Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

CREDITI,DISPONIBILITA' LIQUIDE,RATEI E RISCONTI - OPERAZIONI IN VALUTA

ragioneria


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di


ALTRI DOCUMENTI

SOTTOSISTEMA MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE - SOTTOSISTEMA MAGAZZINO
ESEMPIO DELL'INTRODUZIONE D'UNA RELAZIONE D'AGRONOMIA ED ESTIMO - LAVORAZIONI SU COLTURA DI GRANO
I CONTI CORRENTI DI CORRISPONDENZA - PROFILO GIURIDICO, PROFILO TECNICO
LE IMPRESE MERCANTILI ALL'INGROSSO
PARTECIPAZIONI
TECNICHE E COMPLESSITA' - Compiti, mansioni e caratteristiche della tecnica
IL REDDITO FISCALE - DETERMINAZIONE DEL REDDITO FISCALE, CALCOLO IRPEG E IRAP, SCRITTURE
NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE
I CICLI AZIENDALI
CONTI

CREDITI,DISPONIBILITA' LIQUIDE,RATEI E RISCONTI

I crediti sono esposti nello schema di stato patrimoniale nelle attività alla voce A(crediti verso soci),alla voce B2(immobilizzazioni finanziarie)e nella voce C(attivo circolante). Secondo il Codice civile i crediti devono essere valutati al presumibile realizzo.  L'esposizione dei crediti a tale valore può comportare una riduzione del valore nominale degli stessi 111d36b la c.d. perdita su crediti che può essere causata per esempio:

  • dall'inesigibilità
  • inaffidabilità del soggetto debitore
  • assoggettamento del debitore alle procedure concoirsuali
  • altre cause di minor realizzo(inaffidabilità del soggetto debitore)

Ecco perché i crediti devono altresì essere esposti al netto delle svalutazioni eventualmente effettuate. I principi contabili nazionali a riguardo suggeriscono di procedere alla svalutazione mediante accantonamento in apposito fondo denominato"fondo rischi su crediti" che in sede di bilanci viene portato a rettifica crediti. In conto economico la svalutazione crediti è una componente negativa che va inserita nella voce B.10.d o se i crediti sono immobilizzazioni finanziarie nella voce D.19.b. .



Il fondo verrà utilizzato nei successivi esercizi a copertura delle perdite che si manifesteranno.

Il fisco considera totalmente deducibile la svalutazione crediti e in ammette in deduzione anche l'accantonamento a fondo rischi su crediti in misura del 5% del valore totale dei crediti

Circa le disponibilità liquide esse sono iscritte nell'attivo circolante dello stato patrimoniale e si dividono in:

  1. depositi bancari e postali:valutati  secondo il principio del presumibile realizzo
  2. assegni: valutati  secondo il principio del presumibile realizzo
  3. denaro e valori in cassa:valutati al valore nominale

Ratei e risconti vanno considerati al netto del disaggio su prestiti se attivi/(voce D stato patrimoniale)e dell'aggio su prestiti se passivi(voce E stato patrimoniale).

Per quanto riguarda i crediti e disponibilità liquide i principi internazionali le considerano attività finanziarie e perciò sono valutati al fair value eccetto il caso di crediti detenuti fina a scadenza in questo caso devono essere valutati al costo ammortizzato. Anche in tal caso i crediti vanno iscritti al netto di eventuali svalutazioni.

Per gli IFRS infine i ratei e risconti vanno assimilati a  poste attive liquidabili a breve

OPERAZIONI IN VALUTA

Il Codice civile  stabilisce che le poste in valuta estera sia esse di lungo che di medio-lungo termine devono essere iscritte in stato patrimoniale nella voce attività /passività in valuta al tasso di cambio a pronti alla data di chiusura dell'esercizio ed i relativi utili /perdite su cambi devono essere imputati a conto economico tra i proventi o gli oneri finanziari.

Per lo IAS 21 le posizioni in valuta estera si deve distinguere:

·        le posizioni in valuta estera monetarie vanno valutate al tasso di cambio vigente alla data di redazione del bilancio

·        le posizioni in valuta estera non monetaria devono essere mantenute al cambio storico ossia al tasso di cambio in essere alla data  dell'operazione se l'operazione è valutata al costo storico. In caso di valutazione  dell'operazione al fair value il cambio è quello vigente al momento della determinazione dei valori(cambio corrente)

indipendentemente dal tipo di tasso applicato tutte le differenze positive/negative derivanti dal cambio,vanno iscritte a conto economico

DEBITI

I debiti vanno iscritti nella voce D,che si articola poi in 14 sottovoci,del passivo dello stato patrimoniale . secondo i principi contabili nazionali i debiti sono obbligazioni a pagare un ammontare determinato,di solito ad una data prestabilita e vanno valutati al loro valore nominale.

Per gli IAS i debiti vanno iscritti in un'unica voce(sono tutti uguali) e rappresentano passività finanziarie e come tali vanni valutati al fair value. Gli IAS circa gli aggi e disaggi su prestiti stabiliscono che vanno portati in decremento incremento del prestito stesso.



COSTO DEL LAVORO

Secondo il Codice civile i costi del lavoro vanni iscritti in conto economico alla voce B.9. i debiti per trattamento di fine rapporto e per quiescenza ed obblighi simili vanno invece iscritti nel passivo dell stato patrimoniale rispettivamente alle voci Conto economico B.1

Il TFR è poi regolato dall'art.2120 del Codice civile.

Per quanto riguarda gli  IAS è differente la modalità di determinazione del TFR e dividono il costo del lavoro in 5 tipologie di costi:

  • compensi a breve termine
  • compensi successivi al rapporto di lavoro:TFR
  • compensi a lungo termine
  • compensi legati al patrimonio netto

 

I FONDI RISCHI ED ONERI

Secondo il Codice civile i fondi rischi ed oneri vanno iscritti alla voce B del passivo dello stato patrimoniale e si dividono in:

  • fondi rischi ed oneri per quiescenza ed obblighi simili
  • fondi rischi ed oneri per imposte,anche differite(accoglie il debito per imposte in contenzioso)
  • altri.

I principi nazionali in merito distinguono le passività che danno luogo a tali fondi in:

    1. passività certe,sono costi e spese di competenza dell'esercizio il cui ammontare o la cui data di sopravvenienza è indeterminata
    2. passività connesse a situazioni o fattispecie esistenti alla data di bilancio la cui esistenza è solo probabile .

Le passività certe danno origine ai fondi per oneri o fondi spese i cui relativi accantonamenti vanno iscritti tra la voce B.13 del conto economico "altri accantonamenti".

Le passività potenziali danno origine ai fondi rischi i cui relativi accantonamenti  vanno iscritti alla voce B.12 del conto economico "accantonamenti per rischi"

I fondi non previsti dalle norme tributarie non sono deducibili.

Anche gli IAS prevedono i fondi ma con la differenza rispetto ai principi nazionali che non c'è distinzione tra fondi oneri o spese e fondi rischi esistono solo i fondi oneri e questo perché gli IAS non ammettono l'iscrizione in bilancio di passività potenziali ma se ne da notizia nelle note di commento

 

PATRIMONIO NETTO

Il Codice civile stabilisce che il patrimonio netto va iscritto nella voce A del passivo dello stato patrimoniale. Inoltre il Codice civile stabilisce che ogni voce del patrimonio netto e relative variazioni devono essere spiegate analiticamente in appositi prospetti.

Non esiste uno IAS che si occupa di tale voce di stato patrimoniale



Articolo informazione


Hits: 2165
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2017