Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

PERCORSO INTERDISCIPLINARE

interdisciplinare


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

La corrente neorealista tra letteratura, cinema e storia
LE NUOVE TECNOLOGIE DI COMUNICAZIONE NEGLI ANNI SESSANTA
ARTE E SENSO DI INQUIETUDINE - ILLUMINAZIONI OSCURE
LO SPAZIO, IL TEMPO
IL RAPPORTO TRA LO STATO E LA SOCIETÀ IN ITALIA
PERCORSO INTERDISCIPLINARE

PERCORSO INTERDISCIPLINARE

Il Vietnam è una repubblica del Sud-Est asiatico, situata nella penisola indocinese e delimitata a nord dalla Cina, a sud e est dal Mar Cinese meridionale, a ovest dal Laos e dalla Cambogia. Ufficialme 515c22f nte denominata Repubblica socialista del Vietnam, ha una superficie di 331.690 km². Il Vietnam occupa la parte estremo-orientale della penisola indocinese e il suo territorio può essere diviso in quattro regioni principali. Nella regione nordoccidentale si trovano le propaggini montuose meridionali dell'altopiano cinese dello Yunnan che culminano nel Fan Si Pan, la cima più elevata del paese, situata al confine con la Cina. A est gli altipiani digradano verso la pianura del delta del Fiume Rosso, lungo il golfo del Tonchino. Verso sud l'altopiano dell'Annam si snoda da nord-ovest a sud-est e scende formando una pianura costiera che domina l'area centrale del Vietnam. La quarta è la regione più meridionale, costituita dal delta del Mekong e da ampi terreni pianeggianti. Il clima è generalmente monsonico e quindi caratterizzato da inverni secchi ed estati piovose. La stagione delle piogge è sempre preceduta da periodi caldi e afosi. Il Vietnam ha una popolazione di  oltre 76 milioni di abitanti con una densità media di 230 abitanti per km2. I principali centri urbani si trovano nel sud del paese, ma la maggior parte della popolazione dimora in piccoli villaggi. Tra le città più importanti ricordiamo la capitale Hanoi, Ho Chi Minh (ex Saigon); Haiphong; Da Nang e Hué. La maggioranza della popolazione vietnamita è di religione buddhista. Praticate sono inoltre le varie religioni cinesi, mentre i cattolici sono 4 milioni. Il vietnamita è parlato dalla maggioranza della popolazione e il francese è ormai usato solo da esigue minoranze. La moderna economia del Vietnam ha appena iniziato il suo sviluppo, gravata dal peso del lungo conflitto e degli sconvolgimenti politici. Dopo la divisione del paese, avvenuta nel 1954, le nazioni del Vietnam del Nord e del Sud svilupparono diversamente le proprie strutture produttive, avendo come punto di riferimento sistemi economici diversi con differenti risorse e differenti interlocutori sul piano commerciale. Il Nord operava sotto la direzione di un'economia altamente centralizzata, mentre il Sud aveva conservato un'economia di mercato. Con la riunificazione del Vietnam nel 1976, l'introduzione nel Sud dell'economia centralizzata ha prodotto nel paese una pesante carestia e una crescita vertiginosa dell'inflazione negli anni Ottanta. L'economia del paese è basata sull'agricoltura, in cui a metà degli anni Novanta si producevano ingenti quantità di riso, di cui il Vietnam è il terzo esportatore al mondo. Altri prodotti importanti sono canna da zucchero, ortaggi, frutta, manioca e patate dolci. Le colture da piantagione comprendono caffè, tè, soia e caucciù. Redditizio è anche l'allevamento di suini, bovini e animali da cortile. Gli estesi litorali del paese sono ricchi di risorse ittiche. La maggior parte del pescato proviene dal Mar Cinese meridionale. Abbastanza rilevanti le risorse del sottosuolo. All'inizio degli anni Novanta le estrazioni più consistenti sono state di carbone e di apatite oltre che di petrolio e gas naturale ricavato da vasti giacimenti offshore. I maggiori impianti industriali sono stati quasi completamente ripristinati dopo le devastazioni causate dal conflitto. Importanti industrie sono presenti nei