Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

DISCORSO DI SOCRATE

greco


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

A differenza di Omero, Esiodo
APOLOGIA DI SOCRATE - TRADUZIONE (XXXIII)
L'EPIGRAMMA GRECO - LA LUNGA STORIA DELL'EPIGRAMMA
IL DIFFIDENTE
L'UOMO CITTADINO DEL MONDO
I motti di Diogene
L' alcione
GIASONE e il vello d'oro
Teseo
Esiodo - Confronto con omero

DISCORSO DI SOCRATE:

"O Socrate,un demone possente. Infatti ogni essere demonico si trova a met fra uomo e dio." "E quale propriet ha?" dissi io (Socrate). "Di essere interprete e intermediario agli dei delle cose dagli uomini e agli uomini delle cose dagli dei, degli uni preghiere e sacrifici, degli altri gli ordini e le ricompense per i sacrifici, trovandosi nello spazio intermedio fra gli uni e gli altri lo riempie completamente cos che il tutto 444g66e rimanga connesso con se stesso. Per mezzo di questo procede tutta la mantica e l'arte dei sacerdoti per quel che riguarda i sacrifici, le iniziazione misteriche, gli incantamenti, tutta la divinazione e la magia. Il dio non si mescola all'uomo ma per mezzo di questo (il demone) gli dei hanno ogni contatto e dialogo con gli uomini, sia da svegli sia nel sonno; e colui che sapiente in questo genere di cose un uomo demonico, invece chi sapiente d'altro esercita una diversa arte o un mestiere qualsiasi non che un manovale. Questi demoni sono numerosi e d'ogni genere, uno di questi anche Amore." "E suo padre e sua madre chi sono?" chiesi io. piuttosto lungo da raccontare, ma te la racconter ugualmente. Quando nacque Afrodite, gli dei si trovavano a banchetto e insieme agli altri anche Poros, figlio di Metis. Dal momento che avevano finito di pranzare, giunse Pena per chiedere l'elemosina dal momento che c'era abbondanza di cibo, era sull'uscio. Dunque Poros ubriaco di nettare, infatti il vino non c'era ancora, uscito nel giardino di Zeus dormiva sopraffatto dal peso. Dunque Pena tramando di concepire un figlio da Poros a causa della sua mancanza di mezzi, gli si stese al fianco e concep Eros. Per questo Amore seguace e ministro di Afrodite, essendo stato concepito il giorno della sua nascita, e inoltre essendo per natura amante del bello e Afrodite bella. Dunque, per il fatto che Amore figlio di Poros e Pena, si trova in questa condizione. Per prima cosa sempre povero, e ben lungi dall'essere delicato e bello, come i pi se lo figurano, anzi grossolano, mezzo selvatico, sempre scalzo, vagabondo, sta sempre buttato in terra e senza giaciglio, dorme all'aperto davanti agli usci e nelle strade, perch ha la natura della madre, sempre compagno di casa dell'indigenza. Ma da parte del padre uno che tende insidie a ci che bello e buono, essendo di natura virile, audace, violento, gran cacciatore, sempre occupato a tessere qualche trappola e desideroso di intelligenza e pieno d'espedienti, tutta la vita dedito al filosofare, abilissimo imbroglione, esperto di veleni e sofista; inoltre n per natura immortale n mortale, ma a volte nello stesso giorno fiorisce e vive, quando le cose gli vanno bene, a volte invece muore ma di nuovo torna a vivere per la natura paterna, sempre scorre via la ricchezza che si procura, cos che Amore non povero n ricco, e allo stesso modo si trova nel mezzo fra sapienza e ignoranza. Le cose infatti stanno cos. Nessun dio si dedica alla filosofia, n ambisce a diventar sapiente, infatti lo , e nemmeno alcun altro sapiente non si dedica alla filosofia. Nemmeno gli ignorati si dedicano alla filosofia n ambiscono a diventare sapienti; proprio in questo aspetto infatti l'ignoranza un male, per il fatto che colui il quale non n bello n buono n saggio crede che non ha bisogno di nulla. Certamente chi non ritiene di essere in difetto non desidera ci di cui non pensa di avere bisogno." "Chi sono dunque" dissi io "o Diotima, coloro che praticano la filosofia se non sono n i sapienti n gli ignoranti?" Disse "Ma chiaro ormai anche a un bambino, che sono quelli che stanno in una posizione intermedi, fra i quali ci sarebbe anche Amore. La sapienza infatti tra le cose pi belle, e Amore ama le cose belle, ne consegue necessariamente che Amore filosofo, e dal momento che filosofo sta fra il sapiente e l'ignorante. Causa per lui anche di queste cose la nascita; infatti il padre sapiente e pieno di estro; la madre invece non sapiente ma bisognosa. O caro Socrate, tale la natura di questo demone; per quanto riguarda quello che tu credevi che fosse Amore, non ti capitato nulla di straordinario. Tu pensavi infatti, come mi sembra giudicando da quelle cose che dici, che Amore fosse ci che amato, non ci che si ama; per questo ti sembrava cos bello Amore. Infatti chi amato davvero bello, seducente, perfetto, degno di ogni felicita; colui che ama invece ha tutt'altra configurazione, un aspetto tale e quale io l'ho descritto.









Privacy

Articolo informazione


Hits: 1168
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019