Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
 
Architettura
Biologia
Diritto
Economia Agraria Agronomia Economia aziendale Economia politica Economia turistica Estimo Finanze Politica Turismo Zoologia Zootecnia
Educazione fisica
Filosofia
Generale
Geografia
Italiano
Letteratura
Marketing
Medicina
Scienze
Storia
Tecnica
 
 
 
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

TITOLI DI CREDITO - Circolazione - La legge di circolazione dei titoli di credito

economia

Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di

ALTRI DOCUMENTI

La gestione finanziaria
competenze dell'assemblea - MODALITA' DI CONVOCAZIONE
Inflazione - Inflazione tendenziale
COMMENTO AL CAPITALE - Dall'economia politica all'antropologia storica
LAVORO IN K. MARX LA QUESTIONE DEL LAVORO - La divisione del lavoro nell'Ideologia tedesca (1845-46)
La funzione finanziaria e i circuiti gestionali nelle aziende non profit
CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE - SIMULAZIONE DELLA SECONDA VERIFICA DEL PROCESSO DI APPRENDIMENTO
Economia Aziendale - LA STORIA, L'ATTIVITA' ECONOMICA
SITUAZIONE ECONOMICA EUROPEA DAL XIX SECOLO: ANALIZZAZIONE DELL'INDUSTRIALIZZAZIONE EUROPEA
LE STRATEGIE DI PRODOTTO

TITOLI DI CREDITO

Circolazione

   La funzione più importante dei t.d.c. è senz'altro quella di permettere la circolazione del diritto cartolare semplicemente con il trasferimento del documento che questo diritto incorpora.

   Spesso, soprattutto nel mondo commerciale e degli affari, è proprio questa funzione di circolazione del credito che giustifica l'emissione del titolo.

   Il titolo di credito ha dunque una sua legge di circolazione, che è diversa dalla trasmissione del credit 717g66h o secondo il diritto comune.

   I soggetti che intervengono nel titolo di credito hanno la facoltà di limitare la circolazione dei titoli all'ordine (quelli che si trasferiscono mediante girata). Essi infatti, attraverso alcune clausole che possono inserire nel titolo (non trasferibile, non all'ordine), inibiscono l'ulteriore circolazione del t.d.c.. Secondo alcuni autori, quando queste limitazioni di trasferibilità sono apposte direttamente dal creatore del titolo, viene meno addirittura la natura di titolo di credito del documento, per mancanza di una sua caratteristica essenziale (la trasmissibilità del diritto secondo la legge di circolazione propria dei t.d.c.). Secondo altri autori invece, ferma restando la natura di t.d.c., le parti esprimono solo una manifestazione di volontà (di non trasferibilità), rientrante nell'ambito della loro autonomia.




La legge di circolazione dei titoli di credito

   Innanzitutto, per sgombrare il campo da facili equivoci, bisogna distinguere e tenere ben separati i due concetti di titolarità del diritto di credito (che riguarda il rapporto fondamentale) e la legittimazione ad esercitare il diritto di credito (che invece riguarda dil diritto cartolare contenuto nel documento).

   Infatti, mentre la titolarità del diritto (parliamo dell'originario contratto tra 2 parti, per il quale è stato emesso il documento) si trasferisce secondo le norme di diritto comune e prescinde dalle sorti del diritto cartolare incorporato nel titolo, la legittimazione ad esercitare il credito (cioè ad esigere il pagamento) segue necessariamente il documento e il diritto può essere esercitato dal suo legittimo possessore, secondo le norme della legge di circolazione dei t.d.c., indipendentemente dal fatto che egli sia anche il titolare dell'originario diritto contrattuale.

   In altre parole, mentre il credito derivante dal negozio giuridico che sta sotto l'emissione del titolo può trasferirsi solo per successione o per cessione del credito, così come regolata dal diritto comune, il potere di richiedere il pagamento indicato nel titolo spetta al possessore del documento e questo potere circola insieme con il documento seguendo delle regole tutte sue.

   C'è quindi la separazione del soggetto titolare del diritto dal soggetto legittimato a ricevere il pagamento (legittimo possessore del titolo). Questo ci porta ad affermare che con il titolo di credito circola la legittimazione ad esercitare il diritto e solo quella.

   La circolazione del titolo avviene sulla base di un negozio di trasmissione (girata, consegna del titolo, ecc.). Questa è la c.d. circolazione regolare del t.d.c. (e della legittimazione come abbiamo detto). In alcuni casi però il titolo può circolare, senza un negozio di trasmissione, contro la volontà del possessore (è il caso di smarrimento o furto del t.d.c.). Si parla in quest'evenienza di circolazione irregolare o anomala.

   La legge tutela il soggetto che ha smarrito o a cui è stato sottratto il titolo, pur salvaguardando i diritti del terzo in buona fede che è entrato eventualmente in possesso del titolo smarrito o rubato. La tutela è diversa a seconda che sia conosciuta o ignota la persona dell'attuale possessore del titolo.

   Nel primo caso, quando si conosce il soggetto possessore del titolo, la legge attribuisce al derubato o allo smarritore l'azione di rivendicazione del titolo nei confronti di tutti coloro che ne sono venuti in possesso con mala fede o colpa grave, perché consapevoli del vizio della causa di possesso. Soltanto nei confronti del terzo acquirente in buona fede del titolo l'azione di rivendicazione si blocca, come abbiamo accennato. Chiaramente l'onere della prova della mala fede o della colpa grave incombe su chi agisce in rivendica.

   Nel secondo caso, quando è ignoto l'attuale possessore del titolo, la legge attribuisce allo smarritore o al derubato l'azione d'ammortamento (=perdita di valore) per i titoli all'ordine o nominativi e un'azione molto simile per i titoli al portatore.

Articolo informazione


Hits: 2082
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.