settori della carta, del cemento, del tessile, dei prodotti per l'alimentazione, della chimica e dei fertilizzanti. Come comandante in capo delle forze armate, il presidente si assume la conduzione del Consiglio di difesa e sicurezza nazionale. Il primo ministro, a capo del governo, nomina i membri del Consiglio dei ministri che devono avere l'approvazione dell'Assemblea nazionale. L'Assemblea nazionale unicamerale, formata al massimo da 400 membri, è il più alto organo legislativo del paese. Le cariche di governo vengono ratificate dal corpo legislativo, eletto per un periodo di cinque anni. Il Vietnam è stato unificato solamente nel vicino 1973, a seguito della guerra del Vietnam. La guerra fu il proseguimento del conflitto indocinese che oppose la Francia colonialista alla Lega comunista per l'indipendenza del Vietnam fondata e guidata da Ho Chi Minh. Al termine di questa guerra, con la quale vennero eliminati dal Vietnam i francesi, si ebbe la temporanea divisione del paese lungo il 17° parallelo, con il nord ai comunisti e il sud sotto il controllo del governo di Saigon. A partire dal 1958 i militanti comunisti vietcong, trasferitisi a nord all'indomani della divisione del paese, cominciarono a ritornare a sud in numero sempre maggiore, per alimentare una guerriglia antigovernativa con il sostegno del governo nordvietnamita, che nel 1960 proclamò apertamente la necessità di "liberare il Sud dal giogo dell'imperialismo statunitense", sancendo di fatto lo stato di guerra. Verso la fine del 1961 il presidente John Fitzgerald Kennedy si impegnò a sostenere l'indipendenza del Vietnam del Sud inviando in un anno oltre 1200 militari. L'escalation militare prese il via nella prima settimana di agosto del 1964, quando a un attacco nordvietnamita ad alcune unità navali americane ancorate nel golfo del Tonchino il presidente Lyndon Johnson rispose ordinando il bombardamento di obiettivi militari nel Vietnam del Nord. La pratica dei bombardamenti a tappeto divenne sistematica a partire dal febbraio del 1965; contemporaneamente continuava a incrementarsi il contingente americano nel Vietnam del Sud, che alla fine dell'anno contava oltre 200.000 uomini. Nel dicembre del 1965 Johnson sospese i bombardamenti nel tentativo di avviare trattative di pace; rimasto senza esito, ordinò quindi la ripresa delle incursioni, che giunsero a interessare la stessa Hanoi e il vicino porto di Haiphong. Nel 1967, dopo l'annuncio di un ulteriore rafforzamento della presenza militare statunitense in Vietnam, nel novembre del 1967 il Pentagono comunicò per la prima volta il numero dei caduti dall'inizio del conflitto: 15.000 morti. Il dato scosse fortemente l'opinione pubblica americana e generò una crescente richiesta di porre fine al conflitto. Nell'inverno del 1967-68 lo stratega nordvietnamita Giap lanciò una vasta azione offensiva contro più di cento obiettivi civili. Militarmente la campagna si risolse in un insuccesso, ma ebbe devastanti effetti psicologici sul morale delle truppe statunitensi e soprattutto dell'opinione pubblica: gran parte dei cittadini americani era ormai giunta a convincersi che non fosse possibile vincere la guerra. Ci furono inoltre anche numerose proteste nelle università statunitensi da parte di giovani pacifisti, che si ispiravano alle idee di pace ed uguaglianza proposte dalle canzoni dei famosi Woodie Guthrie, Bob Dylan e Joan Bez. Questi musicisti furono i maggiori rappresentanti della musica folk e country sviluppatasi negli Stati Uniti sull'onda del successo di gruppi come i Beatols, che ha riscoperto le tradizioni popolari , come quelle delle ballate western e della musica contadina americana. Questa musica è stata fortemente influenzata dalla protesta giovanile culminata nel '68, che aspirava ad una società più giusta e ad un'economia meno finalizzata al profitto e meno guidata dall'industria