Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Reddito fiscale - Imposte dirette delle aziende, IRPEG

ragioneria


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

FUSIONE
LA REVISIONE CONTABILE - La revisione interna
AMBIENTE ED INCERTEZZA - Il grado di OGGETTIVITA' dell'ambiente
INQUINAMENTO FISCALE
CAPITALE ECONOMICO - ANALISI DI BILANCIO
ECONOMIA AZIENDALE - ANALISI DI BILANCIO ED INDICI - QUOZIENTI DI NATURA FINANZIARIA
I MODELLI NORMATIVI - I "principii" di organizzazione
I CICLI AZIENDALI
I margini della struttura patrimoniale

Reddito fiscale

Tributi: sono flussi di denaro che lo Stato preleva coattivamente (imposti per legge). I tributi sono disciplinati dall'art. 53 della costituzione.

1.      Classificazione dei tributi in base a chi riceve il denaro:

-         Tributi statali ( o erariali ): IRPEF, IRPEG.

-         Tributi locali (che vanno ad enti locali): IRAP, ICI.



2.      Classificazione dei tributi in base a chi paga:

-         Imposte: che vengono pagate da tutti i cittadini che hanno una capacità reddituale e patrimoniale;

-         Tasse: vengono pagate dai cittadini che chiedano un certo servizio;

-         Contributi speciali: sono pagati da tutti i cittadini che pur non avendo richiesto il servizio, ne beneficiano comunque. Per esempio: opere di bonifica.

 

Le imposte in base alle modalità di calcolo si distinguono in:

1.      Dirette: calcolano direttamente sulla capacità contributiva del cittadino, ossia direttamente sul reddito e sul patrimonio, tramite la Dichiarazione dei redditi. Le imposte dirette sono:

-         IRFEF: imposta redditi persone fisiche;

-         IRAP: imposta che si applica a tutte le aziende individuali, società di persone e società di capitali;

-         IRPEG: imposta redditi persone giuridiche (tra cui le società di capitali);

2.      Indirette: esprimono indirettamente la capacità contributiva dei soggetti passivi. Sono ad esempio:

-         I.V.A.: imposta indiretta, introdotta dal D.P.R.633/72;

-         Imposta di successione;

-         Bollo, ecc.;

Il decreto legislativo 446/97:

-         istituì l'IRAP (accorpando diverse imposte, fra cui la vecchia ILOR);

-         affiancò al calcolo dell'IRPEG (37%) la D.I.T (dual incomic task) la quale fa calcolare su una parte di reddito il 19%, mentre  sul restante applico il 37%.

Imposte dirette delle aziende

Il D.P.R 600/73 ha disciplinato la differenza tra i soggetti passivi ordinari, classificandoli in:

1.      Imprese ordinarie;

2.      Imprese minori;

3.      Imprese

4.      Minime.

Il TUIR è il testo unico delle imposte sui redditi, delll'86, dove sono state consolidate tutte le leggi che determinano le imposte dirette, da usare per il calcolo dell'IRAP e l'IRPEG.

Per l'IRAP oltre al TUIR debbo tener conto del D.P.R. 446/97.

IRPEG

L'IRPEG si calcola il 37% sulla base imponibile, ma in alcuni casi posso usufruire del DIT.

-         Reddito civilistico: si ottiene seguendo l'art. 2426 del c.c.;

-         Reddito fiscale: è il reddito d'esercizio che si ottiene in base alle norme tributarie.

Spesso il reddito civilistico non coincide con quello fiscale, poiché le norme da applicare sono diverse. Il codice civile ha l'obbiettivo di tutelare i soggetti interni (azionisti) e i soggetti esterni (terzi), per questo bisogna redigere un bilancio chiaro, corretto e veritiero evitando gli "annacquamenti" tramite il principio della prudenza.

