Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
 
Architettura
Biologia
Diritto
Economia
Educazione fisica
Filosofia
Generale
Geografia
Italiano Greco Inglese Latino Spagnolo Tedesco
Letteratura
Marketing
Medicina
Scienze
Storia
Tecnica
 
 
 
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Descrivi le caratteristiche di ulisse analizzandola sua figura come si viene mostrato nell'intera odissea

italiano

Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di

ALTRI DOCUMENTI

Cesare Pavese, Il carcere
Al cor gentil rempaira sempre amore - Guido Guinizzelli
Il disagio giovanile: un problema mai risolto che colpisce le nuove generazione
Scheda libro - Ho sognato la cioccolata per anni - Trudi Birger
È ancora possibile la poesia? Discorso tenuto all'Accademia di Svezia il 12 dicembre 1975
ITALIANO L'ERMETISMO
Gianni Rodari - L'infanzia a Omegna
Pascoli-D'annunzio - ELEMENTI IN COMUNE
SVEVO - DIFFERENZE DAL TRADIZIONALE LETTERATO ITALIANO
SIDDHARTA



Descrivi le caratteristiche di ulisse analizzandola sua figura come si viene

mostrato nell'intera odissea

Omero risprende la figura dell'eroe Ulisse già menzionata

nell'Iliade, in una delle opere sicuramente più amata e

discussa: l'Odissea.

Ulisse non solo è un uomo coraggioso e di gran valore, ma è

anche dotato di una grandissima intelligenza e furbizia.

Queste doti, per Ulisse, sono state la causa della sua

salvezza più di ogni altra forza f 535e44f isica.

Ulisse è re di un'isola greca, Itaca, estremamente legato

alla sua terra e alle sue origini, egli non ha mai

abbandonato la speranza di poter rivedere la sua casa e la

sua famiglia.

Il ritorno alla terra dei padri però per Ulisse non fu

semplice a causa dell'odio del dio Poseidone a cui l'eroe

aveva accecato il figlio.

Nonostante tutte le avversità, Ulisse mantiene

un'impressionante prontezza di fisico e sangue freddo, in

ogni occasione (anche nelle più disparate) egli non si

perde d'animo, e con l'aiuto del suo grandissimo ingegno

riesce sempre a salvarsi.

Leggendo l'Odissea notiamo che non sono gli aiuti offerti

dagli dei a salvare Ulisse, anche se indubbiamente questi

preparano l'eroe alle nuove sfide che dovrà fronteggiare.

Ulisse compare per la prima volta nell'Iliade al fianco di

Achille e degli altri re greci. Egli crede nei valori della

famiglia, dell'onore, come i grandi eroi di questo poema,

 ma si distingue già in parte da essi per la sua saggezza.

Odisseo è un personaggio dalle doti straordinarie, imprevedibile,

ricco di risorse e in grado di ricorrere ad espedienti inattesi,

la cui caratteristica fondamentale è l'ingegno, che si traduce

in sete di conoscenza.

Quella sete di conoscenza, che lo spinge ad esplorare l'isola dei

ciclopi o ad ascoltare il canto ammaliatore delle sirene e che lo

porterà alla morte e alla dannazione.

Ulisse non è un uomo che può accontentarsi di limitare la sua mente

alle ristrette conoscenze del mondo antico, né tantomeno

(essendo legato alle tradizioni) vuole stravolgerle.

Io lo vedo come un eroe che percorre questo confine.

Pensiamo alle sirene. Che modo c'è per ascoltare le Sirene?

Se le ascolta libero muore perché viene risucchiato e se si

mette i tappi di cera non le conosce.

Dunque Ulisse è un eroe che percorre proprio il confine.

Ulisse in questo è forte in contrasto con sé stesso, egli

trova difficoltà a resistere a questa tentazione.

Infatti, mentre da una parte era consapevole che le Sirene

lo avrebbero condotto alla morte e dunque a non tornare più

in patria, dall'altra avrebbe volutocedere al loro canto.

Ulisse, allora, sceglie di farsi legare, ma non permette ai suoi

compagni di ascoltare il canto al qualelui stesso però si vuole

sottoporre.

In questo comportamento io trovo la prova che Ulisse sia

consapevole della sua "superiorità" verso i suoi compagni.

La conferma di ciò l'abbiamo in una piccola isola del

mediterraneo, qui gli esuli sbarcano affamati e dopo giorni

di digiuno i compagni, stremati dalla fame e in preda alla

disperazione, dimenticano le parole dell'eroe e per sfamarsi

 uccidono delle vacche Sacre al dio Sole.

Nessuno dei compagni di Ulisse farà mai ritorno ad Itaca.

Questo però potrebbe farci pensare ad Odisseo come ad un

superuomo, io invece trovo in questo eroe greco un gran desiderio

di mortalità.

Egli non desidera altro (oltre alla conoscenza) che rivedere la

sua terra e la sua famiglia.

Sull'isola di Calipso, Ulisse si dispera per non avere una nave

con cui riprendere il viaggio verso casa.

Rifiuta anche quando la ninfa, bellissima e innamorata di lui, gli

offre l'immortalità in cambio di rimanere all'isola con lei.

Non ne vuole sapere di essere un immortale, non gli

interessa una vita in eterna giovinezza al costo di un'esistenza

noiosa e senza avvenimenti.

Forse è questo che ha affascinato moltissimo l'Occidente;

questa scelta di essere mortale, di tornare a casa, di rivedere

suo figlio, la moglie, anche rischiando la vita.

Articolo informazione


Hits: 4080
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.