bellica. La musica ha interpretato questi fenomeni ed è diventata spesso uno strumento per trasmettere nuove idee, come nel caso di Bob Dylan uno dei fondatori di questo stile. Il primo disco di Bob Dylan è stato pubblicato nel 1962, lo stesso anno che ha visto il grande successo dei Beatles, ma la natura dei brani era completamente diversa. In Dylan il testo prevale sulla musica, spesso molto semplice e ripetitiva; l'autore aveva infatti iniziato come poeta e si era dedicato alla musica solo in seguito. La sua canzone più celebre è Blowin' in the wind che, al pari di We shall overcome cantata da Joan Bez, è divenuta uno degli inni del movimento pacifista. L'accompagnamento è scarno (armonica a bocca ed accordi di chitarra) e conferisce al testo, estremamente semplice, una grande comprensibilità. Fra gli altri brani composti da Bob Dylan uno dei più famosi è senz'altro Masters of war, una chiara denuncia contro i "signori della guerra", caratterizzata musicalmente da una ritmica cantilenante e dalla presenza di un'armonica a bocca dal timbro ringhioso e tagliente. Dylan viaggiò a lungo negli Stati Uniti declamando, attraverso le sue canzoni, il suo forte impegno politico e tenendo concerti contro il razzismo e la guerra. Egli, insieme a Joan Baez e ad altri protagonisti della Beat Generation, diede ai giovani americani una spinta decisiva alla richiesta della fine della sporca guerra in Vietnam. Così nel 1969, spinto dai suoi stessi elettori, il successore di Johnson, Richard Nixon, annunciò un programma di progressivo disimpegno militare degli USA in funzione di una vietnamizzazione del conflitto, ma solamente verso l'inizio del 1972 si ebbero i primi incontri tra delegati statunitensi e nordvietnamiti. Nella seconda metà del 1972 a Parigi furono avviate nuove trattative fra il segretario di stato americano Henry Kissinger e il delegato nordvietnamita Le Duc Tho. Per la prima volta si intravide uno spiraglio quando i comunisti manifestarono l'intenzione di accettare un piano di pace che separasse gli accordi militari da quelli politici, abbandonando la richiesta di un governo di coalizione nel Vietnam del Sud e concordando con la richiesta americana di discutere anche della situazione nel Laos e in Cambogia. Il piano messo a punto da Kissinger venne tuttavia osteggiato da Van Thieu: alla vigilia della firma degli accordi, da molte parti ritenuta ormai certa, i colloqui furono improvvisamente interrotti il 16 dicembre. Il giorno seguente Nixon ordinò il bombardamento di Hanoi e Haiphong, la più devastante azione bellica aerea della storia, destinata a provocare un fortissimo sconcerto nell'opinione pubblica americana e internazionale. Malgrado i bombardamenti, i governi di Washington e Hanoi sembravano entrambi intenzionati a salvaguardare i progressi ottenuti nell'ambito dei negoziati. Con l'inizio del nuovo anno ripresero i colloqui a Parigi e, considerati gli esiti positivi dei primi incontri, Nixon dispose la sospensione di tutte le operazioni belliche nel Vietnam del Nord. La sera del 23 gennaio 1973 il presidente americano annunciò che era stato finalmente raggiunto l'accordo per il cessate il fuoco, che prevedeva anche il ritiro di tutte le forze statunitensi e alleate entro sessanta giorni dalla firma, e il riconoscimento della zona di demarcazione lungo il 17° parallelo soltanto come "frontiera provvisoria e non politica o territoriale". L'esito del conflitto e di altre crisi che contrapposero gli USA all'URSS dimostrò la possibilità di passare da uno scontro frontale, teso all'eliminazione dell'avversario, a una "coesistenza competitiva" tra le due superpotenze. Uno dei maggiori capitoli di questa coesistenza competitiva fu senz'altro quello della corsa allo spazio che culminò con la vittoria degli Stati Uniti, ottenuta soprattutto grazie al contributo del presidente Kenndey, che nel corso