Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
 
Architettura
Biologia
Diritto
Economia
Educazione fisica
Filosofia
Generale
Geografia
Italiano Greco Inglese Latino Spagnolo Tedesco
Letteratura
Marketing
Medicina
Scienze
Storia
Tecnica
 



 
 
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Leopardi_notturno Alla luna

italiano

Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di


ALTRI DOCUMENTI

Alba in discoteca: PRO e CONTRO
Canto II°
Di Italo Calvino, Il Castello dei destini incrociati, Einaudi editore, 1973, 112pp
RIASSUNTO CAP VI PROMESSI SPOSI
Tema svolto - L'eutanasia
"I dodici abati di challant" di Laura Mancinelli - Opera, Autrice
TASSO - La vita e la personalità
Saggio breve - L'ultimo canto di Saffo
Il rogo dei libri durante il Nazismo

La dinamica del ricordo tra passato e futuro dinnanzi alla suggestione della luce lunare.


Il chiarore lunare è fissità, luminosità pervasiva e bellezza struggente della natura, poiché in piena notte ridona alla terra la suggestione della luce . Il giovane Leopardi, attento osservatore di queste atmosfere, non può che esserne estasiato, intenerito fino alle lacrime. La notte infatti, con la sua  quiete, rasserenante e fascinosa, pare invitare ad un dialogo intimo con la Natura, pare suggerire un rapporto di pienezza tra l'uomo e le cose altrimenti negato. Leopardi vive questo momento particolarmente intenso della sua sensibilità come idillio, cioè come avventura storica dell'animo, confrontandolo con un altra situazione emotivamente simile. Il confronto è capace di chiarire le ragioni del persistere della speranza negli adolescenti davanti a spettacoli di intensa bellezza, che suggeriscono un'attesa, seppur vaga ed indistinta 313b13d , di possibile futura felicità.

L'idillio fu composto a Recanati nel 1819 e pubblicato prima nel "Nuovo Ricoglitore" e poi, con il titolo La ricordanza, nell'edizione bolognese dei Versi del 1826. Nell'edizione fiorentina del 1831 fu pubblicato con il titolo attuale.

A distanza  di un anno il poeta torna a contemplare la luna che pende sul monte Tabor e la notte lunare rinnova la stessa sensazione di commozione di fronte alla natura, provata nella passata circostanza. Anche allora la sagoma della luna, il suo volto diafano gli appariva "nebuloso e tremulo" per le lacrime che gli sgorgavano dagli occhi, perché la vita per lui era "travagliosa", segnata dal dolore come purtroppo è anche ora. Eppure il ricordo del passato, pur nel permanere della sofferenza, gli è di conforto, anche se si accompagna a sensazioni tristi e anche se l'affanno esistenziale ancora dura.
 

G. Leopardi, Alla luna

O graziosa luna, io mi rammento
che, or volge l'anno, sovra questo colle
io venia pien d'angoscia a rimirarti:
e tu pendevi allor su quella selva



O delicata luna, richiamo alla mente
che ora si compie un anno su questo colle
da quando io venivo , pieno di angoscia  a osservarti:
e tu sovrastavi quel bosco
 


siccome or fai, che tutta la rischiari.
Ma nebuloso e tremulo dal pianto
che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci
il tuo volto apparia, che travagliosa

 

come fai ora,  che lo rischiari interamente.
Ma, a causa del pianto che mi segnava gli occhi,
incerto e sfocato
mi appariva il tuo volto, che piena di affanni

era mia vita: ed è, né cangia stile,
o mia diletta luna. E pur mi giova
la ricordanza, e il noverar l'etate
del mio dolore. Oh come grato occorre
 

era la mia vita. E lo è anche oggi, né muta stile
o mia cara luna. Eppure mi piace
il ricordo, e il richiamare alla mente il tempo
del mio dolore. Oh come si presenta gradito

nel tempo giovanil, quando ancor lungo
la speme e breve ha la memoria il corso,
il rimembrar delle passate cose,
ancor che triste, e che l'affanno duri! 


nell'età giovanile, il ricordo delle cose passate,
quando la speranza ha ancora dinanzi a sè un lungo percorso  e la memoria dietro di sé un percorso breve,
anche se il ricordo è triste e l'affanno del passato dura ancora nel presente.
 



 

Schema grafico esemplificativo dell'idillio


 


Il poeta, osservando commosso la luce lunare
(  presente ), intesa come muta interlocutrice alla sua vita infelice ( passata e presente ), prova malinconia ed insieme una vaga nostalgia del tempo passato, per lui altrettanto tormentoso. Il ricordo - sebbene sia triste e doloroso - gli è comunque di conforto  in quanto è sostenuto da una naturale ed indistinta speranza nel futuro, in uno spazio temporale infinitamente dilatato in avanti nell'immaginazione adolescenziale e giovanile.
 

Prima pagina - Presentazione del percorso

Articolo informazione


Hits: 1162
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.