Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

I MASAI

geografia


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di


ALTRI DOCUMENTI

La Cina - Il territorio e gli ambienti
Messico - Stato dell America settentrionale
ARGENTINA - TERRITORIO, L UOMO E L AMBIENTE
LA GLOBALIZZAZIONE
La Repubblica Federativa Russa
L'INDONESIA GEOGRAFIA & TERRITORIO - CLIMA
La terra ruota intorno a una linea immaginaria detta asse terrestre
Il Libano - Aspetto fisico, Economia
PERCORSO su ASIA
LE MINORANZE ETNICHE E LINGUISTICHE IN ITALIA

I MASAI

I masai sono un popolo nato dalla fusione di diverse tribù nilote che si sono in seguito spostate nelle praterie della Rift Valley tra Kenia e Tanzania.

Non conducono una vita sedentaria ma percorrono en 828g63i ormi distanze a piedi alla ricerca di pascoli e sorgenti per il bestiame, allevati allo stato brado. Da sempre si sono opposti a qualsiasi cambiamento e per questo oggi vivono ancora come secoli fa.

 Disprezzando l'agricoltura e tutti i modi di vivere diversi dal loro, i masai traggono tutto il necessario dall'allevamento di bovini, affiancato da qualche capo ovino e caprino utile per la carne, sorvegliato dai bambini.

Così salute e robustezza degli armenti rispecchiano quelle di questi uomini; utilizzano latte, sangue e urine come alimenti, letame come materiale edile, corna come recipienti, zoccoli ed corna per gli ornamenti, pelle conciata per calzature, indumenti etc.

In seguito ad alcune credenze, i masai credono che tutto il bestiame della terra appartenga a loro, ed è proprio il numero di capi, insieme a quello dei figli, a determinare lo stato sociale di un individuo, e ognuno aspira a metter su una mandria numerosissima. Una moglie si compra con tre vacche, due pecore e un bue, e il numero delle mogli dipende dalla quantità della mandria posseduta. Queste genti hanno un vero e proprio legame affettivo con le loro bestie, che vengono amorevolmente curate e talvolta decorate artisticamente.

I Moran, guerrieri, fino a quando è stato loro permesso cacciavano e combattevano contro leoni e popoli nemici.

I masai sono molto alti e slanciati, di carnagione scura; indossano drappi sgargianti rossi e blu, si adornano con bracciali in rame e le donne anche con grandi collari piatti di perline. Ai lobi degli orecchi praticano grossi fori ampliati da pesanti orecchini, e si cospargono il corpo con ocra e grasso animale.

Vivono in piccoli villaggi di forma circolare, al centro dei quali vi è un recinto di rovi per rimettere il bestiame al tramonto, e tutt'intorno capanne di paglia e letame essiccato dove vivono numerose persone e vitelli appena nati.

La società masai è molto basata sull'età. I bambini stanno molto a cuore a tutti i membri del villaggio, che si occupano indistintamente della loro educazione e della loro crescita. Presto i maschietti imparano a badare al bestiame e le bambine a svolgere faccende domestiche, apprendendo cerimonie e usanze che segnano il passaggio dall'infanzia all'età adulta.

Gli uomini passano attraverso periodi di transazione, il primo dei quali è caratterizzato dal rito della circoncisione. Seguono i passaggi di giovane guerriero, guerriero adulto, anziano di grado inferiore e superiore, e ciascuno di questi livelli è caratterizzato da specifici diritti, responsabilità e abbigliamento.

Le donne rivestono un ruolo molto inferiore e non godono di diritti ereditari. La scelta dei matrimoni spetta agli anziani ed è diffusa la poligamia. Le spose solitamente sono molto più giovani dei compagni, così spesso accade che rimangano presto vedove, e le seconde nozze non sono diffuse.

La religione dei masai è monoteista ma considerano sacro l'ambiente che li circonda.

Tuttavia le usanze di questo popolo stanno progressivamente scomparendo; è loro impedito di pascolare le mandrie liberamente in molti territori, che vengono trasformati in riserve naturali o destinati ad edilizia e agricoltura.

Fonti:Internet;

Tanzania, Lonely Planet;

Tanzanian National Parks ,African Publishing Group.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 956
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2018