del suo mandato aumentò notevolmente gli investimenti per il programma spaziale statunitense. Kennedy was the first Catholic President of the United States. he was born in 1917, was educated at Harvard and took part as a PT boat commander in the Pacific during World War II. There he dmonstrated great bravery when, after a japanese destroyer has sunk his boat, he swam to a safe island, saving a wounded American sailor. Since his election campaign he had shown great interest in sloving the Black question and, when he was elected in 1960 he received more than 70 per cent of the Black vote. One of the first acts of the new President was to support the rights of Black Americans against racial discrimination in jobs, schools and other areas of life. He had an active supporter of civil rights and space exploration and an opponent of communism abroad. In May 1963, when a peaceful Black demonstration was violently repressed by Police with incendary bombs and dogs released into the crowd, Kenndy made a very moving speech on TV. He said that America was a free country. At November 22, 1963, during an official visit to Texas, Kennedy was assassinated as he rode in an open car. The assassin, a fanatic named Lee Oswald, was immediately arrested but, after two days, he too was killed, by Jack Ruby. About forty years have passed since Kennedy's death but it is still an unsolved mistery. That day in a school  in Dallas a teacher let his pupils clap their hands wildly because "the friend of the negroes had finally received the punishment he deserved". Per la sua prematura morte e per il suo interesse nei confronti dell'esplorazione spaziale, molti dei successi statunitensi in questo campo furono a lui dedicati. Primo tra tutti la fortunata missione apollo 11, che portò al primo allunaggio della storia: il 21 Luglio 1969, alle 3:56 ora italiana, l'astronauta americano Neil Amstrong posò per la prima volta il piede di un uomo sul nostro satellite, la luna. La luna è l'unico satellite naturale della Terra; ha un diametro di 3476 Km, poco più di un quarto di quello terrestre, e una distanza media dal nostro pianeta di circa 384400 Km. La luna ruota intorno a se stessa e intorno alla Terra in 27 giorni e 8 ore circa; compie quindi un giro completo intorno al suo asse e una rivoluzione completa attorno alla Terra nello stesso intervallo di tempo, ed è per questo motivo che ci mostra sempre la stessa faccia. La missione apollo 11 e tutte le successive esplorazioni ci hanno reso familiare la luna e ormai la conosciamo in tutti i suoi dettagli. La luna manca completamente di atmosfera e da ciò dipendono le sue forti escursioni termiche: la temperatura passa dai 130 °C nelle regioni illuminate dal Sole ai -150 °C in quelle all'ombra. Il suo suolo è desertico, formato da vaste pianure o regioni leggermente ondulate, dette mari, da enormi crateri che presentano notevoli dislivelli fra il bordo e il fondo e da catene montuose visibili nitidamente anche dalla Terra. La composizione del terreno risulta simile a quella terrestre , anche se alcuni elementi chimici si presentano in percentuali diverse. In generale le sue rocce sono antichissime e sono presenti in abbondanza rocce che sulla Terra sono invece molto rare. La crosta solida, che costituisce lo strato più superficiale, è composta da una roccia simile al granito. Sotto la crosta c'è il mantello, formato da una roccia più scura. Ancora più in profondità c'è una zona in parte fusa, nella quale hanno luogo i "terremoti lunari". Il nucleo potrebbe essere di ferro, ma gli scienziati non ne sono ancora sicuri. La luna ha una massa circa 80 volte inferiore a quella terrestre e la sua gravità è un sesto della gravità terrestre. Questo significa che un ragazzo che sulla Terra pesa 36 Kg, sulla Luna ne peserebbe solo 6. Sulla formazione della Luna gli scienziati avanzano tre ipotesi:



.ipotesi del distacco, secondo cui una porzione della Terra si sarebbe staccata, dando così origine al nostro satellite.

. ipotesi della cattura, secondo cui la Luna si sarebbe formata indipendentemente dalla Terra e poi sarebbe stata catturata dalla forza gravitazionale di questa.

. ipotesi dell'aggregazione, secondo cui alcuni materiali che orbitavano attorno alla Terra si sarebbero aggregati dando origine alla Luna.

Poiché l'esame dei campioni lunari riportati dagli astronauti fa ritenere che la Luna abbia la stessa età della Terra, attualmente l'ipotesi più accreditata è quella dell'aggregazione. La Luna gira attorno al proprio asse da ovest verso est. Gira inoltre attorno alla Terra descrivendo un'orbita ellittica di cui la Terra occupa uno dei due fuochi. Ciò fa sì che la distanza della Luna dalla Terra non sia sempre la stessa. Il punto in cui questa distanza è minima viene detto perigeo, il punto in cui è massima apogeo. Il periodo di rotazione e di rivoluzione della Luna sono uguali (27 giorni, 7 ore, 43 minuti). Tale periodo è detto mese sidereo e rappresenta il tempo necessario perché la Luna riprenda la stessa posizione rispetto alle stelle. Affinchè invece riprenda la stessa posizione rispetto alla Terra impiega più tempo, esattamente 29 giorni, 12 ore e 44 minuti. Tale periodo è detto mese sinodico o lunare. Durante il mese lunare, la Luna non è sempre visibile allo stesso modo, in quanto cambiano le dimensioni della sua parte illuminata dal Sole, dalla parte cioè che noi possiamo vedere. Questi aspetti diversi della Luna prendono il nome di fasi lunari; esse sono quattro e durano all'incirca una settimana ciascuna. La Luna è inoltre anche la causa di due fenomeni che possiamo osservare dalla Terra: le eclissi e le maree. La Terra e la Luna non brillano di luce propria, ma sono visibili in quanto illuminate dal Sole e, come tutti i corpi opachi, proiettano la loro ombra dalla parte opposta a quella illuminata. Ciò fa sì che tutte le volte che Terra, Luna e Sole sono perfettamente allineati, l'ombra della Terra copre parzialmente o completamente la Luna, o l'ombra della Luna copre parzialmente o completamente il Sole. Tutti i punti della Terra che si trovano nel cono d'ombra assisteranno in quel momento a un oscuramento parziale o totale della Luna, eclissi di Luna, o del Sole, eclissi di Sole. Ciò può accadere in una fase di plenilunio o novilunio, ma non ogni volta che c'è una di queste due fasi, in quanto l'orbita della Luna è inclinata di circa 5° rispetto all'orbita della Terra e quindi l'allineamento non è perfetto ad ogni novilunio o plenilunio. Sole, Terra e Luna si trovano perfettamente allineati solo quando, durante una di queste due fasi lunari, si trovano tutti e tre sulla linea dei nodi, la retta immaginaria in cui si intersecano il piano dell'orbita lunare e il piano dell'orbita terrestre. Si ha un'eclissi di luna quando in fase di plenilunio la Terra viene a trovarsi perfettamente allineata tra il sole e la Luna e oscura quest'ultima con la sua ombra. In base alla distanza Terra - Luna e alla lunghezza del cono d'ombra, la Luna può trovarsi completamente o solo parzialmente dentro il cono d'ombra della Terra. Nel primo caso l'eclissi è totale e si ha un'eclissi totale di Luna, nel secondo caso l'oscuramento è parziale e si ha un eclissi parziale di Luna. Si ha un'eclissi di Sole quando in fase di novilunio la Luna viene a trovarsi perfettamente allineata tra la Terra e il Sole e oscura quest'ultimo con la sua ombra. Sempre in base alla distanza Terra - Luna e alla lunghezza del cono d'ombra anche l'eclissi di Sole può essere parziale o totale. Una versione più rara dell'eclissi totale di Sole è l'eclissi anulare, che avviene quando la Luna si trova alla massima distanza dalla Terra. In questo caso la Luna non riesce a coprire completamente il Sole di cui resta visibile un anello periferico. Le maree consistono invece in periodici abbassamenti e innalzamenti del livello del mare dovuti alla forza di attrazione della Luna e del Sole sulle masse d'acqua. Tale fenomeno è periodico: si hanno due basse maree e due alte maree nell'arco di una giornata. Poiché la