Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Le aziende divise e i gruppi aziendali - I gruppi aziendali

economia aziendale


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

Le strategie aziendali - Le strategie aziendali
I caratteri generali delle operazioni bancarie
crediti verso soci - immobilizzazioni
ANALISI DI CONTABILITA' MULTIPRODOTTO
ECONOMIA AZIENDALE - Sistema è diverso da Aggregato
SOCIOLOGIA DEL MERCATO DEL LAVORO - NATURA E STRUTTURA DEL MERCATO DEL LAVORO - Il mercato di una merce particolare
Redazione e revisione del bilancio d'esercizio
Di emissione di un prestito obbligazionario, di concessione di un mutuo ipotecario decennale ad un'impresa.
COMPILAZIONE DEL CONTO ECONOMICO
La funzione monetaria della banca

Le aziende divise e i gruppi aziendali

Le aziende divise fanno parte di un'unica azienda, vi è un unico soggetto giuridico ed economico, l'azienda si divide infatti per competenze o per luoghi. Il grado di autonomia nelle succursali, filiali ecc.. resta comunque limitato.

I gruppi aziendali sono unioni di aziende d 535j96f ifferenti, che si uniscono tramite quote di partecipazione nel capitale di altre aziende; un'azienda può infatti detenere quote di capitale sociale di altre aziende. Nei gruppi aziendali vi è una società capofila che detiene quote di altre società minori, le quali possono detenere quote in altre aziende ancora. Alcune società mediante una catena di rapporti extra aziendali raggiungono e superano il PNL (Prodotto Nazionale Lordo) di uno Stato affermando il proprio potere politico indirettamente.

I gruppi aziendali

·        Gruppo semplice



                                                                                                                                                                                                                                                                             

                                                   

    60%       Controllo                                    30%      Controllo                                3 %   Controllo

                  Maggioritario                                          Minoritario                                       Interno

                                                                                                                                                                                    

                                                                                                                    

Quando il capitale è particolarmente frazionato, ovvero distribuito in più possessori di quote, anche l'azienda ha controllo minoritario (non detiene il 50%+1) interviene comunque in modo incisivo. Infatti le quote frazionate tra più azionisti provocano spesso un disaccordo tra i rappresentanti degli azionisti, che non riescono a porsi in posizione antitetica rispetto al rappresentante che detiene il controllo minoritario.

Quando vi è un controllo interno non si va incontro al potere decisionale dell'azienda che detiene maggior numero di quote. Di fatto sono gli amministratori ad occuparsi della gestione dell'azienda esercitando potere decisionale, poiché il capitale risulta polverizzato in molteplici possessori di quote minime, e nessuno dei rappresentanti può imporsi. Infatti il consiglio di amministrazione, di fronte alle decisioni di così ampio respiro, mette ordine ed esercita il potere decisionale.


·        Gruppi aziendali composti

   

                          L'azienda A controlla B per l'80%, quest'ultima possiede 80% di quote di C per cui                                                                                                    

                          indirettamente A controlla anche C per il 64%, secondo il seguente calcolo:

                           80% x 80% = 64%

              80%

                                                                                                   

              80%                            A

                                60%     90%    80%                L'azienda A controlla in maniera indiretta                        

                                                                               l'azienda E  per il 78% nel seguente modo:

                                                                               (B) 60x20 + (C) 90x20 + (D) 80x60 = 78%

                                                                                12 + 18 + 48 = 78%

                          

                               20%      20%     60%     

                                                 L'azienda A controlla per il 30% direttamente l'azienda C, e l'altro

                     60%                    12% lo detiene per merito delle azioni che possiede nell'azienda B,               

                                                 che a sua volta possiede il 20% delle quote in C.

    30%                                                                                                         (B) 60x20 + (A) 30 = 42%

                           B

                    

                     20%                                          


·        Gruppi aziendali complessi

Art. 2359 bis C.C. La società controllata non acquistare azioni o quote delle società o quote delle società controllante se non nei limiti degli utili distribuibili e delle risorse disponibili risultanti dall'ultimo bilancio regolarmente approvato.