Le leggi fiscali cercano invece di aumentare il flusso in entrata dello Stato e degli enti pubblici; per questo deve analizzare più materiale possibile fra i nostri dati. Le leggi fiscali saranno più rigide nel valutare le voci, rispetto al codice civile.

La contabilità generale serve da supporto per calcolare il reddito fiscale, poiché debbo passare dal reddito civilistico a quello fiscale (ossia il reddito prodotto dall'azienda secondo le norme tributarie). Nella dichiarazione dei redditi c'è un prospetto di raccordo per passare dal reddito civilistico a quello fiscale.

Reddito d'esercizio

Reddito fiscale

Dopo di passa al quadro RG per calcolare l'IRPEG, per l'IRAP si chiamerà RQ.

                                                                            RG

Reddito fiscale

Reddito imponibile

IRPEG 37%

Importo da versare




Termini di scadenza:

-         30/5: consegna del modello della Dichiarazione dei redditi;

-         30/6: Versamento del saldo e versamento del 1° acconto.

Queste scadenze sono di legge, ma ogni anno vengono concesse delle proroghe.

Quando prima non c'era il modello unico, c'era il modello:

-         740: per le imprese individuali;

-         750: per le società di persone;

-         760: per le società di capitali.

Nel TUIR troviamo i seguenti articoli fondamentali:

-         Art. 54 => plusvalenze;

-         Art. 59 => rimanenze;

-         Art. 663 => perdite su crediti;

-         Art. 67 => Immobilizzazioni materiali;

-         Art. 677 => Manutenzioni e riparazioni;

-         Art. 68 => Immobilizzazioni immateriali (Diritti pluriennali: brevetti, ecc.);

-         Art. 74 => Oneri pluriennali;

-         Art. 71 => Svalutazione dei crediti.

Le modifiche che debbo apportare per passare al reddito fiscale si chiamano componenti positivi (alias: valutazioni positive, scostamenti positivi) e componenti negativi (alias: valutazioni negative, scostamenti negativi).

Reddito d'esercizio

Imposte

                       Reddito lordo

Componenti positivi:

Componenti negativi:

                     Reddito fiscale

 

Gli scostamenti (o divergenze) possono essere:

-         Permanenti: sono quelli definitivi, ossia che apportano una modifica definitiva nell'anno e poi non più.

-         Temporanei: apporto modifiche ogni anno.

Le imposte possono essere:

-         Dovute: sono le imposte risultanti dalla dichiarazione dei redditi;

-         Di competenza: sono le imposte iscritte nel Conto economico,

Nella Dichiarazione dei redditi metto tutti gli scostamenti (permanenti e temporanei) per calcolare l'imposta dovuta .             

In contabilità prendo in considerazione solo gli scostamenti permanenti per il calcolo dell'imposta di competenza (alias: reddito fiscale di competenza, reddito imponibile di competenza).

Ad esempio:

Se dalla dichiarazione dei reddito l'imposta dovuta è di £. 70.000.000, e dalla contabilità generale, l'imposta di competenza è di £. 100.000.000, la differenza è un'imposta differita. Poi avrò un acconto d'imposta di £. 50.000.000, perciò la somma tra l'erario c/acconti e l'erario c/imposte deve essere uguale all'importo delle imposte dovute, la differenza di mastrino si chiamerà "fondo imposte differite".

Imposte (dovute)

Imposte (differite)

Erario c/acconto imposte

Erario c/imposte

Fondo imposte differite

 70.000.000

 30.000.000

 50.000.000

 20.000.000

 30.000.000

Ad esempio:

Ho spese di rappresentanza per £. 30.000.000: 2/3 non vengono mai riconosciuti, perciò per 20.000.000 avrò uno scostamento permanente poiché apporto la modifica solo quest'anno e basta; 1/3 ossia £. 10.000.000 posso ammortizzarli in 5 anni, per questo saranno scostamenti temporanei, poiché ogni anno mi debbo ricordare di aggiungere £. 2.000.000.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 2563
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019