Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

'Il malato immaginario' di Jean Baptiste Poquelin detto Molière - PERSONAGGI

letteratura


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

Fedor Michajlovic Dostoevskij - Delitto e castigo
Il poema cavalleresco - Diffusione dei testi in Italia
Italo Calvino - L'ENTRATA IN GUERRA
Foscolo: la poetica
Ti prendo e ti porto via - Niccolò Ammaniti
Successo di Madame Bovary
Il futurismo
Giovanni Verga e il verismo in Italia
Commentare la canzone di Guido Guinzelli "Al cor gentile rempaira sempre amor"
Il Verismo , Decadentismo e Positivismo

"Il malato immaginario"
                              di Jean Baptiste Poquelin detto Molière

PERSONAGGI:

Argante, malato immaginario
Tonina,
serva di casa
Angelica,
figlia di Argante
Belina,
seconda moglie di Argante
il signor Bonafè,
notaio
Cleante,
innamorato di Angelica
il signor Trasuda,
medico
Tommaso Trasuda,
suo figlio
Beraldo,
fratello di Argante
il signor Odoracchio,
farmacista
il signor Purgatore,
medico

Ultima commedia di Molière, Il malato imma 636f55g ginario venne rappresentato per la prima volta il 10 febbraio 1673, nella sala del palais Royal, sede stabile della Compagnia del Re. Undici mesi la separono dall'opera precedente (Le donne sapienti, 11 marzo 1672) e la sua rappresentazione nella pubblica sala parigina, anziché a Corte come Molière aveva in un primo tempo sperato, conclude con una piccola ma indubbia sconfitta la logorante lotta quotidiana, per gli indispensabili favori del re, che Molière e la commedia conducevano contro Giovan Battista Lulli e la musica.
Per un istante, entriamo nella mente di Argan.
E meglio temere di essere malati, piuttosto che accettare, una volta per tutte, di esserlo.
Strano eroe della salute, Argan difende un asilo innocente, il suo diritto all'infanzia.
Non sa rassegnarsi all'idea che la vita sia una realta mortale, la malata, mortale realta che crediamo di attraversare da adulti.
'Non ci sono piu bambini...', e la battuta rivelatrice, perché pronunciata soprappensiero, di quest'uomo che si rifiuta alla morte, che si ribella all'idea che la vita sia malattia.
E allora comprendiamo la ragione per la quale Argan, docilmente, si lascia sedurre e abbindolare dai medici.
Non e la guarigione che gli interessa. E che i medici, con la loro stessa presenza, gli promettono un mistero.
Finché esistono i medici, esiste anche l'illusione che il futuro di un'esistenza malata non sia la morte, ma un'ipotetica vita da sani.
Cosi la morte viene ingannata, raggirata, eternamente elusa.
E, cosi, ingannando la morte, Argan, al tempo stesso, inganna, gioca e raggira la malattia.
Come nessun altro personaggio del teatro antico e moderno, Argan e consapevole che vivere e essere malati.
Ma se la vita e malattia, solo una malattia immaginaria puo tenere in scacco, e addirittura sconfiggere, il vero, immedicabile malanno di esistere».
dalla INTRODUZIONE di Cesare Garboli alla traduzione del «MALATO IMMAGINARIO» Einaudi ed. 1974
«La storia della medicina e piena di malattie e sindromi inesistenti.
Non credo che oggi un medico accetterebbe di farsi curare da un collega con i metodi in uso cent'anni fa.
Tutti noi inorridiamo a un'idea del genere.
Ma facciamo un piccolo passo indietro: ci piacerebbe essere curati di quella che oggi sappiamo essere anemia con dei salassi, o dell'epilessia e della masturbazione con la castrazione?
Questi trattamenti tuttavia erano comuni nel XIX secolo, sia in psichiatria che in medicina.
Scommetto che fra cento anni gli psichiatri rabbrividiranno al solo pensiero di usare le terapie che oggi si applicano con tanta arroganza...».
Ronald D. Laing, dichiarazione a David Cohen riportata su REPUBBLICA-25/8/89
«Nel piccolo mondo del 'Malade imaginaire' sembra veder naufragare il mito solare di Luigi XIV.
Ed e un naufragio in uno stagno alquanto limaccioso.
Al grande tema dell'esaltazione della luce, alla cui celebrazione aveva partecipato anche Moliere, qui succedono toni sporchi, nerastri, alla Daumier.
Ai costumi che nei balletti glorificavano lo splendore della luce, costumi d'argento, di velluto, di raso, carichi di ricami, di ornamenti, di pietre preziose dai colori accesi con alti turbanti ornati di pennacchi e di fiori, qui si sostituiscono i tetri, umilissimi oggetti che popolano la camera di un malato, gli abiti consunti dell'abitudine col proprio male e con i suoi immondi rimedi...».
«Argan, da qualsiasi lato lo si osservi, e il perfetto antagonista del suo autore.
Gli altri personaggi di Moliere erano sofferte deformazioni, cancri del tessuto sociale, o figure di un'affascinante ambiguita che non si sa bene se egli amava o disprezzava.
Ma Argante non lascia dubbi.
Rispetto all'autore che lo creò, e un personaggio negativo.
E tutto cio che Moliere non e...».«Era inevitabile che Argan e il suo autore, come divisi in due entita inconciliabili, dovessero scontrarsi sul palcoscenico in un duello mortale.
Fu uno sdoppiamento degno di un dramma espressionista quel che avvenne il 17 febbraio 1673 alla quarta rappresentazione della commedia; un irruente ingresso del teatro nella vita.
Quando Moliere nelle vesti di Argan fu colto da un tale accesso di tosse e di sangue da finire poche ore dopo nella propria casa, si avvero il crudele vaticinio del malato immaginario.
Un autore veniva tolto di mezzo, sulla scena, dal proprio personaggio.
Sconfitta la ragione, il vile, il folle Argan proclamava la sua vittoria...».









Privacy

Articolo informazione


Hits: 1319
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019