gruppi cia (cie, cio, ciu), gia (gie, gio, giu), glia (glie, glio, gliu), scia (scie, scio, sciu), la i non forma, con le altre vocali, un dittongo. In tali gruppi, infatti, essa puro segno grafico: la i serve a rendere dolce la g e la c.

Trittongo

 

Si ha un trittongo quando tre vocali accostate si pronunciano con una so 757f54h la emissione di voce.

I trittonghi italiani sono: ii, ii, ui, ui, iu.

Attenzione

Le vocali che formano un dittongo o un trittongo costituiscono una sillaba e non possono quindi essere separate nell'andare a capo.

Iato

 

Si ha uno iato quando due vocali successive si pronunciano separatamente.

Si ha iato:

-         quando s'incontrano due vocali diverse da i e u

-         quando i o u accentate sono accompagnate da a, e oppure o non accentate

-         dopo alcuni prefissi, come ri, bi, tri

-         in parole come in-no-cu-o, pro-fi-cu-o

Sillabe

 

La sillaba un fonema o un gruppo di fonemi che pu essere pronunciato con un'unica emissione di voce. Costituisce la pi piccola combinazione di suoni autonoma e comprende sempre una vocale o un dittongo. Pu infatti essere costituita da:

-         da una sola vocale

-         da dittonghi o trittonghi

-         dall'unione di una vocale, un dittongo o un trittongo con una o pi consonanti

Quando su una sillaba cade l'accento si parla di sillaba tonica; se l'accento non vi cade, si parla di sillaba atona

In base al numero di sillabe che comprendono, le parole possono essere:

-         monosillabe (o monosillabiche), se sono formate da un'unica sillaba

-         bisillabe (o bisillabiche), se sono formate da due sillabe

-         trisillabe (o trisillabiche), se sono formate da tre sillabe

-         polisillabe (o polisillabiche), se sono formate da pi di tre sillabe

Regole per la divisione in sillabe

  1. una vocale (o dittongo) iniziale di parola forma sempre sillaba da sola quando seguita da una sola consonante
  2. una consonante singola forma sillaba con la vocale (o dittongo) che segue
  3. i fonemi costituiti da pi lettere(ch, gh, sc, gl, gn,ecc.) non si dividono e fanno sempre sillaba con la vocale che segue
  4. le consonanti doppie (e i gruppi cq/qq) si dividono sempre tra due sillabe
  5. i gruppi formati da due o pi consonanti diverse non si dividono e fanno sillaba con la vocale che segue. In particolare non si dividono:

-         s + una o pi consonanti

-         le consonanti b, c, f, g, p, t, v seguite da l o r

  1. i gruppi formati da due o pi consonanti diverse si dividono se, con la vocale seguente, non costituiscono un gruppo che pu trovarsi all'inizio di parola
  2. le vocali che formano dittongo o trittongo non si dividono mai
  3. si dividono invece le vocali che formano iato
  4. nelle parole composte, il gruppo formato da i + vocale non viene considerato dittongo e quindi si spezza se la i appartiene al primo elemento del composto: ri-a-pre, chi-un-que, tri-al-be-ro

 

Accento

 

Quando pronunciamo le parole, la voce si appoggia con pi "forza" su una vocale. Questa particolare "forza" si chiama accento tonico. La vocale e la sillaba su cui appoggia l'accento si dicono toniche, mentre tutte le altre sono atone (= senza accento).

In base alla posizione dell'accento tonico, le parole si definiscono:

  • tronche, se sono accentate sull'ultima sillaba
  • piane, se sono accentate sulla penultima sillaba (sono le parole pi comuni)
  • sdrucciole, se sono accentate sulla terzultima sillaba
  • bisdrucciole, se sono accentate sulla quartultima sillaba
  • semibisdrucciole, se l'accento cade oltre la quartultima sillaba (caso rarissimo)

Quando viene scritto, l'accento tonico prende il nome di accento grafico, che pu essere grave

( ` ), e indica il suono aperto di e e o toniche, o acuto ( ), e indica il suono chiuso di queste ultime.

In italiano l'accento grafico obbligatorio solo in alcuni casi:

-        sulle parole tronche

-        su alcuni monosillabi che contengono due vocali: ci, gi, gi, pi, pu

-        su alcuni monosillabi che potrebbero confondersi con altri scritti nello stesso modo, ma con significato diverso

Elisione

 

L'elisione consiste nella caduta della vocale finale atona di una parola davanti a un'altra parola che inizia per vocale. Nello scritto l'elisione viene segnalata da un segno grafico: l'apostrofo.

Si ha obbligatoriamente l'elisione:

-        con gli articoli determinativi singolari lo e la e le preposizioni articolate da essi composte

-        con gli aggettivi bello/bella, santo/santa, quello/quella

-        con l'avverbio ci davanti a e a tutte le forme verbali che iniziano con la e

-        in varie locuzioni: d'ora in poi, d'altra parte, d'altronde, senz'altro, tutt'al pi, mezz'ora, tutt'altro, senz'altro, quand'anche.

Si ha spesso l'elisione:

-        con l'articolo indeterminativo femminile una e i suoi composti ciascuna, nessuna, alcuna

-        con l'aggettivo questo

-        con i pronomi personali deboli mi, ti, si, ci, vi, ne, lo, la (purch sia chiaro se ci si riferisce al genere maschile o femminile)

-        con la preposizione di davanti a parola che inizia per i

-        con come e dove

Non si ha l'elisione:

-        con articoli, preposizioni, aggettivi davanti a i semiconsonantica (la Iugoslavia, di ieri, quella iena, ecc.)

-        con l'articolo e il pronome femminile plurale le

-        con la particella ci davanti alle vocali a, o, u

-        con la preposizione da

 

 

 

Troncamento

 

Il troncamento consiste nella caduta della vocale finale o dell'intera sillaba finale atona di una parola.

A differenza dell'elisione, il troncamento, si verifica anche davanti a una parola che inizia per consonante,escluse per quelle che iniziano con s "impura" (cio s + consonante) e quelle che iniziano con gn, ps, x, y, z e, non richiede l'apostrofo.

Il troncamento obbligatorio:

-        con l'articolo maschile uno e i suoi composti ciascuno, nessuno, alcuno

-        con l'aggettivo maschile buono

-        con gli aggettivi maschili quello, bello, santo, davanti a parole che iniziano per consonante (la forma gran si usa anche per il femminile)

-        con i nomi signore, dottore, ingegnere, ragioniere, professore, cavaliere, ecc., che si troncano anche davanti a s "impura"

-        con i nomi frate e suora

Il troncamento invece facoltativo:

-        con l'aggettivo grande

-        con tale, quale

-        con alcune locuzioni verbali comprendenti un infinito o nei verbi che escono alla terza persona plurale in -nno ( es. aver sete, fan paura)

Esistono particolari tipi di troncamento segnalati dall'apostrofo:

-        poco, nella locuzione un po'

-        modo, nella locuzione mo'

-        bene, nella locuzione be'

-        i seguenti imperativi: to'(= prendi, togli), da'(=dai), di'(=dici), va'(=vai), sta'(=stai), fa'(=fai)

Attenzione!!!

Una sola parola vuole l'accento per segnalare un troncamento: pi (=piede, usato nelle espressioni a pi fermo, a ogni pi sospinto)

 

Articolo informazione


Hits: 8960
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.