Terra ruota su stessa nell'arco delle 24 ore, il punto che si trova in un dato momento orientato verso la Luna ne subisce l'attrazione e lì si verifica un'alta marea; sei ore più tardi si ha una bassa marea, dodici ore dopo ancora un'alta marea e diciotto ore più tardi nuovamente una bassa marea. Questo fenomeno risulta intensificato o attenuato a seconda della contemporanea presenza o meno, in un dato luogo, dell'azione del Sole. Se il Sole e la Luna si trovano in fase di congiunzione o di opposizione le loro azioni si sommano e si hanno maree di massima ampiezza, maree vive. Se il Sole e la Luna si trovano in quadratura, le loro azioni si contrastano a vicenda e si hanno maree più deboli, maree morte. Tutto ciò che noi oggi conosciamo della Luna è stato scoperto attraverso lo studio, da parte degli scienziati, di foto e campioni di roccia riportati a Terra dalle numerose sonde spaziali e dalle missioni Apollo. Le sonde spaziali e i vari satelliti artificiali che girano attorno alla Terra vengono trasportati nello spazio con l'ausilio dei razzi vettori. Questi hanno due o tre stadi, che si accendono in tempi successivi per portare il carico fuori dall'attrazione terrestre. Il razzo svolge il suo lavoro in circa 10 minuti, quando l'ultimo stadio lancia il carico. Poi diventa un vuoto a perdere, che si disintegra al rientro nell'atmosfera o resta in orbita come << rifiuto  spaziale >>. Il razzo vettore è progettato per raggiungere la velocità di 40000 Km/h, in caso contrario ricade sulla Terra. Le forze da vincere sono due: la forza di gravità e l'attrito dell'aria. La forza di gravità è causata dalla massa della Terra, che attira verso di sé i corpi. Più un corpo si allontana e più questa forza diminuisce. L'attrito dell'aria è causato dalla presenza dei <<gas>> che tendono a frenare il veicolo. Più un corpo si allontana, minore è la quantità di aria e minore è l'attrito. Nello spazio non esiste aria, cioè c'è il vuoto, e l'attrito scompare. Il satellite artificiale è un veicolo spaziale di forma cilindrica, o sferica, o di un altro tipo. Esso non ha un sistema di propulsione proprio, tuttavia può restare a girare per molti anni intorno alla Terra. Il satellite non si allontana perché è attratto dalla forza di gravità del nostro pianeta e non cade sulla Terra perché gira ad una velocità tale che non riesce ad atterrare. Quindi la forza centrifuga dovuta alla velocità tende ad allontanarlo, ma è uguale e contraria alla forza di gravità, che tende a farlo cadere. Questo perfetto equilibrio di forze tiene in orbita tutti i satelliti artificiali e anche il nostro satellite naturale, la Luna. Un satellite viene lanciato dalla superficie terrestre da un razzo vettore a tre stadi. Il razzo, pieno di carburante, si alza lentamente da Terra e penetra con piccola velocità il denso strato d'aria. Poco dopo, mediante un sistema di guida, viene deviato dalla verticale e inclinato nella direzione dell'orbita prevista. Pochi minuti dopo il decollo il primo stadio del razzo, che ha bruciato già tutto il combustibile ed è diventato inutile, viene sganciato e si accende il secondo stadio. Il razzo, ora più leggero, raggiunge in breve tempo un'adeguata velocità. Dopo l'arresto della combustione del secondo stadio la direzione di volo è già quasi orizzontale e il razzo per una decina di minuti procede senza nessuna spinta. in questa fase di lancio le stazioni di controllo hanno la possibilità di correggere la traiettoria utilizzando razzi ausiliari. Eseguite le correzioni anche il secondo stadio viene sganciato e si accende il terzo. Il satellite raggiunge l'orbita voluta e si sgancia dal razzo, dopo il suo spegnimento. Il primo satellite artificiale "lo sputnik" è stato messo in orbita nel 1957 dall'URSS. Poi i lanci sono diventati una cosa normale. Oggi migliaia di satelliti artificiali ruotano intorno alla Terra e ci inviano fotografie, dati meteorologici e informazioni militari; inoltre consentono di effettuare trasmissioni televisive e comunicazioni telefoniche. Anche l'ermetico Salvatore Quasimodo ha commentato, secondo i suoi ideali, questa innovazione tecnologica nella poesia "Alla nuova Luna":



