Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

LA VITA COME PREPARAZIONE ALLA BUONA MORTE

latino


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

De Bello Gallico 1-2, pag.394 da Cesare
SE VI SIA PRESENTIMENTO DI QUANTO COMUNQUE POSSA ACCADERE
Petronio, Satyricon 80-82: Il narratore mitomane
Expedite. Versione N^11 Pag.239.
La nomina di L. Quinzio Cincinnato a dittatore - Testo italiano
UN'AVVENTURA A LIETO FINE
NUOVO COMPRENDERE E TRADURRE: MATERIALI DI LAVORO 2
VALORE DEGLI ANTICHI ROMANI
Petronio - La questione del genere letterario
Vers. N°1 pag. 298 del libro lexis 1

LA VITA COME PREPARAZIONE ALLA BUONA MORTE

Epistulae ad Lucilium, LXI

Di Seneca

Seneca saluta il suo Lucilio

Cessiamo di volere ciò che abbiamo voluto: io per parte mia cerco di fare in modo da non volere più da ve 313c27d cchio quelle cose che ho voluto da fanciullo. Per questo solo scopo passano i giorni, per questo le notti, questo è il mio intento, questo pensiero, porre fine agli errori di un tempo: a questo mi adopero, perché un solo giorno possa essere per me uguale ad una vita intera. Né per Ercole lo afferro come fosse l'ultimo, ma lo guardo così come se potesse essere anche l'ultimo. Con questo animo ti scrivo questa epistola, come se la morte dovesse chiamarmi proprio mentre ti sto scrivendo. Sono stato preparato ad andarmene e pertanto godrò della vita, poiché non do troppo peso a quanto tempo durerà questa gioia. Prima della vecchiaia mi sono preoccupato di vivere bene, nella vecchiaia di morire bene: invece morire bene è morire volentieri. Sforzati in ogni modo perché nessuno mai lo faccia a malincuore: tutto ciò che si presenta come una necessitò per chi opporre resistenza, non è necessità per chi acconsente. Così dico: colui che volenteroso accoglie ordini, si sottrae all'aspetto più duro della servitù, il fare ciò che non vorrebbe. Non colui che fa qualcosa comandato, è misero, ma colui che la fa controvoglia. Perciò disponiamo lo spirito a volere tutto ciò che le circostanze esigeranno, quello vogliamo anche in primo luogo affinché pensiamo al nostro scopo senza tristezza. Ci dobbiamo preparare alla morte prima che alla vita. La vita è sufficientemente provvista di tutto, ma noi siamo insaziabili di ciò che essa ci fornisce; ci sembra e ci sembrerà sempre che manchi qualcosa: che abbiamo vissuto abbastanza, non saranno gli anni o i giorni a determinarlo, ma l'animo. Ho vissuto, Lucilio carissimo, quanto era sufficiente: sazio aspetto la morte. Addio.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1305
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019