Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Alessandro Tassoni Il duello fra Titta e Culagna

letteratura


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

Eugenio Montale
DEI SEPOLCRI - Ugo Foscolo
IL BAROCCO - CARATTERI GENERALI
Foscolo: la donna e l'amore
Ernst Theodor Amadeus Hoffmann
Foscolo: il ruolo dell'eroe
Italo Calvino - Il Barone Rampante
ANALISI TESTUALE: IL SONETTO AUTORITRATTO DI UGO FOSCOLO
Eugenio montale - Accenni sulla vita (1896 - 1981)
MISURA DI VOLUME - esperienza

Alessandro Tassoni   Il duello fra Titta e Culagna

Parafrasi (vv 35-45)

Dopo che il cavaliere fu armato di tutto punto

e il sole fu diviso tra i combattenti,

venne dato un segnale di tromba, e a un tratto

i cavalli si mossero come due venti contrari.

Il cavaliere romano Titta fu colpito nel petto,

ma le sue armi temprate e lucenti

ressero il colpo, e il conte, di fronte a quell'impatto di inattesa violenza

si lasciō scivolare di mano la lancia.

Egli fu colpito da Titta alla gorgiera

Tra lo scudo e l'elmo

Da un colpo cosė potente da fargli inarcare la schiena.

La gorgiera si schiodō e la visiera si aprė, e la corazza emise lampi;

i pezzi dell'asta rotta volarono in cielo e il conte allora perse le staffe e la briglia.

Caduta la visiera, il conte vede

colorarsi di rosso la sopraveste

e - Oimč sono morto, - grida rivolgendo lo sguardo

ai suoi scudieri con volto triste;

- aiuto! Che ora mai il cuore esala l'anima - replica con voce tenue.

Accorrono a quel suono cento persone,

e moribondo lo tolgono dalla sella.

Lo portano alla tenda e, sopra un letto

gli cominciano a togliere le armi di dosso

il chirurgo gli fa levare l'elmetto,

e il prete lo va a confessare in fretta.

Tutti i suoi amici lo considerano morto

e tutti precisano che non era il caso di porre ad una simile prova

un uomo privo di forza e di grinta.

Ma Titta, dopo che vede riportare l'avversario

come morto nelle sue tende,

 cammina per il campo al suono delle trombe e ritorna

dove lo attendono felici i suoi tifosi;

č talmente pieno di se che

per coraggio non č inferiore allo stesso Marte;

e scende dalla sella, e prima di levarsi l'elmo dalla testa

scrive e spedisce in fretta a Roma un corriere.

Scrive che un cavaliere molto coraggioso

di quelle parti, un uomo tanto importante

che forse non ve n'era un altro a lui superiore

ne che fosse uguale a lui in quanto forza,

aveva avuto il coraggio di provocarlo,

e di intraprendere contro di lui un combattimento mortale;

e che egli, davanti agli eserciti,

al primo colpo gli aveva trapassato il petto.

Spedė il corriere a Gaspare Salvani

Promotore dell'accademia dei Mancini,

in modo che desse l'avviso a i Frangipani

e ai loro amici Urini.

E al cavaliere Del Pozzo e ai due romani

Famosi indegni, il Cesi e il Cesarini,

e al non meno dotto e cortese Sforza;

i quali poi dissero tutti che era matto,

quando si capė quello che era successo.

Intanto avevano spogliato il conte totalmente

instupidito dalla paura;

e i due chirurghi insieme andavano cercando

traccia del colpo per il quale diceva di essere ferito:

non trovando mai la pelle lacerata,

ricominciarono le risate e le chiacchiere.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 2059
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019