In principio Dio creò il cielo

e la Terra, poi nel suo giorno

esatto mise i luminari in cielo

e al settimo giorno si riposò

Dopo miliardi di anni l'uomo,

fatto a sua immagine e somiglianza,

senza mai riposare, con la sua

intelligenza laica,

senza timore, nel cielo sereno

d'una notte d ' ottobre

mise altri luminari uguali

a quelli che giravano




dalla creazione del mondo. Amen.

 

Con questa poesia il poeta eleva un inno all'intelligenza dell'uomo. Questa lirica può essere divisa in due parti: nella prima, scaturita dal libro della Genesi, viene lodata la grandezza di Dio, che in sei giorni creò il mondo e poi si riposò. Nella seconda viene invece lodato l'uomo che dopo miliardi di anni è quasi riuscito ad eguagliare la divinità, essendo anche creato a sua immagine e somiglianza. L'uomo che con la sua intelligenza terrena e ormai libera da ogni timore superstizioso e dai dogmi imposti dalla religione, compie un'impresa mettendo a ruotare intorno alla Terra dei satelliti che non hanno nulla da invidiare alla Luna e alle stelle che Dio stesso ha posto in cielo alla creazione del mondo. Quasimodo nacque a Modica, in provincia di Ragusa nel 1901, e trascorse la sua giovinezza sull'isola tra continui spostamenti imposti dal mestiere del padre, capostazione delle Ferrovie. A Messina, dove resta dal 1908 al 1920, compie gli studi secondari fino al diploma di geometra. Già in quegli anni legge Omero, Virgilio, Petrarca, i simbolisti francesi, la narrativa russa e autori più recenti tra i quali Pascoli, Valery, Ungaretti; ma si appassiona anche alle opere dei filosofi come Platone e Cartesio. Sono pure di quegli anni i primi tentativi poetici, pubblicati sui giornali della provincia. Nel 1920 Quasimodo di sposta a Roma per conseguire la laurea in ingegneria, ma dopo due anni interrompe definitivamente gli studi per trovarsi un lavoro. Fa diversi mestieri: il disegnatore presso lo studio di un ingegnere, il commesso alla rinascente a Roma, infine l'impiegato presso il genio civile che l'obbligherà a spostarsi di continuo per tutta l'Italia. Comunque gli impegni pratici non gli impediscono di coltivare le sue letture preferite, lo studio del greco iniziato fin dal 1821, il suo colloquio con la poesia. E' Elio Vittorini, che aveva sposato la sorella di Quasimodo, a mettere in contatto il cognato con Montale e l'ambiente fiorentino della rivista <<solaria>>. E proprio nelle edizioni di Solaria viene pubblicato il suo primo libro di versi, Acque e Terre, seguito da altre raccolte come: Oboe sommerso, Erato e Apollion, Poesie, ed è subito sera. Nel 1938 il poeta si stabilisce definitivamente a Milano, prima come redattore del <<Tempo>>, poi come insegnante di letteratura italiana al conservatorio di musica. Nel 1940 pubblica la traduzione dei lirici greci che lo porta alla ribalta della cultura nazionale. L'amara esperienza della guerra si riflette nella raccolta Giorno dopo giorno del 1947, dove il poeta attribuisce alla poesia una nuova missione umana e sociale, confermata in La vita non è sogno del 1949. Infatti, Quasimodo, sconvolto dagli orrori della guerra, matura l'idea che la poesia debba interessarsi alle problematiche dell'uomo contemporaneo ridandogli, dopo la tragedia della guerra la fiducia nel futuro. Le sue ultime raccolte pubblicate sono: Il falso e il verde, La terra impareggiabile, Dare e avere. La sua crescente fama di poeta culmina nel conferimento del Nobel nel 1959. Muore a Napoli il 4 giugno del 1968. Quasimodo fu uno dei maggiori rappresentanti del movimento ermetico. La poesia ermetica nasce intorno agli anni venti e si sviluppa tra le due guerre mondiali, per esaurirsi gradualmente sotto l'irrompere del neorealismo. Il termine ermetico viene coniato dal critico Francesco Flora, per sottolineare la difficoltà di comprensione di questo tipo di poesia. E' probabile che il termine ermetico sia derivato dal Dio Ermes, considerato il Dio dei misteri in quanto accompagnava le anime dei morti nell'aldilà. Per quanto riguarda i contenuti la poesia ermetica non celebra gli ideali esemplari di vita, eroismo, storia, patria, ma segue l'ideale di poesia pura che vuole soltanto esprimere la parte più intima e profonda dell'essere. Il motivo centrale di questa poesia nuova è il senso di disperata solitudine dell'uomo moderno il quale non ha più certezze a cui ancorarsi saldamente, in un mondo incomprensibile sconvolto dalla guerra e offeso dalle dittature. Ad aggravare questo senso di solitudine concorrono altri elementi, sempre caratterizzanti della poesia ermetica, quali l'incomunicabilità e un forte senso di frustrazione verso una realtà quotidiana banale e deludente. E' dunque una poesia chiusa che non può essere interpretata in quanto il dolore che il poeta esprime è suo soltanto e nessuno può capirlo. I poeti ermetici intendono la poesia come un momento di folgorazione, di grazia, come intuizione improvvisa del mistero della vita. Di conseguenza le loro composizioni sono molto brevi, scarne, diventano poesia pura, essenziale, che si esprime attraverso poche parole di intenso valore allusivo, simbolico, capaci di evocare sensazioni straordinarie. Gli ermetici semplificano la sintassi privandola dei nessi logici, aboliscono la punteggiatura, utilizzano