 Principi di governo

·        Il principio di progresso;

·        Il principio di unità  e il finalismo aziendale;

·        Il principio di economicità (principio cardine) ;



·        Il principio di solvibilità (pagamento debiti);

·        Il principio di autonomia;

Il ciclo tipico della gestione aziendale

                                       

                                                                                                                vendite

              

               Macchinari

               Lavoro

               Stipendi

               Materie prime       

Il ciclo della gestione aziendale con fase programmatica      

                                               F                                                           fase programmatica     

                                                                                       La stima o previsione di vendita permette la

                                                                                       preorganizzazione del lavoro.


Il principio di economicità

Il rispetto  del principio di economicità fa si che , almeno nel lungo periodo esista un differenziale positivo (al limite uguale) tra il valore dei realizzi e quello degli investimenti aumentato del costo delle risorse finanziarie prese a prestito. R ≥ I + i ( Realizzi ≥ Investimenti + interessi).

La relazione Investimenti/realizzi in alcune tipologie di aziende

          R;I         R       R        R                       Strutture alberghiere subiscono un aumento del   

                                                                        Realizzo solo in determinati periodi annuali specie le                                 R>I    R<I      R>I                   strutture alberghiere. Dovendo sostenere poi i costi di           

                                                                        ristrutturazione annuali,nel momento in cui la struttura.      

                                                                        non ospita turisti

                                                              I                                                                                                                                                      

                                                                

                                                              T

                                          

                                                        

La relazione I/R nelle aziende assicurative           

                                      

R;I                                  R             I Realizzi sono sempre maggiori degli investimenti.

                                      

                                     I

                                

  O                                   T

Di solito le aziende nel primo anno di attività non ottengono mai Realizzi ≥ Investimenti. All'inizio dunque è difficile che il principio di economicità venga rispettato, ma il principio di solvibilità deve essere rispettato sempre.

Il principio di solvibilità

Secondo il principio di solvibilità l'azienda deve essere in grado, in ogni momento, di far fronte agli impegni finanziari assunti (estinguere i propri debiti in scadenza) in modo economico (senza compromettere la propria economicità).

Relazione scadenza finanziamenti

Reintegro investimenti

 

Breve

Lungo




 

    

I

III

Breve

 

Scadenze finanziamenti


II

IV

Lungo

 

 Reintegro investimenti

 

   Reintegro:tempo in cui gli investimenti tornano in        

   forma liquida con i realizzi nel periodo di 12 mesi.

   Il rischio economico aziendale

   

   Il rischio economico -aziendale è connaturato      

   all'attività aziendale( non è eliminabile).

  .

·        Rischio economico- patrimoniale (erosione capitale proprio = R < I +i );

·        Rischio economico generale;

·        Rischio economico particolare ( < realizzi, > investimenti - realizzi minori, costi maggiori rispetto alle previsioni.

Aspetto economico e finanziario della gestione

                                                   Aspetto economico

Il principio di progresso

Il principio di progresso indica la tensione che consente all'azienda di progredire nella capacità di realizzare la propria ragion d'essere, consentendone il progresso nella sua capacità di soddisfare determinati bisogni, determinando anche una crescita nel benessere degli individui che direttamente  o indirettamente ne vengono coinvolti.


Appunti del 14-12-2006

La Gestione

La gestione si traduce in una serie continua di decisioni per le quali si deve disporre di un flusso adeguato e tempestivo di informazioni necessarie per l'analisi ex ante di un certo corso di azioni, per guidare le operazioni verso gli obiettivi prestabiliti e per valutare, ex post se i risultati attesi siano stati conseguiti.

I principali strumenti sono:

·        Contabilità generale;

·        Contabilità analitica;

·        Sistemi dei rendimenti e dei costi standard (sistema informativo aziendale);

·        Budget;

·        Sistema degli scostamenti;

·        Sistema di reporting.

Il sistema informativo aziendale, sono le informazioni di cui possono avvalersi tutti coloro che collaborano allo sviluppo dell'azienda.

La contabilità generale: annotazione dei fatti di gestione (ciò che in quell'anno di gestione è stato fatto), queste annotazioni vengono riassunti in prospetti riepilogativi che danno vita al bilancio, che rappresenta il riepilogo della situazione aziendale di quell'anno.

Reddito positivo = utile

Reddito negativo = perdita

La contabilità analitica: sistemi di rilevazione che tendono a misurare nel dettaglio determinati fattori (sotto il profilo economico).







Privacy

Articolo informazione


Hits: 3054
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019