Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Parafrasi del canto 1° della Divina Commedia

dante


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

Dante Alighieri nasce a Firenze nel 1265
Il viaggio
Divina Commedia - Canto I, Inferno,Virgilio
DANTE ALIGHIERI - Le prime opere e la Vita nuova
CANTO I - CANTO III, CANTO VI
Le idee di Dante
Canto primo - Riassunto, Significato allegorico
INFERNO CANTI I E II
Analisi Divina Commedia - Modelli danteschi - Lo stile, Analisi dei primi dieci canti dell'Inferno

Parafrasi del canto 1° della Divina Commedia

 

 

                                              

Ma appena giunsi ai piedi di un colle, là dove terminava quella valle che mi aveva oppresso il cuore di paura, guardai in alto e vidi le sue pedici già illuminate dai raggi del sole che conduce l'uomo sulla retta via ovunque si trovi. Allora si placò un po' di quella paura che avevo accumulata nel profondo del cuore per tutto quel tempo buio che io vissi con tanta angoscia. E come colui (il naufrago) che uscito con il respiro affannoso dal mare sulla riva, si volge e guarda quell'acqua pericolosa, così il mio animo, che ancora fuggiva, si volse indietro a guardare quella selva da cui nessuno era mai uscito vivo. Dopo che ebbi riposato un poco il corpo stanco, ripresi il cam 535h79f mino in quel luogo solitario e il mio piede fermo era quello che stava più in basso. Ed ecco quasi all'inizio della salita una Lonza agile e molto veloce, ricoperta da un pelo macchiettato; e non mi si toglieva davanti il volto, anzi impediva tanto il mio cammino, che più volte stetti per tornare indietro, dopo essermi girato. Era il primo mattino e il sole affacciava nel cielo quelle stelle che già erano accanto a lui quando Dio, per amore, diede la prima spinta (nell'atto della creazione) a quei bei corpi celesti; così che mi inducevano a sperare in bene, riguardo a quella fiera della pelle maculata, l'ora mattutina e la stagione primaverile; ma non del tutto perché mi rinnovò la paura la vista di un Leone. Questo sembrava che venisse contro di me, con la testa alta e con fame rabbiosa si che anche l'area pareva che ne avesse paura. Ed una Lupa, che nella sua magrezza sembrava carica di tutti gli appetiti e condusse a vita dura interi popoli, questa mi causò tale sgomento, con la paura che si sprigionava con la sua presenza ch'io persi la speranza di salire e come colui che accumula sempre maggiore ricchezza (l'avaro), se giunge il momento in cui perde tutto piange e si angustia in tutti i suoi pensieri così mi ridusse quella fiera inquieta, che venendomi incontro a poco a poco mi sospingeva di nuovo dove il sole non giunge. Mentre io precipitavo verso il basso mi apparve dinanzi agli occhi chi per un lungo silenzio appariva evanescente. Quando vidi costui, in quel luogo solitario abbi pietà di me gli gridai chiunque tu sia spirito o uomo reale!. Mi rispose: non sono uomo ma lo fui; i miei genitori furono lombardi entrambi di Mantova. Nacqui al tempo di Giulio Cesare ma nell'ultimo suo periodo e vissi a Roma sotto il grande Augusto al tempo dei falsi dei pagani fui poeta e cantai la storia di quel giusto figlio di Anchise (Enea) che fuggi da Troia quando la superba Ilio fu' incendiata. Ma tu perché ritorni verso tanta angoscia? Perché non sali gioiso colle che è origine e causa di ogni beatitudine? Oh tu sei dunque quel Virgilio che sei sorgente che scaturisce tanto largo fiume di consensi? Risposi con atteggiamento di umiltà. Tu che sei vanto ed esempio degli altri poeti, mi giovino il lungo studio e il grande amore che mi hanno fatto prediligere la tua opera. Tu sei il mio maestro e il mio modello tu sei il solo da cui io ho tratto il bello stile poetico che mi ha fatto onore. Vedi la bestia (la lupa) che mi ha fatto indietreggiare; liberami da lei o saggio famoso perché essa mi fa tremare di paura le vene e le arterie. Tu devi seguire un altro percorso quando mi vide in lacrime, se vuoi uscire salvo da questo luogo selvaggio: perchè  questa fiera per la quale tu gridi non lascia passare alcuno sulla sua strada, ma lo impedisce tanto che lo uccide ed è una natura così malvagia e così perfida che mai sazia la sua fame (di vittime), e dopo il pasto ha più fame di prima molti sono gli animali cui  si accoppia e saranno più, finche verrà il veltro che farà morire la lupa con dolore questi (il veltro) non cercherà possedimenti territoriali ne ricchezze ma sapienza amore e virtù e le sue origini saranno umili. (il veltro) sarà la salvezza di quell'Italia decaduta per la quale morirono per ferite Camilla, Eurialo, Nisio. Questi (il veltro) caccerà la lupa da ogni luogo finche l'avrà fatta ritornare nell'inferno la da dove, in origine, l'invidia l'aveva fatta uscire dunque per il tuo bene (me=meglio) io penso e ritengo che tu mi segua ed io ti sarò guida, e ti porterò via di qui passando attraverso un luogo eterno ove udrai le urla disperate, vedrai anime di personaggi antichi che soffrono e invocano la morte totale; e poi vedrai coloro che sono contenti di soffrire nel fuoco perché sperano di salire, quando sarà il momento al regno dei beati. Ai quali poi, se tu vorrai salire a questo scopo ci sarà un nanima più degna di me (Beatrice la grazia): ti lascerò con lei quando io mi separerò da te; perché quell'imperatore che rena lassù (Dio) poiché io non fui sottomesso alla sua legge non vuole che io giunga alla sua città (Dio) ipera su tutto su tutto l'universo e lassù ha la sua sede; lassù ha la sua città il suo trono: beato colui che può arrivare lassù!. E io a lui: poeta io ti chiedo in nome di quel Dio che tu non conoscesti, affinche io fugga questo male è peggio ( la selva e la dannazione), che tu mi conduca la dove hai detto, perché io veda la porta di S.Pietro (del paradiso) e quelli che tu hai detto tanto inflitti. Allora egli si mosse ed io lo segui.



 

 








Privacy

Articolo informazione


Hits: 2024
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019