il verso libero che evidenzia maggiormente il valore della singola parola. La poesia ermetica è una poesia autobiografica, nata dall'impossibilità di comunicare con gli altri. Oltre Quasimodo i più importanti poeti ermetici sono Giuseppe Ungaretti e Eugenio Montale. Dans la meme periode se developpement en France l'existentialisme. On a donnè cette definition a la vision de l'homme e du monde, à l'attitude face à l'existence assumèes surtout par Jan - Paul Sartre et Simone de Beauvoir. Toute l'oeuvre de Sartre illustre ses idees philosophiques. Puisque Dieu n'existe pas, il n'y a pas une idee, un "projet homme", une essence qui precede l'existence meme des etres. Et meme lorsque l'impossibilitè de choisir sa situation est totale, on peut encore choisir l'attitude à prendre face à ce qui ne depend pas de nous. Car l'homme nait libre, et la libertè est l'essence de son existence. Il n'existe donc pas de normes morales, pas de valeurs qui puissent nous guider; chaque homme choisit ses fins et ses actes. Il faut que l'homme prenne coscience de cette absurditè. Face à cette absurditè, Sartre ne trouve meme pas la consolation de la solidaritè humaine; bien au contraire, chacun est seul au milieu de ses ennemis, il considere les autres comme des objets qui peuvent lui etre utiles et des conflits se crèent. Hostile à toute consecration officielle, Sartre a refusè, en 1964, le prix Nobel. Son ecrits en prose la plus famous est la Nausèe. Come Sartre anche i rappresentanti di una corrente artistica denominata popular art condannano, anche se in maniera più pacata, la società che si sta formando negli ultimi anni sessanta. La popular art è un movimento artistico affermatosi negli anni Cinquanta e Sessanta del XX secolo negli Stati Uniti e in Gran Bretagna. Il nome deriva dalla contrazione dell'inglese Popular Art, arte "popolare" in senso moderno, ossia che faccia uso di linguaggi quotidiani dell'odierna società di massa, propri della comunicazione commerciale, cinematografica, televisiva o della stampa periodica. Accomunò gli artisti della corrente Pop l'attenzione per l'oggetto banale, per l'immagine scontata, per la situazione comune, considerati ormai come parte integrante della vita e dell'immaginario collettivo, e quindi osservati perlopiù in modo "neutro", senza evidenti intenti critici o polemici. Le prime opere furono dipinti a tinte forti, realizzati con colori acrilici (i colori violenti della cartellonistica pubblicitaria), riproducenti bottiglie di birra, lattine, strisce di fumetti, segnali stradali e oggetti di consumo. Presto tuttavia le tecniche espressive adottate si moltiplicarono, passando dalla fotografia alla serigrafia, dal collage alla diretta inclusione di oggetti reali nell'opera. Si trattò di una vera e propria rivoluzione nell'atteggiamento artistico e nella percezione dell'opera d'arte, privata dell'aura che la contraddistingueva e qualificava rispetto alle altre espressioni dell'ingegno e dell'attività dell'uomo, in quanto ormai pienamente "adeguata" alla realtà più comune, e in molti casi riproducibile, seriale. La Pop Art rappresentò un punto di riferimento irrinunciabile per tutti i movimenti artistici che seguirono, ed esercitò una forte influenza in settori quali la grafica pubblicitaria, il design e la moda. Il movimento prese le mosse in Inghilterra, per opera di artisti e intellettuali quali Eduardo Paolozzi, Richard Hamilton, William Thurnbull, Theo Crosby e Lawrence Alloway: la sua nascita viene generalmente associata a una mostra dal titolo "This is Tomorrow", tenutasi nel 1956 alla galleria Whitechapel di Londra. Negli Stati Uniti, i primi sviluppi della Pop Art sono legati ai nomi di Robert Rauschenberg, creatore di assemblaggi con oggetti domestici quali trapunte e cuscini, e Jasper Johns, noto per le serie di dipinti raffiguranti bandiere americane, numeri e bersagli. Promosso con eccezionale abilità dal gallerista Leo Castelli, il movimento conobbe un grande successo negli anni Sessanta. Nel 1960 l'artista inglese David Hockney realizzòTyphoo Tea (Kasmin Gallery, Londra), uno dei primissimi dipinti che proponevano come soggetto un prodotto commerciale di marca. Nello stesso anno Jones portò a termine alcune sculture di bronzo dipinto che rappresentavano le lattine di birra Ballantines. Nel 1961 Claes Oldenburg espose la prima delle sue sgargianti e ironiche sculture a forma di hamburger o di altri prodotti del fast food; negli stessi anni Roy Lichtenstein iniziò a prendere in esame il linguaggio del fumetto, realizzando dipinti che ne imitavano stili e resa visiva. Andy Warhol si dedicò a una particolare riflessione sulla riproducibilità dell'opera d'arte e sulle tecniche di rappresentazione seriale, ideando dipinti, serigrafie e fotomontaggi con soggetti ripetuti: bottiglie di Coca-Cola, lattine di zuppa Campbell, scatole di lucido Brillo, immagini-icona di Marilyn Monroe, Elvis Presley, Liz Taylor. Altri importanti protagonisti del movimento furono George Segal, James Rosenquist. In Italia la Pop Art ha esercitato la sua influenza su artisti quali Mimmo Rotella, Lucio Del Pezzo, Renato Volpini.



Gianluca Scuccimarra







Privacy

Articolo informazione


Hits: 2368
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019