Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Il procedimento successorio

giurisprudenza


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

Domande di Penale 2
MODI DI ESTINZIONE DIVERSI DALL'INADEMPIMENTO
Il procedimento successorio

Il procedimento successorio

Il procedimento successorio consta di tre noti fenomeni: apertura della successione, vocazione e delazione. Queste nozioni, anche per la imprecisione del linguaggio legislativo, hanno dato luogo a non pochi equivoci e contrastanti opinioni

L'apertura della successione indica, in realtÓ, solo un momento temporale e spaziale: l'inizio ed il luogo del fenomeno successorio determinato dalla morte del de cuius.
Vocazione e delazione sono, invece, fenomeni collegati alla necessitÓ di far subentrare un nuovo soggetto nel complesso dei rapporti giuridici che facevano capo all'ereditando.

La vocazione indica l'aspetto soggettivo, vale a dire la designazione, fatta per legge o per testamento, di coloro che dovranno succedere ed essa non coincide con l'espressione " chiamato all'ereditÓ " contenuta nell'art. 460.

La delazione, che Ŕ il fenomeno senza dubbio pi¨ importante tenuto conto del carattere eminentemente patrimoniale della successione a causa di morte, indica l'aspetto oggettivo del fenomeno successorio e va intesa come il complesso dei diritti, dei doveri e delle altre situazioni giuridiche che viene, alla morte del titolare, offerto al soggetto che succede.

Nella maggior parte dei casi vocazione e delazione si verificano nello stesso momento, vale a dire alla morte del de cuius; la differenza pratica tra le due figure, quindi, svanisce.

Il carattere differenziale, invece, emerge qualora tra i due fenomeni non vi sia coincidenza temporale. Ci˛ avviene nelle seguenti ipotesi: istituzione sotto condizione sospensiva, istituzione di nascituri, istituzione di enti non riconosciuti, chiamati ulteriori e, infine, successione del legittimario preterito che, come si Ŕ accennato, diventa erede non al momento dell'apertura della successione, ma quando esperisce vittoriosamente l'azione di riduzione.

In queste ipotesi, mentre la vocazione Ŕ come sempre attuale, la delazione viene differita ad un momento successivo: avveramento della condizione sospensiva, nascita, riconoscimento dell'ente, mancanza delle chiamate precedenti, esito vittorioso dell'azione di riduzione.

Questa fase, nella quale c'Ŕ attualitÓ di vocazione e differimento di delazione, viene da autorevole dottrina (Grosso e Burdese) denominata aspettativa di delazione: non competono al vocato, non ancora delato, i tipici poteri di quest'ultimo (il diritto di accettare l'ereditÓ e l'esercizio degli atti conservativi previsti dall'art. 460), ma gli compete, come ora vedremo, una tutela minore.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1305
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019