Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

La domanda-guida e la domanda fondamentale della filosofia

psicologia


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

IL SÉ E L'IDENTITÀ - I CONTORNI E LA SOSTANZA DEL PROBLEMA
Pregiudizio razziale ed autoritarismo
L'invecchiamento comporta cambiamenti
la coda
Piani e lavori preliminari alla costruzione capitale
Gusto e olfatto - I recettori
DonaldWinnicott - Vero sé
Il pensiero - Pensiero convergente e divergente
FECONDAZIONE E PRIME FASI DELLO SVILUPPO
I movimenti per l'emancipazione della donna - La condizione della donna nella società

La domanda-guida e la domanda fondamentale della filosofia

La connotazione generale della volontà come volontà di potenza è stata esposta per rischiarare un po' il campo visivo nel quale ora entriamo con le nostre domande.

Incominciamo l'interpretazione del terzo libro, Principio di una nuova posizione di valori, con il quarto e ultimo capitolo: "La volontà di potenza come arte". Chiarendo anzitutto, nei tratti principali, come Nietzsche conce 424c26e pisca l'arte e come egli imposti il problema dell'arte, si chiarisce contemporaneamente perché un'interpretazione dell'elemento centrale della volontà di potenza deve incominciare proprio da qui, dall'arte.

È qui decisivo, però, tenere ben saldo l'intento filosofico fondamentale dell'interpretazione, che raccomandiamo di nuovo. La domanda posta chiede che cos'è l'ente. Chiamiamo questa tradizionale domanda capitale della filosofia occidentale la domanda-guida. Ma essa è soltanto la penultima domanda. Quella ultima, e cioè la prima, chiede: che cos'è l'essere stesso?? Chiamiamo questa domanda, da sviluppare e da fondare per prima, la domanda fondamentale della filosofia, perché in essa soltanto la filosofia domanda del fondamento dell'ente in quanto fondamento e al tempo stesso cerca di ottenere, domandando, il proprio fondamento e si fonda. Prima che questa domanda sia posta espressamente, la filosofia, se vuole fondarsi, deve sempre mettersi al sicuro percorrendo la via di una teoria della conoscenza o della coscienza, deve sempre restare su un cammino che, per così dire, si muove nello spazio antistante (di fronte) alla filosofia e non gira al suo centro. La domanda fondamentale rimane estranea a Nietzsche così come alla storia del pensiero a lui precedente.



Ma quando ci si pone la domanda-guida (che cos'è l'ente??) e la domanda fondamentale (che cos'è l'essere??), ci si domanda: che cos'è ..? Si cerca l'apertura dell'ente nel suo insieme e l'apertura dell'essere per il pensiero. L'ente dev'essere portato nell'aperto dell'essere stesso e l'essere nell'aperto della sua essenza. Chiamiamo l'apertura dell'ente, la svelatezza: verità. La domanda-guida e la domanda fondamentale della filosofia chiedono che cosa è in verità l'ente e che cosa l'essere. Nella domanda che chiede dell'essenza dell'essere si domanda in modo tale che non rimane più niente all'infuori di tale domanda, nemmeno il nulla. Per questo la domanda che chiede che cos'è in verità l'essere deve al tempo stesso chiedere che cos'è la verità stessa in cui l'essere dev'essere aperto nella radura. Non è perché la verità venga messa in dubbio nella sua possibilità anzitutto gnoseologicamente, ma perché la verità fa già parte in un senso elevato dell'essenza della domanda fondamentale, come spazio di quest'ultima, che essa sta con l'essere nell'ambito della domanda fondamentale. Nella domanda fondamentale relativa all'essere e nella domanda-guida relativa all'ente si domanda al tempo stesso e nell'intimo anche dell'essenza della verità. Diciamo anche e parliamo così in modo del tutto esteriore; infatti la verità non può essere qualcosa che capita anche, in un qualche luogo, accanto all'essere. Piuttosto, si porrà la questione di come entrambi siano nell'essenza uniti ed estranei, di dove mai, in quale regione, essi siano insieme e di come sia questo ambito stesso. Sono questioni, queste, che conducono, è vero, oltre Nietzsche, ma che sole danno la garanzia di portare allo scoperto e di rendere fertile il suo pensiero, nonché di conoscere ed esperire il confine essenziale e l'Altro.




Ora, se è vero che la volontà di potenza determina l'ente in quanto tale, cioè nella sua verità, allora nel contesto dell'interpretazione dell'ente in quanto volontà di potenza deve costantemente innestarsi la questione della verità, cioè dell'essenza della verità. E se per Nietzsche all'interno del compito di un'interpretazione generale di ogni accadere come volontà di potenza, spetta all'arte una posizione elevata, allora proprio qui la questione della verità deve avere un ruolo preminente.








Privacy

Articolo informazione


Hits: 1191
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019